Il proprierario dell’Eternit condannato a Torino per omicidio colposo

Il proprierario dell’Eternit condannato a Torino per omicidio colposo

Loading

TORINO. Stephan Schmidheiney, il magnate svizzero già proprietario della Eternit, è stato condannato ieri mattina dal Tribunale di Torino a quattro anni carcere per omicidio colposo: il pubblico ministero, Gianfranco Colace, aveva chiesto sette anni di reclusione.

Le vittime causate dall’amianto, nell’alessandrino e non solo, sono state oltre duemila, ma la condanna di ieri riguarda due decessi avvenuti a Cavagnolo, piccolo paese poco distante da Torino, dove i morti sono stati centosedici, pari al 5,6% della popolazione.
La condanna «è un primo tassello», ha commentato il pubblico ministero Gianfranco Colace. «Ora – ha incalzato – spero che questa sentenza segni il ritorno a una giurisprudenza più attenta alle vittime».
Stephan Schmidheiny fu imputato a Torino per la morte di 258 persone, ma l’accusa nel 2016 venne trasformata da omicidio volontario a omicidio colposo. Il gup dichiarò prescritti un centinaio di casi, e il processo fu suddiviso in più sedi: Reggio Emilia, Vercelli, Napoli e Torino.
Il pubblico ministero Gianfranco Colace, che manifestò «amarezza» quando le sue tesi furono «depotenziate», ieri ha ottenuto un primo successo portando un risultato ai famigliari delle vittime. Chiarificatore del sentimento diffuso tra le migliaia di parenti che piangono uno o più morti da amianto è il commento di Bruno Pesce, volto storico di un mondo che chiede giustizia: «Una condanna mite, ma importante perché lo Stato afferma che non si uccide la gente per soldi».
Una nota dei collaboratori dell’imprenditore svizzero condannato afferma che Stephan Schmidheiny è «il capro espiatorio dell’inerzia dello Stato italiano», mentre la difesa, per voce dell’avvocato Astolfo Amato ha annunciato che farà ricorso: «È una decisione che va contro ultimi orientamenti giurisprudenziali in materia di morti da amianto. Leggeremo le motivazioni e faremo appello».

* Fonte: Maurizio Pagliassotti, IL MANIFESTO



Related Articles

Fitch all’Italia: “No ai tagli di tasse se cade il governo rating inalterato”

Loading

L’agenzia di rating in attesa di valutare la manovra. “Non riducete le imposte in deficit”. Enti locali e imprese pubbliche italiane: le scelte di Moody’s non ci preoccupano 

E’ morto Angelo Di Carlo Veglia in piazza per non dimenticare

Loading

Si diede fuoco davanti a Montecitorio l’11 agosto scorso DOPO una settimana di agonia, è morto all’alba di ieri Angelo Di Carlo, 54 anni, vedovo, romano d’origine e forlivese d’adozione. Proprio da Forlì, la città  dove viveva da anni, era partito l’11 agosto per Roma. Una volta arrivato nella capitale si era diretto verso l’ingresso della Camera dei Deputati, in piazza Montecitorio, dove intorno all’una di notte aveva lasciato il suo zainetto, si era cosparso di liquido infiammabile e si era dato fuoco.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment