26J: Smentite le aspettative, Unidos Podemos è solo terzo (e perde punti)

26J: Smentite le aspettative, Unidos Podemos è solo terzo (e perde punti)

L’attuale e probabile futuro premier Rajoy

“Questi non sono buoni risultati”. Le parole di delusione del numero due di Podemos, Íñigo Errejón, pronunciate alle 10, col 70% dei voti scrutati, riassumono il senso della notte elettorale.

Il “sorpasso” di Unidos Podemos sul Psoe che tutti i sondaggi davano per sicuro non solo non si è concretizzato. Ma l’alleanza fra Izquierda Unida e Podemos non ha nemmeno superato i risultati del 20 dicembre, quando le due forze andavano separate. Ma il peggio di tutti è che il Partito popolare non solo arriva primo – cosa ampiamente prevista – ma guadagna ben 14 seggi. In questo modo, Mariano Rajoy vince la scommessa contro ogni pronostico e riesce a rafforzare una leadership che tutti davano per spacciata. Né corruzione, né scandali hanno potuto con il vecchio leader.

I numeri sembrano dunque dare ragione a chi in Podemos e Izquierda Unida non vedeva di buon occhio l’alleanza elettorale. Anche se Pablo Iglesias ha dichiarato ieri notte che l’alleanza – almeno per ora – non è in discussione. Ma certo a partire da lunedì sia Podemos che Izquierda Unida dovranno fare delle valutazioni su dove sono finiti il 3% (in proporzione) dei voti persi da dicembre a oggi sommando IU, Podemos e tutte le alleanze locali. All’appello mancano circa mezzo milione di voti.

In numeri, il Pp, con il 33% dei voti, oggi gode di 137 seggi (a dicembre ottennero praticamente la stessa percentuale di voti), il Psoe, benché con 23% dei voti, cioè 2 punti in più che a dicembre, ha 85 seggi (5 meno), Unidos Podemos mantiene i suoi 71 seggi (come a dicembre: ne avevano 69 Podemos e 2 Izquierda Unida), ma in percentuale di voti crolla rispetto alla somma di Podemos, le sue alleanze e Izquierda Unida: -3% dei voti. Anche Ciudadanos perde: con un punto percentuale in meno, il suo 13% gli fa perdere 8 dei suoi 40 seggi.

La partecipazione è stata solo una manciata di punti più bassa che a dicembre, intorno al 68%. Hanno votato 23 milioni e mezzo di persone, contro i 25 milioni che votarono a dicembre. Anche questi dati smentiscono categoricamente le stime dei sondaggisti: si aspettavano almeno 4-5 punti percentuali in meno di partecipazione.

Nonostante questo, l’alta partecipazione non ha favorito nessuno dei nuovi partiti, né Unidos Podemos, né Ciudadanos: è, di fatto, una vittoria del bipartitismo che sembrava definitivamente sconfitto a dicembre.

L’instabilità politica, quindi, è potenzialmente ancora più grande che a dicembre. Il partito popolare potrebbe addirittura riuscire a tornare al governo: assieme a Ciudadanos ora è già a 169 seggi (la maggioranza è 176), ma per farcela dovrebbe ottenere l’astensione di qualche altro partito, che oggi come a dicembre sembra impensabile.

Se Podemos dovesse davvero – come prometteva quando era convinto di superare il Psoe – appoggiare un eventuale governo di Sánchez, assieme otterrebbero solo 157 seggi. Ma potrebbero ottenere l’appoggio esterno di altri partiti. Solo che, a meno di un accordo con Ciudadanos, i partiti nazionalisti sarebbero di nuovo indispensabili, cosa che per i socialisti è indigeribile.

Ma c’è anche un altro elemento che peserà sul futuro socialista: nella roccaforte andalusa i socialisti non sono andati molto bene: la presidente andalusa Susana Díaz ha oggi meno cartucce per minare il cammino del suo segretario Pedro Sánchez. I socialisti dovranno mettere via i coltelli perché la leadership di Sánchez, che anche con 5 deputati in meno, salva gli stracci e la primazia nella sinistra, è al sicuro. E infatti ieri sera gongolava: siamo noi la principale forza del cambio.



Related Articles

“Cittadinanza più veloce per i bambini stranieri E 80 euro alle neomamme”

Renzi a Canale 5 annuncia anche il via libera alle unioni civili “Partiremo dopo la legge elettorale”. Il bonus nella manovra

Rom, l’Europa si spacca Sarkozy: “Berlino come noi” la Merkel: “Dice il falso”

E il presidente francese litiga anche con Barroso. La commissione Ue in difesa della commissaria alla Giustizia Viviane Reding. Quella donna ha ferito la Francia con le sue critiche. Sono offese che come capo di Stato non posso lasciar passar.e Nessun dietrofront, voglio le scuse 

“Un complotto per uccidere Putin”

Il Cremlino annuncia di aver sventato un attentato di terroristi ceceni. Ma i blogger attaccano: “Trovata elettorale”  il giallo che fa infuriare l’opposizione  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment