La guerra ai migranti di Trump perde colpi

La guerra ai migranti di Trump perde colpi

Loading

Due brutte notizie per Trump sono arrivate dai tribunali: una giudice federale ha bloccato la politica promossa dalla sua amministrazione di negare le udienze per i richiedenti asilo, mentre la Corte Suprema ha stabilito che nel modulo per il censimento del 2020 non ci sarà nessuna domanda riguardante lo status di cittadinanza dei cittadini censiti.

La giudice distrettuale Marsha Pechman, ha stabilito che le persone fermate dopo essere entrate negli Stati uniti per chiedere asilo, ai sensi della Costituzione, hanno diritto alle udienze riguardo la possibilità di essere rilasciate dalla custodia. «La conclusione di questa Corte è che è incostituzionale negare un’audizione mentre si aspetta una decisione finale sulla richiesta di asilo», ha scritto Pechman.

Il Procuratore Generale William Barr, lo scorso aprile, aveva annunciato una muova politica secondo la quale alcuni richiedenti asilo che hanno creato «timori credibili» non avrebbero potuto essere rilasciati su mandato dei giudici dell’immigrazione, operando così un importante rovesciamento della sentenza precedente che avrebbe condotto alla detenzione indefinita degli immigrati.

A seguito alla sentenza di Pechman, Michael Tan, avvocato per il Progetto dei diritti degli immigrati della American Civil Liberty Union (Aclu), ha festeggiato la vittoria parlando con i giornalisti: «La corte ha respinto con forza la proposta dell’amministrazione Trump di imprigionare arbitrariamente i richiedenti asilo senza un’udienza. Per quanto possibile, l’amministrazione non può eludere la Costituzione».

Riguardo la richiesta di dichiarare il proprio status di cittadinanza nel censimento 2020, la Corte suprema ha definito la domanda «incongruente rispetto a ciò che la documentazione rivela sulle priorità dell’agenzia e sul processo decisionale». Secondo la procuratrice generale dello stato di New York Letitia James, che ha contestato la richiesta in tribunale, «è una vittoria che arriva alla vigilia del 4 luglio, giorno in cui celebriamo la giustizia uguale per tutti».

* Fonte: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

Castell’Umberto, il paese che non può essere razzista

Loading

Sicilia. Qui molti hanno fatto fortuna in Australia e Usa, senza dimenticare le proprie origini di emigranti. E si dissociano dal presidio dei primi cittadini dei Nebrodi contro l’arrivo di cinquanta migranti

Quell’isteria collettiva che mina le basi del diritto

Loading

In Gran Bretagna – in tempi normali, prima delle sommosse della settimana scorsa – reati quali sottrarre qualche articolo da un negozio, mandare in frantumi una vetrina, rubare un’automobile, sarebbero stati puniti con condanne a qualche mese di prigione al massimo, o in alternativa – qualora il colpevole avesse avuto la fedina penale pulita – a un periodo di lavoro a beneficio della collettività  o presso il municipio locale.

Corte di giustizia europea ”boccia” il reato clandestinità : no alla reclusione

Loading

 Roma – La Corte di giustizia Ue ha ‘bocciato’ il reato di clandestinità  introdotto dall’Italia. La direttiva sul rimpatrio dei migranti irregolari dell’Unione europea osta infatti “ad una normativa nazionale che punisce con la reclusione il cittadino di un paese terzo in soggiorno irregolare che non si sia conformato ad un ordine di lasciare il territorio nazionale”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment