Caccia agli stranieri stanza per stanza

Caccia agli stranieri stanza per stanza

Loading

È caccia agli stranieri, specie se cittadini di Paesi della coalizione Nato, nell’Afghanistan impaurito dalla nuova «offensiva di primavera», lanciata dalla guerriglia talebana lo scorso 24 aprile. Mercoledì sera e sino all’alba di ieri mattina un commando armato ha attaccato il Park Palace guesthouse, noto residence nel centro di Kabul frequentato in preferenza da operatori umanitari, dipendenti delle agenzie internazionali e giornalisti. I morti accertati al momento sarebbero almeno 14, di cui 9 stranieri: tra loro quattro indiani, un americano, un inglese e l’italiano Sandro Abati, 47 anni, originario di Alzano Lombardo, nel bergamasco. Con lui ha perso la vita la fidanzata 27enne di origine kazaka, Aigerim Abdulayeva, avrebbero dovuto sposarsi in luglio.
Secondo alcuni testimoni, è stata una vera «caccia all’uomo mirata a provocare il massimo numero di vittime e durata oltre cinque ore»: uno o più guerriglieri con il mitra spianato avrebbero setacciato l’edificio stanza per stanza, sparando alzo uomo, ma facendo attenzione a risparmiare i proiettili per poter prolungare l’operazione.
Ancora confuse le ricostruzioni. Inizialmente fonti locali avevano parlato di un commando di diversi uomini, di cui almeno uno alla fine si sarebbe fatto saltare in aria. I talebani, che rivendicano l’azione, parlano invece di un solo militante. Un loro portavoce, conosciuto come Zabiullah Mujahid, rivela che sarebbe stata condotta da un uomo armato di kalashnikov, oltre a «esplosivo e diverse bombe a mano». In serata anche la polizia pareva propendere per questa seconda versione. Se ciò fosse confermato, risulterebbe ancora più grave il ritardo delle forze di sicurezza locali, che hanno impiegato un tempo spropositato a giungere sul posto e sprecato poi ancora molte ore prima di mettere in piedi un’effettiva operazione antiterrorismo.
Dall’ufficio del presidente Ashraf Ghani specificano che l’aggressione è cominciata alle 20.30: avrebbe dovuto coincidere con l’inizio del concerto del cantante Eltaf Houssain di fronte ad un folto pubblico, tra cui diversi americani. La polizia è riuscita a porre in salvo 44 ospiti che erano assiepati nel giardino dell’edificio.
Il nuovo massacro torna a mettere l’accento sulla precarietà della presenza degli internazionali in Afghanistan. È dalla fine dell’anno scorso, con il ritiro del grosso del contingente Nato dopo 14 anni di attività, che i leader talebani si dicono decisi a «ripulire» il Paese dagli stranieri, che a loro parere tra l’altro non avrebbero alcuna voce in capitolo nei già deboli negoziati tra loro e il governo Ghani .
Lorenzo Cremonesi


Related Articles

Rivolta di vescovi contro l’«arruolamento» di Giovanni XXIII nell’esercito

Loading

Giù le mani dal papa pacifista. Cresce lo scontro sulla decisione del Vaticano e delle forze armate italiane

La banca presta la moneta che non ha

Loading

Economia. L’insegnamento di Luciano Gallino sulla moneta: «Lo Stato si decida a fare in piccolo quello che le banche private fanno in grande: creare denaro dal nulla»

L’insegnamento di Beccaria, passato e futuro del garantismo

Loading

C’è un futuro per il garantismo penale? È solo consistente nel non far evaporare gli insegnamenti di Beccaria? Come possiamo tradurre nella post-modernità quelle domande sul perché, chi e come punire che hanno finora trovato risposte banali e ripetitive su scala globale? Di passato e futuro del garantismo si discuterà il 29 e 30 di ottobre alla Università Roma Tre (Dipartimento di Giurisprudenza) in occasione dei 250 anni dalla pubblicazione di «Dei delitti e delle pene». Di fronte all’ansia politica che vuole rassicurare simbolicamente l’opinione pubblica attraverso nuovi delitti e nuove pene va riaperto un dibattito intorno ai limiti del potere di punire.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment