«Draculescu» vuole le pen­sioni

«Draculescu» vuole le pen­sioni

Non si sono ancora inse­diati ad Atene, i tec­nici dell’ex troika, e le trat­ta­tive per un terzo pac­chetto di aiuti stanno solo per comin­ciare, ma già ripar­tono i tira e molla sulle misure da appli­care. Quello di gior­nata riguarda le pen­sioni. Nel Memo­ran­dum fir­mato da Ale­xis Tsi­pras la notte dell’Eurosummit più lungo della sto­ria la riforma era inse­rita tra i «pre­re­qui­siti» per far ripar­tire i nego­ziati, ma il governo non l’ha ancora messa ai voti e dif­fi­cil­mente se ne par­lerà prima di set­tem­bre, cioè dopo che l’accordo sarà stato con­cluso (la dead­line è fis­sata al 18 ago­sto, per dare modo di ripa­gare una rata da 3,5 miliardi alla Bce, che scade il 20, ma cir­co­lano ipo­tesi di un nuovo prestito-ponte nel caso non si rie­sca a rispet­tare i tempi).

Nella gior­nata di ieri hanno però ripreso fiato le voci, già cir­co­late la scorsa set­ti­mana, di ulte­riori «pre­re­qui­siti» chie­sti dalle isti­tu­zioni al governo greco, sia dal Fmi che dalla Com­mis­sione euro­pea, tra i quali spic­che­rebbe un ulte­riore taglio delle pen­sioni. La noti­zia ha agi­tato gli animi più del pre­sunto caso-Varoufakis (il quo­ti­diano con­ser­va­tore Kathi­me­rini ha pub­bli­cato le parole dell’ex mini­stro delle Finanze in una con­fe­rence call a dicem­bre, quando ancora era solo un bril­lante eco­no­mi­sta, in cui pre­sen­tava a Syriza un suo pre­sunto piano B per tor­nare alla dracma). Anche per­ché il taglio pre­vi­sto, stando alle indi­scre­zioni del gior­nale on line Pro­to­thema, sarebbe addi­rit­tura del 30 per cento, su asse­gni che dal primo Memo­ran­dum a oggi sono già stati decur­tati del 48 per cento. Addi­rit­tura, sostiene il gior­nale, in base alla clau­sola «defi­cit zero» accet­tata da Tsi­pras, che pre­vede un taglio auto­ma­tico alle spese nel caso non si rispet­tino i vin­coli di bilan­cio, se la reces­sione con­ti­nua (e quest’anno è pre­vi­sto un –2,5 per cento) potrebbe esserci una decur­ta­zione auto­ma­tica del 10 per cento.

Sarebbe que­sto il piano della neo­no­mi­nata capo-missione del Fmi Delia Vel­cu­le­scu, reduce dal risa­na­mento lacrime e san­gue a Cipro per il quale è stata sopran­no­mi­nata «Dra­cu­le­scu», e pre­ve­de­rebbe pure un taglio del 5–10 per cento dei salari dei nuovi assunti, che oggi è di 586 euro.

Anche la Com­mis­sione euro­pea ha fatto sapere ieri, tra­mite una sua por­ta­voce, che si aspetta «più riforme per con­sen­tire un rapido esborso» della prima tran­che del terzo pac­chetto di aiuti, con­fer­mando le indi­scre­zioni secondo le quali ad Atene sareb­bero state chie­ste ulte­riori misure.

Le isti­tu­zioni ex troika vor­reb­bero che il governo facesse appro­vare un nuovo pac­chetto (com­pren­dente soprat­tutto la riforma delle pen­sioni) prima della metà di ago­sto, in tempo per por­tare l’accordo all’approvazione dell’Eurogruppo e dei Par­la­menti nazio­nali in vista della data-limite del 20 agosto.

Ma su que­sto punto il governo Tsi­pras non cede. «Per il governo, la que­stione di ulte­riori misure prio­ri­ta­rie non esi­ste», anzi non sareb­bero state nep­pure for­mu­late dai cre­di­tori, ha detto un’anonima fonte gover­na­tiva all’agenzia di stampa Ana. In attesa del set­tem­bre caldo sul fronte interno (tra nuove misure da por­tare in Par­la­mento, il con­gresso di Syriza rispetto al quale Tsi­pras ieri ha detto che «il nostro obbligo è sal­va­guar­dare l’unità del par­tito» e pos­si­bili ele­zioni anti­ci­pate se non si ricuce con i dis­sen­zienti della sini­stra), il governo si pre­para a un ago­sto di fuoco sul deli­ca­tis­simo fronte internazionale.



Related Articles

Strage di Hanau. La follia dell’estrema destra tedesca

Si tratta di un “odio” costruito, fortemente indirizzato e politicamente agito che ruota essenzialmente intorno al discorso razzista nelle sue differenti gradazioni

Auto, le vendite tornano a salire ma non in Italia e Francia

 I dati europei di aprile: mercato +1,8%, Fiat -9,8%   

Lula, la voce del Brasile, che il cancro ha costretto a tacere. Per ora

L’ex-presidente/ SI STA CURANDO DA UN TUMORE ALLA LARINGE.  Lula è, oggi la voce del Brasile. In modo particolare, la voce di coloro che non hanno voce. Nessun brasiliano ha, all’estero, tanta udienza. I capi di Stato sono attenti a ciò che egli dice, e tra questi anche Dilma Rousseff.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment