Olanda. Il tribunale sentenzia: la polizia può fermare le persone in base all’etnia

Olanda. Il tribunale sentenzia: la polizia può fermare le persone in base all’etnia

Un tribunale de L’Aia ha giudicato legittimo il fermo di polizia eseguito in base alle sembianze etniche del fermato. Sdegno delle associazioni che si battono per i diritti civili, che annunciano ricorso

Il fermo di una persona da parte della polizia per la sua etnia non è una pratica discriminatoria. Lo afferma la sentenza emessa mercoledì da una delle corti della capitale olandese, L’Aia, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità delle pratiche e dei controlli messi in atto dalle forze dell’ordine nei confronti delle persone che entrano nel Paese in aereo, in treno, in pullman.

“Ogni volta che rientro in Olanda vengo fermato per la mia etnia”, ha denunciato una delle parti in causa, il consigliere di Eindhoven, Mpanzu Bamenga. L’episodio che lo ha visto direttamente protagonista è avvenuto nel 2018 in aeroporto quando è stato fermato e sottoposto a un controllo oltremodo attento da parte della polizia, insospettita dal suo aspetto giudicato non olandese.

Dopo aver denunciato l’episodio, ha ricevuto la solidarietà di varie organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani, a partire da Amnesty International e altre realtà antirazziste che lo hanno affiancato nella sua battaglia legale per chiedere la messa fuori legge della pratica dell’”ethnic profiling”, la profilazione etnica da parte della polizia.

La corte de L’Aia, però, si è espressa diversamente, definendo l’etnia uno dei legittimi criteri guida delle azioni della polizia. Con questo verdetto, contro cui è già stata espressa la volontà di fare ricorso da parte dei ricorrenti, “ribadiamo l’impegno a porre fine alla profilazione etnica” ha scritto la sezione olandese di Amnesty su Twitter, si alimenta la discussione su un tema già incandescente come il razzismo e le pratiche discriminatorie messe in atto dalle istituzioni olandesi.

Proprio l’accusa di aver saputo delle frodi fiscali a danno di migliaia di famiglie, soprattutto di origini straniere, aveva spinto il governo Rutte a dimettersi a gennaio di quest’anno.

* Fonte: Alessandro Pirovano, il manifesto



Related Articles

Il papa: «A Lesbo, solidale con i migranti»

Vaticano. Francesco sarà sabato sull’isola greca. La sua visita un atto di accusa contro l’accordo tra Ue e Turchia

La repressione a Hong Kong: arrestati giornalisti, editori e attivisti

I primi risultati della legge sulla sicurezza nazionale voluta da Pechino. Fermati giornalisti, attivisti e un magnate dell’editoria locale con l’accusa di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale. Pechino lancia un messaggio chiaro anche agli Usa

«Stiamo morendo»: dai barconi del Mediterraneo arriva un grido d’aiuto

La tragedia del mare si consuma ogni giorno di fronte ai nostri occhi. Vite e corpi sacrificati attraverso leggi dello stato e accordi internazionali con i peggiori despoti. Urge un cambio di rotta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment