La strage infinita dell’Egeo dieci bambini morti nel barcone rovesciato

La strage infinita dell’Egeo dieci bambini morti nel barcone rovesciato

Loading

APPENA ventiquattrore dopo la giornata mondiale del migrante, una nuova strage si è consumata ai confini di un’Europa ancora incapace di affrontare l’emergenza profughi. Un barcone di dodici metri si è rovesciato venerdì notte nel centro della baia di Bodrum, costa sud est della Turchia. A bordo c’erano trentadue persone: diciotto sono morte annegate. Tra questi dieci bambini, uno trovato morto tra le braccia della madre, e quattro donne, una incinta di quattro mesi. Dall’inizio dell’anno, nell’Egeo sono annegati 700 profughi bambini.
Partito da una delle spiagge che si affacciano sul golfo di Bodrum, il gruppo di siriani, iracheni e pachistani si è presto reso conto di non riuscire ad affrontare il mare in tempesta. Puntava verso l’isola di Kalymnos. Ma il vento e le correnti devono aver fatto scarrocciare la barca verso sud. Dopo mezz’ora di navigazione, il gruppo ha iniziato a imbarcare acqua. Presi dal panico, uomini e donne a bordo si sono ammassati su un lato e si sono capovolti.
Solo davanti alla morte dei bambini l’Europa reagisce con le solite note di solidarietà: «Dopo tre mesi di assoluto silenzio », commenta l’Unhcr, «si parla della vera ecatombe che si consuma ogni giorno tra la Turchia e la Grecia». Dall’inizio dell’anno, lungo la rotta balcanica sono transitate 850 mila persone. Un record assoluto nel più grande esodo umano dell’epoca moderna. La Turchia assiste più che intervenire. Secondo l’accordo del novembre scorso, Ankara dovrà ricevere un contributo europeo di 3 miliardi di euro. Serviranno a compensare gli sforzi per assistere i 2,2 milioni di sfollati che assediano il confine con la Siria. Ma i rifugiati possono essere un ottimo strumento di pressione per altri scopi. Come quello di entrare nella Ue.
Chi può fugge dai campi. Verso la costa mediterranea. Bodrum è diventato l’hub delle traversata verso l’Europa. Siriani, iracheni e afgani sbarcano col traghetto ad Atene e si dirigono a piedi verso Idomeni e da lì passano in Macedonia, Serbia, Croazia, Slovenia, Austria. Hanno il visto. Diverso per marocchini, algerini, somali, eritrei che restano nei campi greci. Lubiana ha costruito il suo muro. Gli scontri tra migranti e polizia sono quotidiani. Ieri, l’ultimo. «Siete come i nazisti», hanno urlato i rifugiati. La rete, punteggiata da gagliardetti e bandiere naziste, è stata usata per una partita di pallavolo.
( d. m.)


Related Articles

Stati Uniti. Dopo sei tentativi, finalmente il Colorado abolisce la pena di morte

Loading

Stati uniti. Al sesto tentativo dal 2009, con 38 voti a favore e 27 contrari, lo Stato di Columbine si unisce a 21 altri Stati e volta pagina. I tre condannati attualmente nel braccio della morte potrebbero essere graziati

“Troppo stress” e spuntano gli anti-natalisti

Loading

Va a ruba in Francia un pamphlet al vetriolo.  1,6 milioni. Sono tanti i figli che Oltralpe vivono con un genitore che si è risposato Molti odiano il Natale in quanto festa della famiglia tradizionale e in Francia una su tre finisce in divorzio

Coronavirus. Trieste soccorso e aiuto ai migranti, nonostante la Lega

Loading

A Trieste, da mesi, un gruppetto di volontari – tra loro anche medici dell’Associazione Don Kisciotte – si fa trovare in una delle piazze del centro, offre un primo soccorso e cura le ferite dei migranti in arrivo da Serbia, Bosnia, Croazia, Slovenia dopo essere stati percossi e derubati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment