Ingordi. FCA senza freni: vuole sia prestito che dividendo

Ingordi. FCA senza freni: vuole sia prestito che dividendo

Gli Agnelli vogliono tutto: il prestito dal governo da 6,3 miliardi e tenersi il dividendo da 5,5 miliardi previsto nell’accordo per la fusione con Psa. Alla faccia delle polemiche è John Elkann a procedere come un carrarmato nelle comunicazioni agli azionisti di Exor ieri pomeriggio. «I termini dell’accordo con Psa sono scritti nella pietra e vincolati», ha dichiarato papale papale.
E a sera la notizia non campeggiava sui siti dei giornali di famiglia: Repubblica e La Stampa non la riportavano, rimanendo indietro come dall’inizio della vicenda.

GLI ANALISTI NON HANNO risparmiato critiche e appunti ai dati snocciolati dal capostipite attuale della famiglia Agnelli. A chi chiedeva se la richiesta da parte di Fca Italy di un prestito da 6,3 miliardi di euro da Intesa Sanpaolo con garanzia all’80% da parte di Sace (leggasi lo stato italiano) possa in qualche modo avere un impatto sulla distribuzione della cedola straordinaria, il presidente di Fca e della controllante Exor ha replicato senza battere ciglio: «C’è un accordo molto chiaro per la fusione paritaria» con Psa «e su questo sono impegnate le parti». Ricordando le parole del ceo di Fca, Mike Manley, in occasione della trimestrale di Fca, Elkann ha ribadito che «i termini dell’accordo non sono cambiati». E ancora: «Il Covid ha un impatto sul settore auto. La fusione con Psa oggi ha ancora più senso».

Precedente negativo per la famiglia Agnelli esista già con i francesi: il gruppo Covéa una settimana fa ha deciso di recedere dall’acquisto già fissato di ParnerRe

Peccato però che un precedente negativo per la famiglia Agnelli esista già con i francesi: il gruppo Covéa una settimana fa ha deciso di recedere dall’acquisto già fissato di ParnerRe da Exor. Il gruppo assicurativo francese si è tirato indietro. Voleva un forte sconto per concludere l’operazione in tempo di pandemia: per loro la società di riassicurazione con sede alle Bermuda non valeva più 9 miliardi di dollari. PartnerRe, controllata al 100% dalla holding della famiglia Agnelli, era stata acquistata a circa 6 miliardi di dollari.

Tornando sul prestito chiesto da Fca Italy, ha ribadito la scusa già addotta sabato notte dal comunicato aziendale: «È legato al settore automotive dell’Italia, che è un paese dove abbiamo una grande presenza», dovendosi però subito correggere: «È uno dei paesi dove abbiamo una grande presenza, perché è in Nord America che la nostra presenza è maggiore».

SECONDO IL PRESIDENTE di Exor – la cassaforte di famiglia – il prestito «è legato all’Italia, per garantire liquidità in questo periodo». «Intesa Sanpaolo ci sta lavorando. Ci sono colloqui in corso, porta benefici al settore ed è coerente con quanto sta accadendo in altri paesi» con forte presenza del settore auto.

Nel frattempo comunque John Elkann si è già assicurato un altro dividendo, seppure molto più piccolo. L’assemblea degli azionisti di Exor ha approvato il Bilancio 2019 della holding e la distribuzione di un dividendo di 0,43 euro per azione, pari a un importo complessivo di 100 milioni. Il dividendo andrà in pagamento il 24 giugno. L’assemblea ha confermato John Elkann quale amministratore esecutivo per i prossimi 3 anni. Elkann resta così presidente e ceo di Exor. Nel cda confermato anche Andrea Agnelli, presidente della Juventus. Estesa anche l’autorizzazione data al cda per il riacquisto di azioni proprie per un importo massimo di 500 milioni di euro.

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto

 

ph by Alexander Migl / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)



Related Articles

La metamorfosi di Marchionne dall’elogio dell’etica all’Ok Corral

Oggi risponde a Napolitano, ma la luna di miele col Paese è finita  

Istat, più propaganda che occupazione

il Pd fa partire la fanfara per i posti precari creati a dicembre e gennaio. Il governo usa i dati Istat per accreditare un calo che non c’è. Il 2014 si è chiuso con un livello record (12,7%) e i timidi segnali di ripresa sono dovuti ai part time involontari

Contratti a tempo determinato nel 70% delle assunzioni e aumentano i licenziamenti

Crolla l’occupazione nella grande industria italiana. In sei anni, quelli che preparano e seguono la Grande Crisi (2005-2010), le imprese perdono l’8 per cento dei loro addetti. E intanto il lavoro si trasforma: 7 dipendenti su 10 entrano da precari, altrettanti escono quando scadono i contratti, se incentivati o licenziati. E quest’ultima voce mette il turbo, a conferma che l’articolo18 dello Statuto dei lavoratori forse è solo un falso problema. I licenziamenti fanno un balzo in avanti di oltre un terzo, raggiungendo nel 2010 il 7,5 per cento del totale delle uscite dal 5,5 del 2005. In sei anni sono cresciuti del 36,4 per cento. E dopo un 2011 di stagnazione, è già  recessione.La fiducia nelle aziende ai minimi dal 2009 e per il commercio addirittura dal 2003Il rapporto dell’Istat rivela come la recessione influisca sulla creazione di nuovi posti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment