Colombia. La pace è qui per rimanere

Colombia. La pace è qui per rimanere

Loading

Le FARC-EP riaffermano, davanti alla Colombia e al mondo, che i suoi fronti guerriglieri in tutto il paese rimangono in cessate il fuoco bilaterale e definitivo, come una misura necessaria di conforto per le vittime del conflitto, e in rispetto a quanto accordato con il governo nazionale.

• Facciamo appello al movimento sociale e politico affinché appoggi risolutamente attraverso la mobilitazione e altre forme di espressione pacifica, l’Accordo Finale per la Costruzione di una Pace Stabile e Duratura. La pace in Colombia è costituzionalmente un diritto e un dovere di adempimento obbligatorio, che deve prevalere sull’odio e la violenza.

• La pace è un diritto contro-maggioritario, perché è un diritto configuratore ed essenziale della dignità umana. Così lo dichiara la Corte Costituzionale, che inoltra stabilisce in una recente sentenza che il plebiscito non ha alcun effetto giuridico. L’effetto è politico.

• L’Accordo Finale per la costruzione di una pace stabile e duratura è stato firmato come Accordo Speciale e depositato presso il Consiglio della Confederazione Svizzera, a Berna. Questo gli conferisce effetto giuridico innegabile e irrevocabile.

• Le FARC-EP rimangono fedeli a quanto accordato. La pace con dignità è qui per rimanere. I sentimenti bellicisti di coloro che vogliono sabotarla non saranno mai più potenti dei sentimenti di concordia, inclusione e giustizia sociale.

Stato Maggiore Centrale delle FARC-EP


Tags assigned to this article:
Colombia. FARC-EPprocesso di pace colombiano

Related Articles

Il Manifesto e le interpretazioni della vicenda libica

Loading

  Questa lettera è stata inviata un mese al Manifesto da Joseph Alevi, apprezzatissimo collaboratore di quella testata dal 1990. Non è ancora  stata pubblicata.Ritenendola un contributo di grande rilievo giornalistico e culturale lo facciamo noi.

Marocco, un arresto per gli attentati in Spagna, il re Mohammed VI concede un’amnistia

Loading

Una persona in stato di arresto e altre tre indagate. È il contributo marocchino all’inchiesta e alle operazioni di polizia dopo i fatti di Barcellona e Cambrils

Il petrolio siriano si chiama acqua. La guerra illegale

Loading

Con alcuni colleghi americani abbiamo incontrato all’università diverse centinaia di studenti per discutere delle questioni legali che sono sul tappeto in Syria. Devo confessare che non mi aspettavo molto di buono da un panel in cui sedeva un ex consigliere legale di Harold Koh, (il massimo responsabile della politica obamiana degli omicidi mirati tramite droni) e un ex giudice di Corte militare, esperta di diritto umanitario (che è la nuova denominazione del diritto di guerra).

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment