Kurdistan iracheno, uccisa l’attivista curda Nagihan Akarsel

Kurdistan iracheno, uccisa l’attivista curda Nagihan Akarsel

Femminista, giornalista e accademica, è la quinta vittima di un agguato a mano armata nel corso degli ultimi 12 mesi nel Kurdistan iracheno

 

Alle 10 di ieri mattina a Suleymaniyah, città orientale del Bashur (il Kurdistan iracheno) è stata uccisa Nagihan Akarsel. Femminista, accademica e giornalista curda originaria del Bakur (il Kurdistan turco), la sua è una storia densa: ex giornalista dell’agenzia Diha, chiusa per decreto del governo turco nel 2016, direttrice della rivista Jineology e parte del Jineolojî Research Center, stava lavorando all’apertura di un’accademia di Jineolojî e di una libreria delle donne a Suleymaniyah.

Jineolojî, la scienza delle donne, è uno dei componenti fondamentali del movimento di liberazione curdo e dal 2015 parte della rivoluzione in corso nel Rojava: lo studio della storia, della società e delle scienze dal punto di vista delle donne, nell’idea che la loro narrazione sia stata occultata e negata nel corso dei secoli, impedendo così una democratizzazione reale delle società e una reale uguaglianza di genere.

Akarsel è la quinta attivista curda a subire un agguato a mano armata in pieno giorno nella regione negli ultimi 12 mesi, attacchi imputati dal movimento curdo a membri dei servizi segreti turchi infiltrati in Bashur: il 28 agosto Suheyl Xurid Eziz, del consiglio esecutivo del Movimento Azadi; il 17 maggio Zeki Çelebi e il 16 settembre 2021 Ferhad Barsi Kondu, rifugiati politici dal Bakur; e il 17 settembre 2021 Yasin Bulut, del Comitato delle Famiglie dei Martiri del Pkk.

* Fonte/autore: Chiara Cruciati, il manifesto

 

 

 

Photo by ANF News



Related Articles

La famiglia italiana fa più vittime della mafia

Ammazza molto di più il marito (36% dei casi) che l’amante (18%) o lo sconosciuto (15%) . Più del 70% delle donne ha subìto una violenza
Morire per «amore». Sono sempre di più le donne uccise da uomini: 127 nel 2010, 137 nel 2011 e oltre 37 negli ultimi due mesi. Una strage negata, più grande degli omicidi di criminalità 

“Dalla parte di tutti i migranti”

Standing ovation alla proiezione di “Terraferma” con cui il regista torna sul tema dell’immigrazione Tra gli attori del film anche Timnit, la donna eritrea sbarcata nel 2009 a Lampedusa e sopravvissuta insieme ad altri 4 al naufragio di un gommone.   “Sul set ho chiesto ad africani e turisti di scambiarsi ruoli: è stato un momento di grande pathos” 

Navi umanitarie. Mediterranea ha ragione, i Pm archiviano ogni accusa

Sono state rese pubbliche le ragioni della richiesta di archiviazione del procedimento contro Pietro Marrone e Luca Casarini

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment