Bollette, 3 milioni di famiglie in crisi

Bollette, 3 milioni di famiglie in crisi

Loading

ROMA. Fra mutuo, affitti e bollette da pagare, la casa, per tre milioni di famiglie italiane rappresenta un incubo. Una voce di bilancio in rosso che le costringe ad arrancare: in media, nel 2014, per l’abitazione si sono versati 357 euro al mese, e quasi il 12 per cento delle famiglie non ce l’ha fatta ad essere puntuale nei pagamenti. Difficoltà che sono diventate emergenza per quel milione e mezzo di famiglie più povere che a fine mese ha fatto i conti con l’affitto. Lo ha fatto notare l’Istat durante la sua audizione al Parlamento sulla legge di Stabilità.
Ma non è solo la casa a turbare i sonni dei contribuenti: la Cgia di Mestre ha calcolato che ogni italiano paga ogni anno un centinaio di tasse. Un lungo elenco di voci che include balzelli di natura varia, addizionali, accise, imposte, sovraimposte, tributi, ritenute. Il saldo medio è di 8 mila euro a testa che sale a 12 mila se si considerano anche i contributi previdenziali.
All’analisi il premier Renzi ha risposto con un tweet: «Se cercate un premier che alza le tasse, o cambiate premier, o si cambia Paese» ha scritto, rilanciando uno dei passaggi-chiave del suo intervento all’assemblea dei parlamentari Pd di martedì scorso e linkando il sito del “Foglio” che lo riportava integralmente.
Ma di case e tasse si parla molto anche nella valanga di emendamenti presentati alla legge di Stabilità. Ieri, scaduto il termine di presentazione alla Commissione Bilancio del Senato, se ne contavano 3.500, avanzati sopratutto da Pd, Movimento 5 Stelle e Forza Italia. Più o meno 900 dalla maggioranza e 2.600 dall’opposizione: ora dovranno passare al vaglio dell’esame di ammissibilità. Fra domani e martedì anche il governo dovrebbe presentare i suoi emendamenti: nel pacchetto potrebbe trovare spazio l’anticipo del taglio Ires per il Sud (nel resto dell’Italia entrerebbe in vigore dal 2017) o uno sgravio più generoso per gli assunti nel Mezzogiorno. Non ci saranno modifiche sul tetto innalzato da mille a tremila euro – Renzi si è detto pronto a mettere la fiducia – ma ci potrebbe essere qualche correzioni sul money transfert.


Related Articles

Ezgi, Mehmet e i mille anti-Erdogan «È un regime, noi non taciamo più»

Loading

La rivolta dei 1.128 accademici si allarga. «Perseguitati come traditori. Non c’è libertà»

Cambogia. 140 scioperi in un anno, per 100 dollari di salario

Loading

? Un’immagine delle proteste per gli aumenti salariali nel tessile cambogiano © Reuters

Cambogia. Dal 2004 a oggi crescita all’8%, ma il 40% dei bambini è malnutrito

Schiaffi ai figli, per un quarto dei genitori “è un gesto educativo”

Loading

Ricerca di Save the children. Il 22% lo fa qualche volta al mese, il 5% quasi tutti i giorni, il 49% eccezionalmente. Il 25% si rifiuta di utilizzarlo. La ricerca del dialogo e dell’ascolto indicati come pilastri del rapporto educativo: 50% e 35%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment