Articolo 18. Dopo Renzi, la Consulta boccia Fornero sui licenziamenti economici

Articolo 18. Dopo Renzi, la Consulta boccia Fornero sui licenziamenti economici

Incostituzionale per violazione del principio di uguaglianza. La sanzione massima della Consulta ha colpito la riforma dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori realizzata dalla «legge Fornero» nel 2012. L’opera di cancellazione della più forte garanzia dei lavoratori era stata poi completata dal «Jobs act» renziano, ma quest’ultima legge era già caduta sotto i colpi della Corte. Che ieri ha reso pubbliche le motivazioni per le quali un mese fa ha deciso di bocciare anche la limitazione al diritto al reintegro in caso di licenziamento economico per motivi inconsistenti, che era rimasta in piedi.Dalla Fornero in poi in caso di licenziamento per motivi economici che però si dimostravano non validi, il giudice poteva – e non più doveva – ordinare la reintegra del dipendente nel posto di lavoro. Ma la Corte costituzionale ha ritenuto questa differenziazione rispetto al caso dei licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo rivelatisi però illegittimi (per i quali la reintegra resta un diritto) «disarmonica e lesiva del principio di uguaglianza.

Per la Corte costituzionale, relatrice Silvana Sciarra, «non si giustifica un diverso trattamento riservato ai licenziamenti economici» e «alla violazione del principio di eguaglianza si associa l’irragionevolezza». Soddisfazione è stata espressa dalla Cgil. Per il sindacato «questa sentenza, come altre, che si sono succedute negli ultimi mesi, rende evidente che la disciplina attuale non garantisce adeguate tutele ai lavoratori».

* Fonte: il manifesto



Related Articles

La preoccupante crisi di liquidità in Cina

La Cina chiude il 2013 con una crescita del Prodotto interno lordo del 7,6 per cento, in calo rispetto al 7,7 del 2012. Ma una cifra che la mantiene sempre in testa e con enorme distacco sul gruppo delle grandi economie mondiali, pronte a festeggiare anche un +1%.

Spread e Borse, scoppia l’euforia ma l’Fmi avverte: le manovre stanno uccidendo la ripresa

Eurolandia vive una nuova fase di ottimismo. E c’è chi è convinto che la crisi abbia toccato il fondo. Tuttavia la recessione è ancora dura, l’unione bancaria è in bilico e i nodi per Atene e Madrid non sono risolt.  Per il Fondo gli effetti negativi delle misure anti-deficit dei governi sono il doppio o il triplo di quelli previsti. Le sfide dell’Europa I mercati   

Patto sull’energia Mosca-Pechino la Russia esporterà  gas in Cina

Putin: “Cambieremo gli equilibri del mercato mondiale”   A Shanghai vertice dei paesi centro asiatici per ridurre il peso delle forniture alla Ue 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment