“Uniti come contro Hitler” Bombe e missili dal mare è alleanza Putin-Hollande

“Uniti come contro Hitler” Bombe e missili dal mare è alleanza Putin-Hollande

MOSCA. LA Russia è entrata ufficialmente in guerra ieri mattina «al fianco dell’alleato francese» e in attesa di eventuali nuove adesioni sul fronte occidentale. «Uniti contro il terrorismo come accadde contro Hitler, nonostante tutte le nostre divergenze», dice il Cremlino tagliando corto sulle sottigliezze diplomatiche e lasciando la parola alle armi. Bombardieri a lungo raggio, partiti da basi russe, tempestano Raqqa e Deir Ezzor, roccaforti siriane del Califfato, mentre missili da crociera lanciati dai sottomarini di Mosca nel Mediterraneo coprono, tra Aleppo e Idlib, la prima avanzata dell’esercito di Assad, rinvigorito e protetto dai fidati alleati, che comincia a strappare posizioni preziose alle milizie jiahdiste. Per la prima volta in simultanea gli attacchi sono stati seguiti da quelli dei caccia Dassault Rafale e Mirage francesi partiti dalle basi giordane e degli emirati arabi. Ed è Putin in persona a ordinare ai capi della Marina e dell’Aviazione di «comportarsi da alleati leali e collaborativi con i colleghi francesi ». Dalla tolda dell’incrociatore lanciamissili “Moskva”, ammiraglia della Flotta russa nel Mar Nero, alla fonda davanti alla base di Tartus, partono già informazioni e suggerimenti rivolti alla portaerei francese “Charles de Gaulle” in arrivo in zona di combattimenti.
Gli stessi Putin e Hollande, in una intensa telefonata di più di mezz’ora, si sono scambiati proposte e considerazioni strategiche in attesa di vedersi presto, a Mosca, il 26 novembre. Si è parlato poco di politica e molto di azioni militari in questa insolita alleanza naturale tra due nazioni ugualmente colpite dal terrorismo dell’Is. E non è un particolare da poco. Nell’ansia legalista della Russia di Putin, l’escalation congiunta di Mosca e Parigi trova infatti la sua legittimità nell’articolo 51 dello statuto Onu che sancisce il “diritto di uno Stato all’autodifesa”. Con tempismo, forse ben studiato, Mosca ha infatti ufficializzato proprio ieri quello che tutti sapevano da tempo: la strage dell’aereo delle vacanze, l’Airbus esploso in volo con tutti i suoi 224 passeggeri il 31 ottobre scorso sui cieli del Sinai, è stato un attacco deliberato alla Russia, programmato e messo in atto dal Califfato due settimane prima dei massacri che hanno sconvolto Parigi. Tra i bagagli dei turisti russi di ritorno a San Pietroburgo qualcuno, forse con la complicità del personale egiziano dello scalo di Sharm el Sheikh, ha messo una bomba artigianale di oltre un chilo di esplosivo.
La scontatissima “rivelazione” dei servizi segreti ha scatenato Putin secondo uno schema tristemente collaudato: «Non asciugheremo mai le nostre lacrime ma questo non ci impedirà di trovare i criminali. Li cercheremo dappertutto, ovunque si nascondano, li troveremo e li puniremo ». Parole durissime, appena più trattenute rispetto a quelle storiche pronunziate nel 1999 dopo le bombe cecene in due condomini di Mosca: «Li troveremo anche dentro ai loro cessi». Ma il senso e la rabbia erano quelli. Non a caso, quella antica espressione è stata subito scelta, come fosse stata detta ieri, da migliaia di frequentatori di Internet per urlare la propria indignazione e il loro slancio patriottico a favore della nuova offensiva russa in Siria. Un modo per esorcizzare la paura di altri attentati che intanto dilaga insieme alle notizie che arrivano dalla Siria. Paura invisibile ma evidente. Sui portoni di molte case la polizia ha affisso foto segnaletiche di inquietanti personaggi con preghiera di «avvisare immediatamente in caso di avvistamento». Alla Duma si parla di chiudere i voli civili con l’Europa, la Turchia e la Tunisia. Qualcuno propone di reintrodurre il sovietico “visto d’uscita”, con controlli personali e familiari per ogni cittadino che volesse recarsi all’estero. Agenzie di viaggi, ma anche negozi del centro, parchi, sale da concerti, registrano un brusco calo di presenze. Su un sito molto popolare si possono leggere i «consigli dei migliori esperti antiterrorismo». Dicono di non «dare mai le spalle alla folla», di «controllare personalmente che le uscite di sicurezza funzionino prima di sedersi in un cinema», «stazionare il meno possibile in luoghi frequentati da troppe persone», «segnalare alla polizia ogni persona o episodio sospetti».
Ma a giustificare le paure ci pensa la guerra stessa. Le azioni di Aviazione e Marina russa, «impegnate nella lotta al terrorismo » riempiono nuovamente i telegiornali. L’utilizzo dei bombardieri a lungo raggio sarebbe stato devastante. I Tupolev 22 M3 avrebbero effettuato in un solo giorno 127 missioni su 206 obiettivi controllati dallo stato islamico distruggendo, secondo il ministero della Difesa, 140 strutture, 10 depositi di armi e quattro centri di comando. Cifre asettiche, come sempre nei bollettini di guerra. All’Onu e presso l’organizzazione Human Rights Watch si parla di centri medici bombardati e di molte vittime civili. Con risposte indignate dell’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Safronkov contro la «politicizzazione dei diritti umani». La guerra, quella vera, è cominciata; la pietà per i civili, rimandata ad altre occasioni.


Related Articles

L’assedio, poi 400 civili rapiti A Deir Ezzor il massacro dell’Isis

Decine di vittime, tra cui donne e bambini. Il regime di Damasco: 300 innocenti trucidati

Barack: “Il ritiro comincia nel 2011”

La Casa Bianca corregge Petraeus. Oltre quota 2000 i soldati uccisi in Afghanistan

Il capo del Pentagono Robert Gates conferma: l’anno prossimo lascerà  l’incarico Il generale aveva messo in dubbio il calendario del rientro delle truppe impegnate a Kabul  

Gli ultimi bastioni degli irriducibili sul mare e nel deserto

Sirte è la città  natale del Colonnello L’oasi di Sebha è in posizione strategica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment