La C-Star della destra anti-migranti respinta dai pescatori tunisini

La C-Star della destra anti-migranti respinta dai pescatori tunisini

Loading

ROMA Da quando la C-Star, la nave anti migranti del gruppo di militanti di destra della missione «Defend Europe» è salpata al grido dannunziano di «Arma la prora e salpa verso il Mondo!» per «smascherare» le ong e render loro la vita difficile nel salvataggio dei disperati in mare, pare aver coalizzato un movimento pan Mediterraneo. Ieri, la sola ipotesi che la nave attraccasse per rifornirsi al porto di Zarzis, il primo approdo sicuro passato il confine occidentale libico, ha portato decine di attivisti del «Collettivo contro la C-Star in Tunisia» sulla banchina. I pescatori tunisini si sono detti pronti ad uscire in mare con le proprie imbarcazioni per bloccare l’ingresso del porto: «Mai lasceremo entrare dei razzisti qui». Al che la nave ha dovuto cambiare i propri piani.

L’iniziativa di «Defend Europe» è stata denunciata dalle organizzazioni umanitarie come una trovata pubblicitaria potenzialmente pericolosa. Una pubblicità insperata per Gian Marco Concas, il «capitano», portavoce di Generazione identitaria, costola italiana del movimento. Il suo nome è stato fatto come possibile legame tra i contractor che hanno fatto partire l’inchiesta sulla nave tedesca Iuventa e l’operazione degli autoproclamati sceriffi del mare. Concas dice di non conoscerli, ma ammette che l’accostamento ci sta: «A noi basta aggregare un consenso attorno a un messaggio che, raggiunto un certo livello, non può essere ignorato dal mondo politico. Come sta avvenendo».

FONTE: Melania Di Giacomo, CORRIERE DELLA SERA



Related Articles

Arabia Saudita. Si apre il G20, una vetrina per la feroce monarchia di Mohammed bin Salman

Loading

Medio oriente. Piovono su Riyadh accuse e condanne per le violazioni dei diritti umani e per gli abusi che le attiviste saudite subiscono in prigione. Il vertice online del G20 rischia di abbellire l’immagine dei Saud

Sea Watch ancora bloccata al largo da Salvini

Loading

La nave della ong tedesca bloccata a 15 miglia da Lampedusa. È la prima vittima del decreto sicurezza bis. Autorizzato lo sbarco di 10 persone malate. A bordo ne restano 46. La Ue: la Libia non è porto sicuro

Migranti. Nazioni Unite contro il governo Meloni: «Ritiri la legge»

Loading

Per la conversione in legge del «decreto Piantedosi» manca il passaggio al Senato. L’Alto commissario delle Nazioni Unite Türk accusa: «punirebbe sia i migranti che chi cerca di aiutarli»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment