Scontro tra Nobel sul dramma rohingya: Malala attacca Aung per i Rhoingya

Scontro tra Nobel sul dramma rohingya: Malala attacca Aung per i Rhoingya

Loading

LONDRA. Malala contro Aung San Suu Kyi. Due donne, entrambe asiatiche, ex-dissidenti perseguitate, premi Nobel per la pace: ma ora la 20enne pachistana messa nel mirino dai Taliban critica la leader 72enne del Myanmar, a lungo icona dei difensori dei diritti umani in tutto il mondo. «Sto aspettando che anche San Suu Kyi condanni il tragico e vergognoso trattamento dei Rhoingya», la minoranza etnica musulmana sottoposta a operazioni di “pulizia etnica” da parte dell’esercito birmano, twitta Malala. «Il mondo sta aspettando, i Rhoingya stanno aspettando». Parole pesanti, che contengono un’implicita accusa nei confronti della sua “compagna di Nobel”, come la definisce su Twitter.

Non è l’unico attacco che San Suu Kyi ha ricevuto in questi giorni per un silenzio che suona come un avallo delle violenze contro i Rhoingya. Una lettera aperta online al comitato norvegese del Nobel che chiede di toglierle il premio per la pace ha raccolto rapidamente più di 11 mila firme. Già nell’autunno scorso era circolata una petizione di Nobel per la pace, su iniziativa di Desmond Tutu e Jodi Williams, per esortarla a mettere fine alla repressione nei confronti della minoranza islamica birmana. Per la prima volta, anche il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani nel Myanmar, Yanghee Lee, ha criticato la leader de facto del Paese, sottolineando che, di fronte alla gravità della situazione, Aung dovrebbe prendere posizione. E il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, pur ribadendo pieno sostegno all’impegno democratico di San Suu Kyi, ammonisce che le persecuzioni contro i Rhoingya rischiano di «rovinare la reputazione del Myanmar».

L’intervento di Malala rilancia quei segnali di allarme, gettando un’ombra su colei che fino a poco tempo fa è stata percepita come un’eroina dei diritti umani. «Negli ultimi anni ho ripetutamente condannato il tragico e vergognoso trattamento dei Rhoingya», afferma la giovane pachistana. «Sto ancora aspettando che la mia compagna di Nobel per la pace Aung San Suu Kyi faccia altrettanto. Fermate le violenze. Abbiamo visto immagini di bambini uccisi dalle forze di sicurezza del Myanmar. Questi bambini non hanno fatto del male a nessuno, eppure le loro casevengono bruciate. Se la loro casa non è la Birmania, in cui hanno vissuto per generazioni, dov’è?».

Oltre 400 persone Rhoingya hanno perso la vita nei recenti disordini e 70 mila profughi sono fuggiti in Bangladesh. Varie organizzazioni per i diritti civili hanno accusato i militari birmani di crimini contro l’umanità per l’operazione. Dopo una lunga prigionia nel proprio paese, dove era agli arresti domiciliari, San Suu Kyi è riuscita a convincere la giunta militare che governava il Myanmar a permettere elezioni libere, le ha vinte con il suo partito, è diventata ministro degli Esteri e di altri dicasteri, quindi Consigliere di Stato, una sorta di primo ministro. Un lungo viaggiodai giorni in cui studiava Politica, Filosofia ed Economia all’università di Oxford – altra coincidenza: lo stesso corso a cui è stata ora accettata Malala, a cui molti predicono che – come San Suu Kyi – un giorno diventerà primo ministro del proprio paese. Ma adesso le loro strade divergono e le due donne Nobel per la pace si ritrovano una contro l’altra.

Fonte: ENRICO FRANCESCHINI, LA REPUBBLICA



Related Articles

Piano europeo anti-omofobia Ulrike vince la sua battaglia

Loading

 Dal parlamento di Strasburgo una tabella di marcia per combattere tutte le discriminazioni sessuali

“Strage in mare, la Nato non ci ha soccorso”

Loading

L’accusa dei sopravvissuti: 63 morti. La replica: “Nessuno chiese aiuto”   La tragedia avvenne nel 2011 su un gommone partito dalla Libia 

Stragi di Stato. Decreto Cutro, lo sciacallaggio che uccide

Loading

Al di là dei limiti di una opposizione che si è incagliata su politiche migratorie ipocrite, i movimenti organizzati della società civile daranno battaglia, sui territori, e non solo, accanto ai migranti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment