Autostrade per l’Italia diventa public company, Benetton esce a tappe

Autostrade per l’Italia diventa public company, Benetton esce a tappe

I Benetton fuori da Autostrade per l’Italia. L’obiettivo di Conte e di buona parte della maggioranza – M5s, Leu e la parte prevalente del Pd – sarà portato a casa non prima di un anno. Entro qualche settimana però la famiglia veneta, diventata il simbolo della strage del ponte Morandi di quasi due anni fa, non sarà più nel consiglio di amministrazione della società.

È il risultato principale del consiglio dei ministri notturno conclusosi all’alba di ieri. Lo spauracchio della revoca delle concessioni ha portato Atlantia e i Benetton stessi ad accogliere in pratica tutte le richieste di Conte impegnandosi, con quattro lettere firmate, ad un lungo percorso che farà di Aspi una public company controllata da Cassa Depositi e Prestiti. Si tratta quindi della prima nazionalizzazione di una società così grande, privatizzata nel 2003 dall’allora governo Berlusconi. Una nazionalizzazione che però non riguarda un’azienda in crisi, visto che Aspi risulta monopolista e con prospettive di crescita floride, come dimostrano gli interessi di parecchi fondi esteri e dell’australiana Macquarie.

IL COMPROMESSO TROVATO permette anche di evitare ricorsi giudiziari e di dare continuità all’azienda e ai suoi 7.300 dipendenti fra addetti diretti di Aspi e delle controllate Pavimental e Spea. In più rimangono gli impegni ad abbassare le tariffe, aumentare gli investimenti in manutenzione ed alzare i risarcimenti per i parenti delle vittime e i costi per la ricostruzione del ponte di Genova che verrà inaugurato a breve.

Nel giro di qualche settimana- si cercherà prima del secondo anniversario del crollo e dell’inaugurazione del nuovo – si terrà l’aumento di capitale di Aspi dedicato a Cassa depositi e prestiti. Cpd in questo modo arriverà alla maggioranza in Autostrade per l’Italia – anche se in serata dal Mef si ipotizzava il solo 33%. Interverranno poi altri soci graditi a Cdp: l’altro fondo pubblico F2i e gli australiani di Macquarie con l’acquisto diretto di quote ora detenute da Atlantia. Lo holding a maggioranza Benetton si è impegnata a non distribuire dividendi per questi ricavi.

Poi le ulteriori azioni di Aspi rimaste in mano ad Atlantia dovrebbero essere ridistribuite pro-quota tra i soci della holding, procedura inusuale a livello societario ma concordatta con il governo. E quindi alla famiglia Benetton rimarrà solo la quota cosiddetta «in trasparenza», attraverso la holding Atlantia.

SE LA QUOTA DI ASPI RIMASTA ad Atlantia – dopo l’ingresso di Cdp e altri soci – fosse ridistribuita tra tutti questi soggetti, alla famiglia di Ponzano Veneto potrebbe rimanerne una percentuale inferiore al 10-15%, che ne determinerebbe la mancata rappresentanza in Consiglio di amministrazione e la conseguenza uscita dalla stanza dei bottoni, da sabato fissata come condizione da Conte, M5s e Leu per evitare la revoca della concessione.
Il passaggio ulteriore sarebbe l’uscita definitiva dei Benetton nel giro di un anno. Anche i piccoli azionisti si ritroverebbero in mano i titoli di Autostrade e potrebbero decidere a quel punto che farne: mantenere in portafoglio la società (a quel punto fuori dalle secche della polemica politica) o liquidarla.

Il percorso di uscita della famiglia sarà però lungo un anno con passaggi intermedi e cessione di azioni. Ma da subito non saranno più nel Cda della società prima controllata

RIMANE POI L’IMPEGNO DI ASPI – con o senza i Benetton – a rinunciare a 3,4 miliardi: l’importo a proprio carico per le riduzioni tariffarie (1,5 miliardi), gli interventi di manutenzione fino al 2024 (1,2 miliardi) e la ricostruzione del viadotto sul Polcevera (700 milioni).

Tutto bene? Non proprio. I termini dell’accordo non sono stati resi pubblici e così i tempi dei vari passaggi per arrivare all’uscita dei Benetton dal capitale di Aspi. Il punto interrogativo maggiore è sull’esborso che Cdp dovrà mettere sul piatto nell’aumento di capitale per avere la maggioranza di Aspi. Gli analisti lo stimano in 3-4 miliardi.

IN BORSA IERI IL TITOLO ATLANTIA ha chiuso con un guadagno del 26,65% a 14,49 euro, dopo avere scambiato quasi 18 milioni di azioni, pari a quasi il 2,2% del capitale. Ha più che recuperato gli 1,7 miliardi di euro persi lunedì scorso (-15,19% a 11,36 euro). Il balzo compiuto supera anche la debacle del 16 agosto 2018 (-22,25%) all’indomani del crollo del Ponte Morandi a Genova, ma con un prezzo ben al di sotto dei 18,3 euro di allora.

POSITIVE LE REAZIONI SINDACALI. «Abbiamo da sempre auspicato un accordo tra le parti – commenta il segretario generale della Filt Cgil Stefano Malorgio – . La nostra non è mai stata una posizione preconcetta di salvaguardia di un’impresa, ma abbiamo sempre guardato alla complessità della situazione occupazionale e aziendale ed all’interesse del paese e dei cittadini. Aspi – spiega – non è composta infatti solo dai lavoratori diretti, ma ci sono anche i lavoratori delle società controllate che fanno manutenzione, progettazione, servizi amministrativi, informatici e pulizie delle aree di servizio e gli stagionali. Ora dal governo – sottolinea Malorgio – ci aspettiamo di essere informati direttamente sulle decisioni prese ed in ogni caso, nella fase di transizione, avremo la massima attenzione affinché siano garantite tutele ed occupazione di tutti i lavoratori».

***

Guadagni miliardari per i Benetton

Domande e Risposte. Anche uscendo da Aspi la famiglia è un impero industriale, finanziario e agricolo. L’accordo dà certezze a oltre 7 mila addetti

QUANTI SONO I LAVORATORI DI ASPI CHE RISCHIAVANO IL POSTO?
Gli addetti diretti di Autostrade per l’Italia sono circa 6 mila. A questi vanno aggiunti circa 800 lavoratori delle società controllate da Aspi per altre concessioni autostradali (traforo del Monte Bianco. Ci sono poi i lavoratori di Spea che fanno progettazione e di Pavimental che fanno manutenzione dell’asflato (entrambi inquadrati come edili) che portano il totale a circa 7.300 addetti.

LA REVOCA DELLA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA È COMPLETAMENTE SUPERATA?
No. Il governo ha precisato che la rinuncia alla revoca potrà avvenire solo in caso di completamento dell’accordo transattivo e dunque nel momento di completa uscita dei Benetton dal capitale di Aspi. In alternativa, Atlantia ha offerto la disponibilità a cedere direttamente l’intera partecipazione in Aspi, pari all’88%, a Cdp a investitori istituzionali di suo gradimento.

QUANTO VALE ADESSO AUTOSTRADE PER L’ITALIA?
Di certo non è più i 14,8 miliardi della valorizzazione assicurata da Allianz, Edf e Dif e dai cinesi di Silk Road quando rilevarono il 12% del capitale dai Benetton. La valutazione di mercoledì degli analisti per il 100% di Aspi era inferiore a 5 miliardi. Il deciso rialzo in Borsa di ieri di Atlantia ha fatto aumentare il valore della controllata e su queste si basano le stime di un esborso di Cdp di 4-5 miliardi per avere la maggioranza di Aspi.

OLTRE ALLA PROGRESSIVA USCITA, QUALI ALTRI IMPEGNI HA PRESO ATLANTIA?
Ha rinunciato a tutti i ricorsi sulla ricostruzione del ponte Morandi, al sistema tariffario (le delibere dell’Autorità di regolazione dei trasporti) e contro la legittimità dell’articolo 35 del Milleproroghe che aveva ridotto l’indennizzo per revoca da 23 a 7 miliardi.

CHE COSA RIMANE AI BENETTON?
Un impero che da Ponzano Veneto (Treviso) partito dall’abbigliamento si allunga in tutto il mondo. Il forziere è Edizione, le cui partecipazioni valgono oltre 10 miliardi. Il gruppo impiega oltre 100 mila persone nel mondo. Atlantia, di cui Edizione detiene il 30,2%, è la holding infrastrutturale, dove sono custoditi l’88% di Aspi, il 50% di Abertis, il 100% di Autostrade dell’Atlantico: 14 mila km in Italia, Francia, Spagna, Brasile e Cile che fanno di Atlantia il primo concessionario mondiale, oltre che un importante operatore aeroportuale, grazie al 99% di Adr (Ciampino e Fiumicino), al 64% dell’aeroporto di Nizza e al 29% dello scalo di Bologna. Nel portafoglio c’è poi Telepass, il 15,5% di Getlink (Eurotunnel) e il 23,9% della tedesca Hotchief. Ha il 16,5% di Cellnex (torri per telefonia), il 50,1% di Autogrill; quote in Generali (4%) e Mediobanca (2,1%). Con Compagia de Tierras Sud Argentino è il più grande proprietario terriero della Patagonia.

QUANTO HANNO GUADAGNATO I BENETTON DA ASPI?
Hanno dal 2002 le concessioni autostradali. Il presidente dell’Osservatorio nazionale liberalizzazioni e trasporti Dario Balotta stimava per Aspi 3,9 miliardi di ricavi nel 2017 con il margine lordo che è stato di 2,4 miliardi.

* Fonte:Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

Il lavoro non è un ticket. Il referendum della Cgil per abolire i voucher

Il girone infernale del nuovo precariato senza tutele può essere interrotto. Gli altri quesiti su articolo 18 e appalti. Un’ora di voucher nelle statistiche Istat fa occupazione. Ma la realtà è ben più cruda: chi piomba nella trappola dei buoni-lavoro rischia di non uscirne più. 1 milione e 300mila firme raccolte

Sistema al capolinea

Cipro «spaventa i mercati», «affonda le borse», «fa volare lo spread». Non solo in Europa. Anche Wall Street e persino i mercati asiatici, Tokyo in testa, sono in forte calo, mentre risale l’oro, bene rifugio per eccellenza. Queste le prime reazioni al piano di aiuti da 10 miliardi di euro approvato dall’Europa. Parliamo di un importo che rappresenta qualcosa come lo 0,2% di quanto i governi dell’Ue hanno speso negli ultimi anni per salvare le loro banche. Per risolvere la crisi di un Paese il cui Pil è circa lo 0,16% di quello europeo.

Sardegna sotto tiro

Il senatore Scanu (Pd) vuole chiudere e bonificare i poligoni militari di Capo Teulada e Capo Frasca, ma anche tenere aperto e rilanciare quello di Quirra, che è sotto inchiesta. Con la scusa della ricerca sui nuovi sistemi d’arma, che poi vanno sperimentati sul campo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment