Moni Ovadia: morti in carcere, non c’è democrazia senza trasparenza

Moni Ovadia: morti in carcere, non c’è democrazia senza trasparenza

Loading

«Ancora una volta non si rispetta la Costituzione del nostro Paese. La Costituzione repubblicana detta norme il cui senso è molto preciso riguardo la vita umana, ogni singola vita umana. E anche ci guida a capire che non c’è democrazia senza trasparenza e senza verità. Non si possono accettare opacità, tutto deve essere portato alla luce nei dettagli, in particolare per persone che si trovano sotto la custodia di un organismo dello stato. Proprio lì la loro sicurezza e eventuali problemi che accadono devono essere specificate con la massima trasparenza, la massima verità nella sequenza dei fatti e anche il massimo numero di dettagli ».

Il maestro Moni Ovadia, tra i primi firmatari dell’appello per un Comitato per la verità e giustizia sulle morti in carcere, interviene con un video per ribadire con forza e perentorietà la richiesta di una verità dettagliata sulle morti di persone detenute seguita alle proteste nelle carceri avvenute in marzo. Una verità e una trasparenza che dopo settimana ancora latita, nel silenzio del ministro e delle istituzioni penitenziarie e nella distrazione dei media.

 

 

 



Related Articles

Parabole degli studi sul futuro

Loading

Nell’estate del 1716, Thomas Fairchild, famoso vivaista londinese, nel suo giardino di Hoxton passò la punta di una piuma sullo stame di un garofano dei poeti quindi cosparse di polline lo stigma di un garofano doppio. La primavera seguente fiorì un ibrido con le caratteristiche di entrambi i genitori: era nato il primo incrocio floreale per opera umana.

Milano, vigile travolto e ucciso da Suv in fuga

Loading

Fermato per un controllo, il guidatore riparte a tutto gas e lo trascina per duecento metri.   L’auto aveva appena investito un’altra persona Vittima un 42enne di pattuglia in bici

Così i boss truccavano le elezioni “Nicola è una volpe, qui comanda lui”

Loading

Le intercettazioni: “Quel centro commerciale è roba sua”.   Quelle due stanno per venire. Sto come un pazzo… ce le portiamo al Comune, nella stanza mia, là  hai voglia di fare. Cosentino è da sempre portato dai Casalesi. Si incontrava con Sandokan con cui aveva un rapporto speciale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment