Articolo 18. Dopo Renzi, la Consulta boccia Fornero sui licenziamenti economici

Articolo 18. Dopo Renzi, la Consulta boccia Fornero sui licenziamenti economici

Incostituzionale per violazione del principio di uguaglianza. La sanzione massima della Consulta ha colpito la riforma dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori realizzata dalla «legge Fornero» nel 2012. L’opera di cancellazione della più forte garanzia dei lavoratori era stata poi completata dal «Jobs act» renziano, ma quest’ultima legge era già caduta sotto i colpi della Corte. Che ieri ha reso pubbliche le motivazioni per le quali un mese fa ha deciso di bocciare anche la limitazione al diritto al reintegro in caso di licenziamento economico per motivi inconsistenti, che era rimasta in piedi.Dalla Fornero in poi in caso di licenziamento per motivi economici che però si dimostravano non validi, il giudice poteva – e non più doveva – ordinare la reintegra del dipendente nel posto di lavoro. Ma la Corte costituzionale ha ritenuto questa differenziazione rispetto al caso dei licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo rivelatisi però illegittimi (per i quali la reintegra resta un diritto) «disarmonica e lesiva del principio di uguaglianza.

Per la Corte costituzionale, relatrice Silvana Sciarra, «non si giustifica un diverso trattamento riservato ai licenziamenti economici» e «alla violazione del principio di eguaglianza si associa l’irragionevolezza». Soddisfazione è stata espressa dalla Cgil. Per il sindacato «questa sentenza, come altre, che si sono succedute negli ultimi mesi, rende evidente che la disciplina attuale non garantisce adeguate tutele ai lavoratori».

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Vagnone country manager Generali spinto da Mediobanca e soci privati

De Agostini soddisfatta. Passera:”Vicino accordo con Antitrust” .   Nel cda del 16 la ratifica della nomina e le risposte ai rilievi mossi dall’Isvap

 

“Obiettivo del millennio già  raggiunto”: mezzo miliardo di persone fuori dalla povertà 

La stima è di due ricercatori del Brooking Institute di Washington D.C e si riferisce al periodo tra il 2005 e il 2010. “Entro il 2015 il numero dei poveri sarà  dimezzato ancora una volta”

ITALIA SPEZZATA

Non è un paradosso, è la realtà : mentre si discute di unificazione dell’Europa, si sta dividendo l’Italia: oggi ci vogliono quattro secoli per recuperare il gap che divide il nostro mezzogiorno dal settentrione. Questo è quel che risulta dal Rapporto Svimez presentato ieri a Roma. Ma se il sud va in calo anche 400 anni sono ottimistici.
Fabrizio Barca, ministro della Coesione territoriale, ha detto che nel Sud c’è «un deficit di cittadinanza».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment