Solidarietà ad Open Arms: «Salvare le persone non è un reato»

Solidarietà ad Open Arms: «Salvare le persone non è un reato»

«Quello che sta accadendo è assurdo, ridicolo e tragico al tempo stesso, ma questa manifestazione che è nata in maniera spontanea in tante città in Italia e Spagna ci fa sentire meno soli perché c’è molta gente che dice no a quanto sta succedendo», dice Riccardo Gatti. Quello a cui il portavoce in Italia dei Proactiva Open Arms si riferisce è il sequestro della nave della ong spagnola e l’incriminazione da parte della procura di Catania del comandante e della capomissione per associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. Tutto per essersi rifiutati di consegnare 218 migranti a una motovedetta libica che, in acque internazionali e armi alla mano, pretendeva di riprendersi e riportare indietro uomini, donne a bambini che proprio dalla Libia erano fuggiti.
Ieri a Madrid, Barcellona, Palma de Maiorca, Roma e Pozzallo centinaia di persone hanno espresso solidarietà alla ong spagnola e allo stesso tempo detto – come recita lo slogan delle manifestazioni – che «Salvare le persone non è un reato/Sea rescue is not a crime». Nella capitale italiana l’appuntamento è in piazza Madonna di Loreto, di lato a piazza Venezia. «La criminalizzazione delle Ong è cominciata la scorsa estate – ricorda l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, presente anche lei all’iniziativa – quando queste ong sono state accusate di essere dei semplici taxi del mare. Il fatto che adesso non ce ne siano più significa che il nostro Mediterraneo è sempre più insicuro».

Alla manifestazione hanno aderito anche Arci, Leu e Radicali italiani. Proprio sulle recenti vicissitudini giudiziarie della Open Arms il segretario di Radicali italiani Riccardo Magi insieme a Emma Bonino – rispettivamente deputato e senatrice di + Europa – hanno presentato un’interpellanza parlamentare nella quale tra l’altro si chiede se è vero che i soccorritori della Ong siano stati «esplicitamente sollecitati da Roma a trasferire i profughi già salvati sulla motovedetta libica per il successivo approdo in Libia».

Solidale con Proactiva è anche la sindaca di Barcellona Ada Colau che ha annunciato l’intenzione della città catalana di supportare le spese legali della ong. Ma dalla Spagna all’Italia è chiara a tutti la necessità di non assistere in silenzio alla messa sotto accusa delle ong. «L’Italia non è e non può diventare il paese dell’egoismo e della meschinità» afferma Nicola Fratoianni, di Leu. E anche il presidente del Pd Matteo Orfini su Facebook definisce «curioso» che alla ong venga contestato di non aver rispettato, neanche fosse un reato, il codice d condotta imposto dal suo collega di partito ed ex ministro degli Interni Marco Minniti.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

«Fattore D» al centro della politica per rilanciare l’Italia in Europa

Lavoro, conciliazione, parità , rappresentanza: negli ultimi anni l’«agenda donne» si è arricchita di diagnosi e proposte sempre più approfondite e ambiziose. Si sono moltiplicati i siti internet, i blog, gli eventi pubblici.

Le donne curde di Rojava: «Il tempo dei nostri diritti è oggi»

Kobane. Qui il 25 novembre ha un significato particolare: la violenza da individuale e domestica si è fatta collettiva, prodotto dell’ideologia manichea e patriarcale dello Stato Islamico

La malaccoglienza ai migranti in Italia

La nostra Africa. Oltre il 77 percento dei circa 180 mila profughi entrati nel sistema di asilo italiano vive in un limbo, ammassato in mega strutture inadatte

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment