Covid-19. Contagi in aumento, calano i decessi

Covid-19. Contagi in aumento, calano i decessi

Sono 1.411 i nuovi casi di Covid-19 comunicati ieri dal ministero della Salute e relativi alle 24 ore precedenti. Mercoledì erano stati 1.367, 44 in meno, ma bisogna considerare il nuovo record di tamponi eseguiti: 94.024 (+524). Il rapporto tra test e contagi rimane quindi costante e si colloca intorno all’1,5%. Diminuisce invece il numero di morti: cinque contro tredici del giorno precedente. E questa è un’ottima notizia perché, almeno per ora, mantiene schiacciata in basso e quasi piatta la curva dei decessi, nonostante quelle che indicano i nuovi contagi e gli attuali positivi abbiano cambiato direzione nel mese di agosto, virando nuovamente verso l’alto.

LE REGIONI che registrano il maggior numero di nuovi casi sono Lombardia (+286), Emilia-Romagna (+171) e Lazio (+152). Intorno alla capitale si registra una prevalenza di «casi da rientro», circa i due terzi, e in particolare collegati alla Sardegna, intorno al 46%. L’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato ha affermato: «sui test siamo pronti ad andare avanti anche se dall’isola non sarà assicurata la reciprocità». Il lato opposto della sfortunata classifica dei nuovi positivi è occupato da Valle d’Aosta e Molise, entrambe segnano +1.

IL TOTALE dei casi accertati in Italia dall’inizio dell’epidemia sale a 263.949. I deceduti raggiungono quota 35.463 e i guariti 206.554. Sono 21.932 i positivi attualmente confermati. Di questi 20.734 si trovano in isolamento domiciliare, 1.131 sono ricoverati in ospedale e altri 67 in terapia intensiva (due in meno di mercoledì).

IERI sono stati pubblicati anche i dati elaborati dalla fondazione Gimbe rispetto alla settimana 19-25 agosto. Comparandoli con quelli dei sette giorni precedenti i nuovi positivi sono passati da 3.399 a 6.538, che in termini percentuali significa +92,4%. L’aumento è da rapportare anche al numero dei casi testati, che da 180.300 diventano 309.127, ma non è riducibile a esso. La crescita percentuale delle persone sottoposte a test, infatti, è inferiore: +71,5%. Tende verso l’alto anche la curva dei ricoverati con sintomi, che salgono di 215 unità (+25,5%), e quella dei pazienti in terapia intensiva, otto in più (+13,8%).

GIMBE segnala come nel cuore dell’estate quasi tutti i principali indicatori registrino trend in aumento. In poco meno di un mese, e cioè tra il 28 luglio e il 25 agosto, i ricoveri in terapia intensiva sono cresciuti da 40 a 66 (+65%) e quelli in ospedale da 749 a 1.058 (+41,3%).

Nelle due settimane corrispondenti, 15-21 luglio e 19-25 agosto, i nuovi casi sono passati da 1.736 ai già menzionati 6.538. L’aumento è del 276,6%, ma bisogna tenere in conto anche la progressiva crescita della capacità di eseguire i tamponi. Così il rapporto tra positivi e casi testati conferma un trend crescente, ma più lento: dallo 0,9% al 2,1%.

ANCHE l’Istituto superiore di sanità (Iss) ha diffuso le elaborazioni dei dati settimanali, stavolta relativi al periodo 17-23 agosto. L’età media dei contagiati scende a 29 anni. Salgono a 1.374 i focolai attivi, di cui 490 nuovi. In quattro casi su cinque il virus è contratto sul territorio nazionale (solo il 20% viene dall’estero), mentre i casi «importati» da altra regione o provincia passano dal 2,3% della settimana precedente al 15,7%. «La popolazione sia consapevole del peggioramento della situazione epidemiologica e dell’importanza di rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione», ammoniscono dall’Iss.

PER IL PRESIDENTE di Gimbe Nino Cartabellotta «non bisogna concedere ulteriori vantaggi al coronavirus, tanto più che i numeri riflettono sempre comportamenti di 3-4 settimane fa». L’invito alla prudenza e all’attenzione rimane valido nonostante, afferma, «è ragionevolmente certo che non rivedremo le drammatiche scene di marzo/aprile perché oggi la situazione epidemiologica è attentamente monitorata, il servizio sanitario è ben organizzato e, dunque, non potrà esserci alcun effetto sorpresa».

* Fonte: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Io in sciopero della fame contro la violenza del potere

Digiuno per non rassegnarmi alla violenza del potere e non essere complice della catastrofe. Il dramma del carcere è destinato ad aggravarsi non solo perché il numero dei detenuti ha ripreso a crescere dopo una flessione degli ultimi mesi, ma perché è la vivida rappresentazione di una crisi della democrazia.
Quando il Presidente della Repubblica dal Quirinale dirama una Dichiarazione in cui esprime «una dura analisi critica e l’espressione di una forte tensione istituzionale e morale per una realtà  che non fa onore al nostro paese, ma anzi ne ferisce la credibilità  internazionale e il rapporto con le istituzioni europee» e non succede nulla, siamo in piena crisi istituzionale.

I dati dei consigli territoriali, “rimedio contro i pregiudizi”

Una “mappa” delle regioni: presentato a Viterbo il rapporto voluto dal ministero dell’Interno, con il cofinanziamento del Fondo Europeo, e curato dai redattori del dossier statistico Caritas/Migrantes

Contro la tortura un passo positivo

Anche più in là  di quella che nel calcio si chiama «zona Cesarini», la commissione giustizia del senato ha unanimemente approvato un testo per l’introduzione del reato di tortura nel nostro codice penale e lo ha trasmesso all’aula per la discussione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment