Sono ripresi gli scontri nel Don­bass, 32 vittime

Sono ripresi gli scontri nel Don­bass, 32 vittime

Loading

Da almeno due giorni sono ripresi gli scon­tri mili­tari tra ribelli ed eser­cito ucraino nelle regioni orien­tali del paese. E ieri la Rada (il par­la­mento) di Kiev ha appro­vato una legge che per­mette a truppe mili­tari stra­niere la pre­senza sul pro­prio ter­ri­to­rio per assi­cu­rare «la pace e la sicurezza».

Un’ennesima pro­vo­ca­zione da parte dell’oligarca Poro­shenko, pre­si­dente del paese, forte del con­senso di Nato e Unione euro­pea. Un segnale che non pro­mette bene per il futuro delle popo­la­zioni delle regioni orien­tali ucraine.

Come già in pre­ce­denza, gli accordi di Minsk hanno dimo­strato di non poter reg­gere se ad una tre­gua mili­tare (per altro fit­ti­zia) non cor­ri­sponde poi una pro­se­cu­zione poli­tica. In realtà entrambe le parti non hanno mai con­si­de­rato Minsk come un trat­tato da rite­nersi definitivo.

E così, come in ogni guerra, aumen­tano le vit­time, com­prese i civili. Nelle ultime qua­ran­totto ore sareb­bero stati almeno sei i morti civili, secondo quanto comu­ni­cato dal comando dei ribelli, men­tre sareb­bero 32 in totale le vit­time della ripresa dei com­bat­ti­menti. Que­sto ritorno degli scon­tri sul campo dimo­stra che in realtà le ambi­zioni di Kiev e dei sepa­ra­ti­sti non sono mai arri­vate ad un com­pro­messo: l’obiettivo è la vit­to­ria finale.

Per l’esercito ucraino lo scopo è il recu­pero delle zone orien­tali, per i filo­russi l’obiettivo è l’allargamento della regione con­qui­stata. Quest’ultimi hanno vis­suto alcuni mesi di con­fu­sione, a causa del ricam­bio di molti dei coman­danti e della morte di altri; eventi, come nel caso di Moz­go­voy, il coman­dante del bat­ta­glione Fan­ta­sma, desti­nati a cam­biare l’inerzia sia stra­te­gica, sia poli­tica del conflitto.

Putin, dal canto suo, era parso richie­dere ai ver­tici del Don­bass di accon­ten­tarsi, ma non aveva fatto i conti con la volontà di Kiev, che non appare per niente inten­zio­nata ad un con­flitto con­ge­lato. Pro­prio ieri Poro­shenko si è espresso in par­la­mento, denun­ciando ancora una volta la pre­senza di sol­dati russi sul ter­ri­to­rio ucraino.

Si trat­te­rebbe dei con­sueti 9mila sol­dati che da mesi sta­reb­bero cion­do­lando sul ter­ri­to­rio ucraino, già «avvi­stati» da Stati uniti, Polo­nia, paesi bal­tici, Unione euro­pea e Nato. Ma nes­suno ha mai for­nito uno strac­cio di prova.

Del resto che ci siano dei russi (volon­tari, ex mili­tari, mili­ziani, mer­ce­nari, comu­ni­sti, fasci­sti) non è certo una novità. Alcuni media hanno anche sol­le­vato il pro­blema di pre­sunte morti di mili­tari, denun­ciate dalle madri dei sol­dati russi, ma anche in quel caso tutto è rima­sto piut­to­sto vago.

La Rus­sia è parte in causa di que­sto con­flitto, come del resto ricor­dato anche da alcuni coman­danti ribelli (lo stesso Moz­go­voy in una inter­vi­sta aveva ammesso l’importanza degli aiuti russi per la resi­stenza delle regioni orien­tali). Lo sforzo di Mosca per il Don­bass non è certo una sor­presa. Così come non lo sono quelli di Nato, Usa e Unione euro­pea per Kiev.



Related Articles

“Il mondo accetterà  sempre meno l’occupazione della Palestina”

Loading

Grossman: “Reazione prepotente al voto alle Nazioni Unite”   

Erdogan decide sulla Libia (e si prende il gas), mentre l’Italia non sa che fare

Loading

Mediterraneo. La verità è che non siamo né carne né pesce. Non stiamo con Sarraj e non stiamo con Haftar ma non siamo neppure realmente neutrali

THE CIZRE REPORT

Loading

The report, compiled by the 4 HDP members who visited Cizre for 10 days after the blockade was lifted, collects the narrative from witnesses and attempts to document the list of atrocities perpetrated during the siege

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment