Il premier libanese Saad Hariri: «Sto bene e torno»

Il premier libanese Saad Hariri: «Sto bene e torno»

Loading

Beirut. Le sue dimissioni da Riyad sospese dal presidente Aoun che lo considera messo in stato di arresto illegale dai sauditi come pressione per scaricare Hezbollah dal governo

«Voglio ripetere e riaffermare che sto molto bene e se Dio vuole sto per tornare nel mio caro Libano come promesso, vedrete». Il premier libanese Saad Hariri annuncia così, via Twitter, il ritorno in patria dopo la misteriosa sparizione a Riyad durata 12 giorni.

Hariri, che da un anno ha preso il posto del padre Rafiq – ucciso in un attentato nel 2005 di cui fu accusata la Siria degli Assad – ha la doppia cittadinanza, libanese e saudita. Ma il suo ultimo viaggio nella capitale del regno wahabita sicuramente non è stato di piacere.

Anzi, secondo l’interpretazione più accreditata sarebbe stato sequestrato dai sauditi. Convocato lo scorso 3 novembre da un gruppo di influenti personalità sunnite, tra cui il ministro degli Affari del Golfo Thamer al Sabhan, sotto la minaccia di una interruzione degli aiuti sauditi con l’intento di costringerlo a buttar fuori Hezbollah dal governo di unità nazionale.

Hariri si sarebbe rifiutato di entrare in conflitto con gli sciiti del Partito di Dio che con le loro milizie, dopo aver respinto l’invasione israeliana nel 2006, ora combattono in Siria a fianco di Assad e in Yemen accanto ai ribelli Houthi. Al suo rifiuto di destabilizzare la delicata alchimia di alleanze su cui poggia il Libano, sarebbe stato costretto alle dimissioni, arrivate infatti il 4 da Riyad ma subito congelate dal presidente Michel Aoun.

Il suo ritorno a Beirut è stato annunciato solo dopo l’arrivo a Riyad, martedì, del patriarca maronita Béchara Raï. E il contemporeaneo tour del ministro degli Esteri Gebran Bassil nelle capitali europee alla ricerca di sostegno per il suo immediato ritorno. Mentre Macron, reduce da un’infruttuosa missione a Riyad, ieri sera ha invitato Hariri e famiglia a trasferirsi a Parigi.

FONTE: r. g.,  IL MANIFESTO



Related Articles

Una destra troppo a destra

Loading

FRANCIA-MATRIMONI GAY
Mentre a Cannes La vie d’Adèle otteneva la Palma d’oro, agli Invalides a Parigi dei violenti della fachosphère dell’estrema destra cominciavano gli scontri con la polizia, dopo la conclusione della terza grande manifestazione di quest’anno contro il matrimonio per tutti. Il bilancio è di 36 feriti, di cui 34 tra le forze dell’ordine e un fotografo dell’Afp massacrato di botte. Lontanissimi da Cannes, a Parigi è tornata in primo piano la reazione che sogna un ’68 al contrario. Per Hollande e il governo socialista è una sfida.

Spagna, Governo Sánchez: la sanità torna universale e «via le lame da Ceuta»

Loading

In sei mesi sarà restituita la copertura sanitaria a tutti, spagnoli e migranti. Il Consiglio dei ministri ha anche deciso di studiare metodi alternativi e meno cruenti nelle due enclave in Marocco

In fiamme il traghetto per Ancona La corsa per salvare i passeggeri

Loading

I passeggeri erano 478. Gli italiani 45 (tra i 22 membri dell’equipaggio e i 23 passeggeri). In tarda serata erano state recuperate 190 persone, trasbordate dalla Norman Atlantic ai dieci mercantili giunti nella zona

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment