Turchia: prende il via il primo processo per il fallito golpe

Turchia: prende il via il primo processo per il fallito golpe

Loading

È iniziato ieri il primo processo contro 29 poliziotti accusati di aver partecipato al fallito golpe del 15 luglio scorso. L’udienza si è svolta dentro la prigione che ospita l’alta corte penale di Istanbul, la stessa del maxi processo per il caso Ergenekon: 25 imputati sono tuttora detenuti, uno è fuggito e gli altri 4 sono liberi su cauzione. L’obiettivo della magistratura – ampiamente controllata dal governo – è dimostrare i legami dei golpisti con l’imam Gülen, ex spalla del presidente Erdogan e oggi nemico numero uno.

L’accusa mossa ai 29 poliziotti è aver disobbedito all’ordine di difendere il palazzo presidenziale di Istanbul, nella pratica aver disertato. Il rischio è alto: tre ergastoli a testa per 21 di loro, tra 8 e 15 anni di prigione agli altri 8 ufficiali. Restano ancora lontani da un’aula di tribunale i vertici militari sospettati di aver ordito il golpe: dovranno attendere il prossimo anno quando – aveva detto il governo – sarebbe stata pronta una corte speciale capace di ospitare l’alto numero di imputati.

Sono oltre 1.200 le persone già accusate di un qualche crimine legato al putsch, 41mila quelle agli arresti e 101.800 quelle indagate, sospese dal lavoro o licenziate.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

CinAfrica. Pechino sembra voler colmare il vuoto lasciato da russi e americani nella regione

Loading

Oltre 2.500 progetti avviati e finanziati in 51 Paesi 222 miliardi di dollari stanziati per lo sviluppo La prima base navale, a Gibuti. Così Pechino vuole esportare nel “Continente nero” un modello strategico alternativo all’Occidente

India, le elezioni più grandi del mondo

Loading

India Più di 800 milioni alle urne Nove milioni di seggi e 543 parlamentari da eleggere Favorito il leader del partito induista

Se Due Ragazzi Giustiziati non Fanno Notizia

Loading

Sono passati i mesi, i giorni, i minuti, poi è arrivato venerdì 16 marzo. Sabato la madre di Vladislav ha trovato nella cassetta della posta la nota della Corte Suprema che la informava dell’avvenuta esecuzione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment