Jobs Act, bilancio sgravi contributivi: cresce il lavoro precario, fragile e senza qualità

Jobs Act, bilancio sgravi contributivi: cresce il lavoro precario, fragile e senza qualità

Loading

Nel mercato del lavoro italiano esistono costanti assodate. Per l’Osservatorio sul precariato dell’Inps le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-giugno 2018 sono aumentate del 6,9% rispetto allo stesso periodo del 2017. Il segmento che cresce di più è quello composto dal lavoro precario, intermittente e a scadenza: contratti in somministrazione +16,3%, contratti di apprendistato +11,2%, contratti intermittenti +6,5%, contratti a tempo determinato +5,9%, contratti stagionali +2,8%. Ultimi vengono i contratti a tempo indeterminato +1,7% L’Inps registra l’aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+84 mila), un fortissimo incremento rispetto a gennaio-giugno 2017 (+58,7%).

È un primo bilancio sugli sgravi contributivi erogati tre anni fa dal governo Renzi con il Jobs Act. È confermato l’uso di risorse pubbliche per spingere le imprese ad assumere. Formalmente si persegue l’obiettivo del lavoro a tempo indeterminato. Materialmente, invece, si agevola l’assunzione a termine di apprendisti che non sono rinnovati allo scadere del bonus. Si spiega così la contrazione rilevata nel periodo gennaio-giugno 2018 dei rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-18,9%). I dati Inps offrono la possibilità di apprezzare questo andamento rispetto al triennio: gli apprendistati sovvenzionati dallo Stato hanno raggiunto una quota molto elevata nel 2015 (59%) e successivamente sono diminuiti passando dal 45% del 2016 al 29% del 2018. Siamo agli sgoccioli: nei primi sei mesi del 2018 i giovani under 35 assunti con l’incentivo triennale sono stati 60.344, il 6% dei 867.592 contratti di assunzione o trasformazione a tempo indeterminato fatti nel periodo. Lo sgravio pensato dal Pd è stato prorogato dal decreto dignità del governo Lega-Cinque Stelle.

La crescita di questa occupazione senza qualità, fragilissima e senz’altro inferiore rispetto alla media europea attuale, stia registrando una battuta d’arresto complessiva. Lo si osserva dai dati generali sull’attivazione e sulla cessazioni dei contratti, sempre nel settore privato, nel primo semestre dell’anno. Dai dati dell’Osservatorio sul precariato dell’Inps emerge una frenata nel saldo tra cessazioni e attivazioni dei contratti: +891 mila, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017 (+963 mila). Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) a giugno 2018 risulta positivo e pari a +392.000, in flessione rispetto a quello registrato a maggio (+453 mila). La variazione tendenziale dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato risulta ancora negativa (-28 mila), seppur in miglioramento per il sesto mese consecutivo. Questo significa che il ritmo che si è voluto impartire al mercato del lavoro, anche ricorrendo ai bonus, sta rallentando.

In questa cornice si spiega il dato sulla cassa integrazione (cig): a luglio le richieste sono crollate del 57% rispetto all’anno scorso. «I dati non tengono conto del ricorso al Fis che sostituisce la cassa in deroga. Quella straordinaria, a causa delle riforme Fornero e del Jobs Act, ha subìto pesanti restrizioni. La minor disponibilità di cassa integrazione straordinaria per le imprese contribuirà a una crescita della disoccupazione» sostiene Tania Scacchetti (Cgil)

* Fonte: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Parigi non vale una tripla A

Loading

PARIGI. Le valutazioni delle agenzie di rating spingono i governi ad adottare in fretta «riforme» sempre più aggressive contro i diritti dei lavoratori e dei cittadini Moody’s declassa l’economia transalpina. Si apre in salita un’altra settimana difficile per l’eurozona alle prese con il complicatissimo salvataggio della Grecia e alla vigilia del vertice per rifinanziare l’Ue per i prossimi sette anni Settimana di forti turbolenze per l’Unione europea in generale e la zona euro in particolare.

La Cina risponde ai dazi di Trump: tariffe su 60 miliardi di prodotti americani

Loading

Cina/Usa. In attesa che riprenda il negoziato la Cina colpisce i prodotti americani, puntando sul bacino elettorale di Trump e lasciando intendere prossime manovre

Un 12 dicembre che vale doppio

Loading

Milano. Il primo sciopero generale nel giorno dell’anniversario della strage di piazza Fontana trasforma la città in un laboratorio di azioni e reazioni contro il governo Renzi. Cinquantamila in piazza con la Cgil, studenti come sempre manganellati dalla polizia e commemorazione della strage con Susanna Camusso in testa al corteo. E oggi pomeriggio di nuovo in manifestazione contro il razzismo e il fascismo di ieri e di oggi (appuntamento alle 15 in piazza XXIV Maggio)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment