Iran. Giovane condannato a morte, la Turchia deporta due attivisti curdi

Iran. Giovane condannato a morte, la Turchia deporta due attivisti curdi

Loading

Ali Makan Davari è accusato di «guerra a Dio», la fattispecie di reato più utilizzata nella Repubblica islamica per poter procedere con le esecuzioni. Paura per una coppia di attivisti curdi, Shawgar Mohammadi e Hossein Menbari: la Turchia li caccia

 

A tre mesi e mezzo dall’inizio della rivolta in Iran, tra le peggiori forme di repressione restano le condanne a morte, agite e minacciate. Due giorni fa il 19enne Ali Makan Davari è stato condannato alla pena capitale per «guerra a Dio», la fattispecie di reato più utilizzata nella Repubblica islamica per poter procedere con le esecuzioni.

Davari era stato arrestato a Langarood il 10 ottobre scorso. Ma a preoccupare ora è anche il destino di una coppia di attivisti curdi, Shawgar Mohammadi e Hossein Menbari, riparati tre mesi fa in Turchia dal Rojhilat, il Kurdistan in Iran.

Arrestati a Mugla il 15 dicembre scorso con altri 144 rifugiati, saranno deportati pur avendo fatto domanda di asilo politico (ancora senza risposta). A denunciare la decisione delle autorità turche è stato l’avvocato dei due attivisti, Duygu Inegollu, secondo cui c’è il rischio reale di una condanna a morte una volta rientrati in Iran per il loro ruolo nelle proteste del 2017-2018.

Intanto dagli Usa giungono nuove sanzioni. A essere colpito è proprio il procuratore generale di Teheran, Mohammad Montazeri, per il suo ruolo nella repressione delle proteste. Sanzionata anche la compagnia Imen Sanat Zaman Fara, produttrice di veicoli, granate e scudi usati dalla polizia.

* Fonte/autore: il manifesto



Related Articles

Myanmar. Aung San Su Kyi, dal Nobel al negazionismo sui Rohingya

Loading

Non fu genocidio, secondo Aung San Suu Kyi. Che davanti ai giudici della Corte internazionale difende l’esercito del Myanmar. Malgrado 10 mila morti, 700 mila sfollati e i racconti dell’orrore dei sopravvissuti

Bahrain.  Giustiziati due giovani oppositori di re Hamad

Loading

Erano stati condannati a morte per “atti di terrorismo” e per omicidio ma i centri per i diritti umani denunciano torture e confessioni estorte con la forza

Egitto. Arrestata l’intera famiglia, aveva denunciato lo stupro del figlio in carcere

Loading

Un prigioniero politico, Abdelrahman al-Shweikh, racconta alla madre in una lettera la violenza sessuale subita in carcere. Lei denuncia il fatto pubblicamente. Pochi giorni dopo viene arrestata con il marito e una figlia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment