Magnate inglese lascia una verde eredità: 10 milioni di nuovi alberi

Magnate inglese lascia una verde eredità: 10 milioni di nuovi alberi

Nessuno sa con certezza se davvero Felix Dennis — l’eccentrico editore inglese della rivista della Swingin’ London «Oz» che negli anni ‘70 e ‘80 costruì un impero pubblicando periodici di automobilismo, computer, giardinaggio, ciclismo, fitness, occulto e hobby vari: 30 titoli per un totale di 2,5 milioni di copie al mese — davvero riuscì a bruciare cento milioni di euro tra donne e alcol e droga, cifra della quale si vantava spesso. E c’è da sperare che davvero fosse sotto l’effetto di «medicinali» (cioè droga), come si corresse poi temendo una visita di Scotland Yard, quella volta che si vantò di aver ucciso un uomo. Di sicuro però Dennis, morto nel 2014 a soli 67 anni dopo una vita vissuta a duecento all’ora, ha lasciato gran parte del suo patrimonio, circa 150 milioni di sterline, quasi 170 milioni di euro, a una buona causa che gli fa molto onore. In vita, fece piantare un milione di alberi creando un immenso bosco nei pressi della sua casa di Dorsington, non lontano dalla Stratford-upon-Avon di Shakespeare, a circa 140 km da Londra.

Ora, con quei 150 milioni di sterline (la casa editrice è stata venduta a un fondo), gli alberi diventeranno dieci milioni, in un immenso bosco di 100 km quadrati. Perché il suo hobby, al netto della passione per donne alcol e droga, e esauriti i suoi doveri lavorativi (gli piaceva molto anche guadagnare soldi, non lo negò mai, d’altronde il suo stile di vita nella villona ai Caraibi aveva dei costi vivi molto alti) era proprio l’ecologia. Niente lo rendeva felice, garantiva, quanto piantare un albero, una passione scoperta relativamente tardi nella vita, nei primi anni ‘90.

Lo farebbe felicissimo, dunque, se fosse ancora in vita, vedere oggi la realtà di Heart of England Forest, la fondazione finanziata dalla vendita della sua casa editrice che ora si incarica di dare forma al suo sogno, quei dieci milioni di alberi. Il 1 novembre comincerà la «tree planting season», e dal sito www.heartofenglandforest.com la fondazione invita a visitare il bosco e a collaborare al progetto, piantando personalmente un albero o lasciando una piccola donazione per intitolare quell’albero a una persona alla quale si vuole bene. Perché una condizione del lascito di Dennis è che il suo bosco sia aperto a tutti, ai visitatori e anche a chi vorrebbe dare una mano, con grande enfasi sul volontariato.

Dennis voleva che la foresta non potesse trasformarsi in futuro in una sorgente di legname, e per questo non si potrà tagliare un singolo albero, «devono essere conservati per le future generazioni». Dennis non voleva «una foresta densa e scura», voleva invece spazi aperti, laghetti, pascoli organici. «La foresta deve essere aperta a tutti», rendendo possibile la visita di habitat protetti di animali. E, soprattutto, la foresta non dovrà avere interruzioni, e anche se ci saranno parti molto piu ampie di altre, garantirà comunque un «corridoio» sicuro per gli animali, nella contiguità territoriale di quei cento chilometri quadrati. Gli alberi piantati saranno soprattutto querce e frassini, ma anche aceri, ciliegi, noccioli, come voleva Dennis.

* FONTE: Matteo Persivale, CORRIERE DELLA SERA



Related Articles

Il terremoto del Centro Italia. Montagne di ordinanze su montagne di macerie

Quattro anni, ma la ricostruzione è ancora lontana. Un terzo delle macerie è ancora da raccogliere, il panorama è un insieme di case sventrate, la circolazione per le strade provinciali è in parte interrotta

Italia: la sostenibilità  ambientale corre su un “Treno Verde”

Legambiente

Trasformare le nostre città  in luoghi sani e vivibili è possibile! Come? Ce lo spiega la 23esima edizione del Treno Verde di Legambiente che in collaborazione con le Ferrovie dello Stato Italiane, la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e il contributo di Enel Green Power, fino al 7 aprile monitorerà  l’inquinamento acustico ed atmosferico in ognuna delle otto città  in cui farà  tappa e metterà  a disposizione di tutti le sue carrozze allestite con mostre che fungono da veri e propri laboratori di educazione ambientale. L’obiettivo della campagna è la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle amministrazioni locali sul tema della qualità  della vita urbana attraverso esempi e soluzioni per uno stile di vita sostenibile.

Jatropha e falsi miracoli

Traballa il piedistallo della jatropha e non solo perché in questi giorni l’organizzazione ambientalista internazionale Friends of the Earth lancia il rapporto «Jatropha: money doesn’t grow on trees» (Jatropha: il denaro non cresce sugli alberi), che cade in un momento di acceso dibattito nell’Unione Europea a proposito degli agrocarburanti e dei loro effetti collaterali.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment