La nuova strategia globale dell’Isis

La nuova strategia globale dell’Isis

Gli attentati di Parigi sono stati rivendicati dallo Stato islamico, ma il comunicato degli uomini del Califfo ci dice poco sulle reali responsabilità. Non dimostra che gli attacchi multipli siano stati ideati e finanziati dalla casa madre.

Non chiarisce se lo Stato islamico abbia fornito soltanto l’ispirazione, o se abbia garantito una regia, oltre a soldi e mezzi. La questione non è secondaria, come ha ricordato il procuratore francese Francois Molins, che nel suo discorso alla stampa ha enfatizzato un punto centrale: «dobbiamo capire da dove venissero (gli attentatori, ndr)…e come siano stati finanziati».

Farlo è un’operazione complessa. In genere servono molte settimane, spesso mesi, prima di riuscire a stabilire con certezza la catena di comando. Una volta che sarà chiarita, sarà possibile rispondere alla domanda su cui si interrogano tutti gli specialisti: la strage di Parigi rappresenta una svolta strategica per lo Stato islamico?
Per molti analisti, sì.

Tra questi Jason Burke, autore di testi ormai considerati fondamentali sul jihadismo, tra cui Al Qaeda. La vera storia (Feltrinelli 2004) e più recentemente di The New Threat from Islamic Militancy (Random House). Sul giornale britannico The Guardian, Burke ha sostenuto infatti che se l’attentato di qualche settimana fa nel Sinai contro il Metrojet russo «non era una prova definitiva» della nuova strategia internazionalista dello Stato islamico, gli attacchi di Parigi confermano invece che l’Isis «è diventato globale».

Per Burke, «un elemento globale» — attacchi diretti a obiettivi occidentali — si sarebbe aggiunto di recente alla tradizionale campagna locale, votata alla conquista e alla gestione del territorio del Califfato. Dall’incitamento indiretto ai simpatizzanti e ai militanti che vivono in Francia e altrove affinché compiano attacchi in Europa, si sarebbe passati alla pianificazione centralizzata.

Gli attacchi di Parigi, anche se venisse dimostrato che sono stati compiuti da cellule locali, risponderebbero dunque a una novità strategica: colpire l’Occidente, quell’Occidente che finora era servito perlopiù come controparte per rinsaldare il fronte interno e legittimare ideologicamente il jihad.

Anche per William McCants, direttore alla Brookings Institution del progetto sulle Relazioni degli Usa con il mondo islamico, autore di The Isis Apocalypse (St. Martin’s Press), ci troveremmo di fronte a «un cambiamento fondamentale nella strategia globale dell’Isis». Se finora l’Isis sembrava concentrarsi sulla necessità di attirare simpatizzanti e militanti in Siria e Iraq per il grande progetto di “State-building” del Califfato, ciò che è successo a Parigi dimostrerebbe invece l’intenzione di dirottare maggiori risorse — finanziarie, operative e strategiche — per le operazioni contro i Paesi occidentali. In questo senso, hanno suggerito alcuni analisti, la tensione di fondo dello Stato islamico tra l’impulso messianico, votato all’edificazione del Califfato, e l’inclinazione al pragmatismo jihadista internazionale sarebbe stata sciolta a favore di quest’ultimo.

Charlie Winter, ricercatore alla Georgia State University, non è d’accordo. Per lui, la strategia dell’Isis è sempre stata ibrida, locale e globale, due piani che nel jihadismo contemporaneo non solo non si escludono, ma si rafforzano a vicenda.

Sulla sua stessa posizione Thomas Hegghammer, direttore del dipartimento sul terrorismo al Norwegian Defence Research Establishment di Oslo, per il quale non si può affermare con certezza che l’Isis sia diventato globale, perlomeno non prima di aver registrato una serie di attentati con chiari legami con la leadership centrale. Al di là delle diverse opinioni sulla svolta strategica, su un punto gli analisti concordano. Con gli attentati di Parigi, lo Stato islamico aveva almeno tre obiettivi: terrorizzare la popolazione, reclutare nuovi militanti e, soprattutto, polarizzare il campo, eliminando quella «zona grigia» che il Califfo al-Baghdadi ha criticato nel suo celebre discorso del luglio 2014.

A giudicare dalle reazioni politiche, in Italia e in Francia, l’obiettivo è raggiunto. Anche perché quasi tutti sembrano dimenticare che, come ha scritto Mario Giro su Limes online, è il nostro narcisimo di europei «che ci porta a pensarci sempre al centro di tutto». Gli attentati hanno colpito Parigi, certo, ma la vera guerra è interna al fronte jihadista. Le prime vittime, i musulmani.



Related Articles

LA BANDA DELLA DEFLAZIONE

L’Europa, che sta andando peggio di quanto sia andata negli anni Trenta, è chiaramente in balia del vortice della deflazione, ed è un bene sapere che la banca centrale lo capisce. La sua epifania, tuttavia, potrebbe essere decisamente tardiva

Gerusalemme. Una Guida per i confusi su ultradestra e islamofobia

Gerusalemme. Il gioco di Tel Aviv: la questione è non il metal detector sulla Spianata o la telecamera di sorveglianza. Il governo Netanyahu sfrutta l’apatia generale e l’islamofobia europea per proseguire con l’occupazione

Peggio dell’Italia solo la Serbia Ma il Dap: spazio vitale assicurato

Carcere. Rapporto 2012 del Consiglio D’Europa: 145 detenuti ogni 100 posti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment