I contratti stabili? Soltanto 47 in più

I contratti stabili? Soltanto 47 in più

Loading

Jobs Act. Il flop di luglio conferma la precipitazione da maggio in poi. Il saldo tra nuovi tempi indeterminati e cessazioni dice che la riforma Renzi, fra incentivi e tutele crescenti, non sta funzionando. Il giallo delle tabelle ministeriali «pasticciate»: alcuni numeri forniti dallo staff di Poletti sono confusi. E nel mirino del governo finiscono le pensioni

Nes­suna tre­gua per il governo sul fronte del mer­cato del lavoro. Al rien­tro dalla pausa estiva, i con­tratti a tutele cre­scenti non sup­por­tano la pro­pa­ganda. Secondo le infor­ma­zioni con­te­nute nell’ultima nota men­sile del mini­stero del Lavoro, pub­bli­cata ieri, i con­tratti a tempo inde­ter­mi­nato (a tutele cre­scenti) al netto delle ces­sa­zioni sono stati appena 47 nel mese di luglio (lo 0,3% del totale dei rap­porti netti).

Impie­toso è il con­fronto con le altre tipo­lo­gie con­trat­tuali, a con­ferma che non c’è argine al pre­ca­riato nelle riforme del governo. Tranne nel caso delle col­la­bo­ra­zioni (-23.122), le altre tipo­lo­gie sovra­stano nume­ri­ca­mente i tempi inde­ter­mi­nati. A luglio, il saldo rela­tivo al tempo deter­mi­nato è di 144.074 rap­porti netti, i con­tratti di appren­di­stato e quelli clas­si­fi­cati come «altro» (in cui ven­gono inclusi i con­tratti di inse­ri­mento lavo­ra­tivo; di agen­zia a tempo deter­mi­nato e inde­ter­mi­nato; inter­mit­tenti a tempo deter­mi­nato e inde­ter­mi­nato; auto­nomo nello spet­ta­colo) sono pari rispet­ti­va­mente a 7.785 e 6.633.

Anche le tra­sfor­ma­zioni di con­tratti a ter­mine in con­tratti a tutele cre­scenti riman­gono di gran lunga supe­riori ai con­tratti netti a tempo inde­ter­mi­nato (27.328). Un dato sot­to­sti­mato, in quanto non tiene conto delle tra­sfor­ma­zioni di rap­porti di appren­di­stato (con­te­nuti invece nelle pub­bli­ca­zioni dell’osservatorio sul pre­ca­riato dell’Inps).

Le cifre non tornano

Al di là dei dati men­sili, c’è qual­cosa che non torna nella tabella di sin­tesi che il mini­stero ha pub­bli­cato insieme alla nota di luglio. La tabella, che riporta i dati com­ples­sivi di atti­va­zioni e ces­sa­zioni di rap­porti di lavoro tra gen­naio e luglio, mostra valori dif­fe­renti da quelli che è pos­si­bile risco­struire par­tendo dalle note men­sili. Sof­fer­mando l’attenzione sui con­tratti a tempo inde­ter­mi­nato, la dif­fe­renza tra la tabella del mini­stero e la rico­stru­zione delle serie sto­ri­che men­sili sot­to­stima sia il numero di atti­va­zioni che quello delle ces­sa­zioni, rispet­ti­va­mente di 130.933 e 434.046 unità. Poi­ché la sot­to­stima è mag­giore per le ces­sa­zioni rispetto alle atti­va­zioni, ciò implica che il totale di con­tratti netti è supe­riore rispetto a quello che è pos­si­bile desu­mere da una rico­stru­zione men­sile dei dati. La dif­fe­renza non è tra­scu­ra­bile: si trat­te­rebbe di 303.113 rap­porti di lavoro in più sti­mati dal mini­stero. Discre­panze che pos­sono essere dovute a una mol­te­pli­cità di fat­tori: errori di cal­colo, revi­sioni, omis­sioni. È impor­tante che il mini­stero risponda di que­ste dif­fe­renze, pub­bli­cando le revi­sioni o smen­tendo la tabella pub­bli­cata nel caso si tratti di errori di cal­colo, così da ren­dere tra­spa­rente l’attività di osser­va­to­rio statistico.

Stando ai dati in ogni caso non sem­bra finora pos­si­bile con­fu­tare la tesi secondo cui i pochi nuovi con­tratti a tutele cre­scenti atti­vati, di fatto sta­bil­mente pre­cari senza l’articolo 18, non sono il risul­tato di un rin­no­vato inte­resse delle imprese a creare occu­pa­zione, bensì degli sgravi che que­ste ultime sono in grado di inta­scare gra­zie alla decon­tri­bu­zione sul costo del lavoro. Lo slan­cio, sep­pur tenue, segnato nei primi quat­tro mesi del 2015 è pale­se­mente sva­nito a par­tire da mag­gio. Il ral­len­ta­mento dell’economia ita­liana e l’inadeguatezza del governo nel far fronte alla crisi, nono­stante la con­giun­tura favo­re­vole, sta nei fatti.

L’attacco alla previdenza

Nel frat­tempo la mag­gio­ranza di governo riba­di­sce la volontà di com­pri­mere ulte­rior­mente i diritti dei lavo­ra­tori, così come si evince dalle pro­po­ste del sena­tore Pie­tro Ichino (Pd) sul ridi­men­sio­na­mento del diritto di scio­pero e sulla pos­si­bi­lità di sosti­tuire com­ple­ta­mente la con­trat­ta­zione col­let­tiva con quella azien­dale. Dele­gare le con­di­zioni di lavoro e le retri­bu­zioni alla con­trat­ta­zione azien­dale signi­fica spo­stare ulte­rior­mente il potere nego­ziale a favore delle imprese e a disca­pito dei lavo­ra­tori, soprat­tutto lad­dove i sin­da­cati non esi­stono. La con­se­guenza più imme­diata e dif­fusa sarebbe la ridu­zione dei salari di base e il peg­gio­ra­mento delle con­di­zioni lavo­ra­tive. Inol­tre, ci sarebbe il rischio di creare quelle che un tempo veni­vano chia­mate «gab­bie sala­riali», ovvero una dif­fe­ren­zia­zione di sala­rio tra Nord e Sud. Vere e pro­prie gab­bie di sot­to­svi­luppo, e si avve­re­rebbe l’allarme del rap­porto Svi­mez sull’arretramento per­ma­nente e il sot­to­svi­luppo del Sud.

Fa eco uno dei con­si­glieri eco­no­mici del pre­mier, Tom­maso Nan­ni­cini, che vor­rebbe «sosti­tuire la de-contribuzione sui nuovi assunti con un taglio strut­tu­rale del cuneo con­tri­bu­tivo, senza fisca­liz­zarne i costi e incen­ti­vando i lavo­ra­tori a inve­stirne una parte nella pre­vi­denza com­ple­men­tare». Rispetto all’attuale decon­tri­bu­zione alle imprese coperta dalla fisca­lità gene­rale, nell’idea di Nan­ni­cini lo Stato non paghe­rebbe i con­tri­buti non ver­sati, ope­rando un taglio netto alla pen­sione futura dei neo assunti, come fanno notare Susanna Camusso della Cgil e Guglielmo Loy della Uil. Inol­tre, sug­ge­ri­sce Nan­ni­cini, i lavo­ra­tori potranno chie­dere in busta paga i con­tri­buti rispar­miati che saranno a quel punto tas­sati come nor­male red­dito. Oppure, inve­stirli in fondi pri­vati di pre­vi­denza, su cui pro­prio l’anno scorso il governo Renzi ha aumen­tato la tassazione.

Un pro­getto che ren­de­rebbe il sistema pen­sio­ni­stico più ini­quo in quanto dal pub­blico basato sul con­tri­bu­tivo, si pas­se­rebbe a un modello di inve­sti­mento pri­vato, con un approc­cio retri­bu­tivo basato sulla capa­cità di risparmio.



Related Articles

I sindacati per l’intesa «Ma l’articolo 18 resti fuori dal tavolo»

Loading

Cgil, Cisl e Uil hanno definito il documento comune da portare al confronto con il governo
Elsa Fornero ha incontrato ieri Rete imprese Italia che chiede maggiore flessibilità 
Raggiunta l’intesa tra i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil: «Noi siamo pronti, vediamo se anche il governo è pronto». L’assenza di eventuali modifiche all’articolo 18 è precondizione al confronto

Tassi, misure anti-deficit e prestiti solo 120 ore per salvare l’euro

Loading

La Bce valuta un taglio. Il Fmi chiede aiuto all’America Latina.  Venerdì l’Ecofin Missione nel Vecchio continente per il segretario al Tesoro americano 

E anche nella Fortezza Germania i tassi d’interesse tornano a salire

Loading

Londra, fuori dall’euro, fa il pieno con un’asta di titoli a 55 anni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment