Slovenia. Crisi di governo, incarico al nazionalista filo-Orban Janez Jansa

Slovenia. Crisi di governo, incarico al nazionalista filo-Orban Janez Jansa

La crisi di governo aperta il 27 gennaio scorso con le dimissioni del premier sloveno Marjan Sarec prende una piega inaspettata. Fin qui i principali partiti si erano detti d’accordo sulla necessità di andare alle elezioni anticipate. Ieri invece il presidente della Repubblica Boruth Pahor ha conferito il mandato di formare un nuovo governo a Janez Jansa, leader del Partito democratico sloveno (Sds).

«Durante le consultazioni con i gruppi parlamentari ho verificato che il candidato gode del sostegno maggioritario e possiamo aspettarci la sua conferma» ha dichiarato Boruth in conferenza stampa.

La svolta giunge dopo che la destra populista dell’Sds è riuscita a trovare un accordo, due giorni fa, con il Partito moderno del centro (Smc), il Partito democratico dei pensionati (Desus) e la Nuova Slovenia (Nsi). Il nuovo esecutivo potrà contare sul sostegno di 47 parlamentari su 90. Una maggioranza risicata che la settimana prossima, a scrutinio segreto, dovrà confermare la nomina di Jansa.

Leader controverso della destra populista slovena, Jansa ha già ricoperto l’incarico di primo ministro dal 2004 al 2008 e dal 2012 al 2013. Dopo la caduta del governo nel 2013, Jansa è stato processato e condannato a due anni di reclusione per corruzione nello scandalo Patria. Il leader populista, noto per le sue esternazioni contro i migranti e per la sua vicinanza al premier ungherese Viktor Orban, ha chiesto a più riprese il rafforzamento dei controlli alle frontiere per arginare i flussi migratori.

Altri suoi cavalli di battaglia sono l’aumento delle pensioni, l’introduzione della leva militare obbligatoria, la decentralizzazione e il miglioramento del sistema sanitario nazionale. Jansa si troverà anche a ricoprire la presidenza del Consiglio dell’Unione europea nel secondo semestre del 2021, quello a guida slovena.

* Fonte: Alessandra Briganti, il manifesto

 

ph by European People's Party / CC BY (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)



Related Articles

E’ morto Helmut Kohl, il cancelliere della riunificazione tedesca

Germania. Al potere più di Bismark, e tuttora più di Angela Merkel, è stato il leader della «riunificazione per incorporazione» dopo il crollo del muro di Berlino. Aveva 87 anni

Olanda, avanza la destra xenofoba

Il partito di Wilders raddoppia i seggi. In testa laburisti e liberali, crolla il premier

Difficile la formazione del governo: l’incarico dovrebbe andare al liberale Rutte

Londra, Assange tratta la resa Stop ai fondi per WikiLeaks

Voci di un prossimo arresto, ma l’avvocato smentisce.  Per la stampa dietro ai tentativi di fermare il sito c’è il dipartimento di Stato Usa

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment