Crescita modesta, con molti precari. Ed esplodono i vou­cher

Crescita modesta, con molti precari. Ed esplodono i vou­cher

Loading

Gli ultimi dati sull’occupazione pub­bli­cati nei giorni scorsi dall’Istat con­ti­nuano a mostrare una debole ripresa del mer­cato del lavoro ad ago­sto. Gli occu­pati, rispetto al mese di luglio aumen­tano di 69 mila unità, men­tre dimi­nui­scono i disoc­cu­pati di 11 mila.

Nel con­fronto più ampio in ter­mini tem­po­rali, si nota che rispetto a un anno fa ci sono 325 mila occu­pati in più, di cui il 99,9% sono lavo­ra­tori dipen­denti, men­tre la restante parte riguarda gli indi­pen­denti. C’è chi, come il pre­si­dente del con­si­glio Mat­teo Renzi, ha voluto tem­pe­sti­va­mente attri­buire que­sto aumento al Jobs Act, nono­stante l’evidente scol­la­mento tra la realtà e i fatti. Come sap­piamo il Jobs Act, al netto della riforma Poletti appro­vata nel mag­gio scorso, entra in vigore solo a marzo di quest’anno, pre­ce­duta dall’introduzione degli sgravi con­tri­bu­tivi sul costo del lavoro a gen­naio. Ciò implica che, dei nuovi 188 mila lavo­ra­tori a tempo inde­ter­mi­nato in più in un anno, i 76 mila assunti tra ago­sto e fine dicem­bre 2014, cioè il 40% del totale, non riguar­dano in alcun modo le riforme del governo. Inol­tre, a guar­dare i dati da gen­naio 2015, il con­tri­buto dei lavo­ra­tori a tempo “inde­ter­mi­nato” all’aumento dell’occupazione si ferma al 42%, men­tre quello degli occu­pati a ter­mine è del 58%.

In ter­mini per­cen­tuali, que­ste varia­zioni si tra­du­cono in un aumento dell’occupazione a ter­mine del 6,79% e dello 0,77% per quella “per­ma­nente” nei primi otto mesi del 2015. Se in ter­mini ana­gra­fici vince la Riforma For­nero, sul tipo di con­tratto potremmo dire che il decreto Poletti supera in effi­ca­cia le tutele cre­scenti e gli sgravi. Ma la que­stione è più complessa.

Innan­zi­tutto, è un dato ine­lu­di­bile che la ripresa dell’occupazione è il risul­tato di un feno­meno di ciclo eco­no­mico, che inve­ste, come mostra l’Eurostat, quasi tutti i paesi dell’eurozona.
Gli entu­sia­smi e i pro­clami del governo ser­vono solo a giu­sti­fi­care la spesa soste­nuta per gli incen­tivi alle imprese sul costo del lavoro, che di fronte ai dati euro­pei appare se non super­flua, al limite dell’accettabile. In Ita­lia, per gua­da­gnare qual­che irri­so­rio deci­male sul tasso di occu­pa­zione si met­tono a bilan­cio 15 miliardi di euro nel trien­nio, pagati con tagli tra­sver­sali della spesa per i diritti essen­ziali, come la disa­bi­lità, scuola e la sanità.

Nono­stante gli sgravi, il tasso di crea­zione di posti di lavoro da parte delle imprese rimane ben al di sotto della media euro­pea, rispet­ti­va­mente 0,7 con­tro 1,7. Un’ulteriore con­ferma delle carat­te­ri­sti­che di que­sta ripresa dell’occupazione, che si sostan­zia in ter­mini di ore lavo­rate dal calo della cassa inte­gra­zione e non di un’espansione vera e pro­pria dei set­tori pro­dut­tivi. A riguardo, ricorda l’Istat, il tasso di inve­sti­mento delle imprese ita­liane rimane sta­bile a un esi­guo 19% del valore aggiunto, in aumento di appena lo 0,1% rispetto a un anno fa.

Tor­nando ai dati sull’occupazione, sarebbe oppor­tuno sof­fer­marsi sulla note­vole espan­sione degli occu­pati a tempo “inde­ter­mi­nato” che viene dai con­tratti di som­mi­ni­stra­zione, cioè quei con­tratti avviati tra agen­zie inte­ri­nali e lavo­ra­tori, che svol­gono le pre­sta­zioni lavo­ra­tive presso le aziende oppure baste­rebbe guar­dare ai dati sui vou­cher per ren­dersi conto che forse il nostro mer­cato del lavoro non gode di ottima salute. Un dato che il governo tende a disco­no­scere, nono­stante i sol­le­citi del pre­si­dente dell’Inps Boeri di fronte a un aumento nella ven­dita dei buoni lavoro del 73% nei primi 7 mesi del 2015 rispetto a un anno fa.

Appare chiaro quanto allar­mante che l’esplosione dei vou­cher sia accom­pa­gnata da uno stra­vol­gi­mento della loro stessa fun­zione: nati per rego­lare rap­porti di lavoro occa­sio­nali, sem­brano essere oggi uti­liz­zati per lavori veri e pro­pri che nulla hanno a che vedere con l’occasionalità delle prestazioni.

Pro­prio il Jobs Act ha ulte­rior­mente libe­ra­liz­zato l’istituto dei vou­cher aumen­tando i mas­si­mali di red­dito per­ce­pi­bili tra­mite buoni lavoro, di con­se­guenza, quando si parla di valu­ta­zione della riforma del lavoro biso­gne­rebbe tenere den­tro tutti i pezzi che la com­pon­gono non sol­tanto quelli che fanno comodo alla pro­pa­ganda di governo, nono­stante venga costan­te­mente smentita.



Related Articles

Con le nuove partite Iva le donne battono la crisi

Loading

LE DONNE incidono sempre di più sull’economia del nostro Paese, soprattutto in questa fase di crisi occupazionale. Le donne hanno avuto la capacità di “inventarsi” nuovi lavori dove il lavoro non c’era. Lo dimostra l’andamento e la distribuzione negli ultimi cinque anni dell’apertura di nuove partite Iva.

Più soldi per la protezione sociale, meno criminalità : ricerca della Cattolica

Loading

Il titolo: “Composizione della spesa pubblica e incentivi alla criminalità  organizzata”. Caruso (università  Cattolica): “Se la spesa per la protezione sociale aumentasse del 10% la diminuzione dell’indice di criminalità  è stimata intorno al 20-25%”

Cop21: l’Europarlamento prepara le proposte

Loading

Riscaldamento climatico. Oggi a Roma riunione interparlamentare tra Strasburgo e deputati italiani. Il relatore Pargneux: “c’è intesa sugli obiettivi” per limitare le emissioni a effetto serra. Il dramma prossimo venturo dei rifugiati climatici

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment