L’attacco di Hamas: la vendetta, la sorpresa e la memoria

L’attacco di Hamas: la vendetta, la sorpresa e la memoria

Loading

Come rispondiamo alla domanda sulla sorpresa? Su come sia stato possibile tutto questo per un rodato e costosissimo apparato di sicurezza riconosciuto come inviolabile nel mondo?

 

Non esitiamo a definire l’attacco di Hamas come terrorista e barbaro. Uccidere a sangue freddo civili o sequestrarli, offendere i vinti, devastare i corpi delle donne.

E di chi non è della tua religione, non corrisponde ad alcun principio di liberazione e nemmeno di guerra asimmetrica; al contrario, per la sua efferatezza, rischia di legittimare l’oppressione che si vorrebbe combattere e di alimentare nuovo odio. E non c’è bisogno di ricordare il dolore di nostri interlocutori e collaboratori che in questo momento piangono cari e amici uccisi, per provare orrore. L’unica vera ideologia che sembra sorreggere questo crimine è la «vendetta», così la chiamano, per «l’usurpazione dei luoghi sacri di Al Aqsa», a cui i palestinesi associano i torti, le umiliazioni, le uccisioni subite da chi da decenni sta chiuso nella Striscia di Gaza, definita non a torto «prigione a cielo aperto» per più di due milioni di persone, un orrore esistenziale quotidiano – il manifesto titolò il 7 aprile 2018 Poligono di tiro quando l’esercito israeliano mirava ai corpi di giovani palestinesi indifesi.

Ora si avvia l’operazione militare di Israele che, dalle parole di Netanyahu, anch’essa è motivata dalla «vendetta». Mentre si sprecano gli esempi con l’11 settembre, varrebbe invece la pena ricordare le guerre scellerate che produsse, in Afghanistan – anche quella per «vendetta dell’11 settembre, non per la democrazia afghana» dichiarò Biden nell’estate 2021 del drammatico ritiro Usa-Nato -, e poi in Iraq per le armi di distruzione di massa che non c’erano. Ma l’odio e le distruzioni provocate hanno intanto motivato altro odio, altra vendetta e altro integralismo religioso.

Ma come rispondiamo alla domanda sulla sorpresa? Su come sia stato possibile tutto questo per un rodato e costosissimo apparato di sicurezza riconosciuto come inviolabile nel mondo? Israele si scopre vulnerabile, dov’era l’apparato d’intelligence – e quello Usa anch’esso violato?

Semplicemente non c’era, perché le forze di sicurezza israeliana da mesi sono impegnate nella repressione interna dei Territori palestinesi occupati dove dall’inizio del solo 2023 i morti palestinesi sono 206 e dove è nata una pericolosa stagione che vede i giovani armarsi. Giacché la questione palestinese non è nata 48 ore fa, ma almeno dal 1967 con l’occupazione di Gaza e della Cisgiordania da parte dell’esercito israeliano, che dura tutt’ora in violazione del diritto internazionale e di due Risoluzioni Onu. Nel silenzio della comunità internazionale che l’ha lasciata marcire dopo il ‘95, quando un estremista ebreo uccise Rabin firmatario di Oslo, e con l’uscita di scena – ucciso anche lui – di Yasser Arafat.

Da allora è stato buio sulla Palestina e su un intero popolo, senza diritti, chiuso da muri -: nel suo ultimo libro Patrie Timothy Garton Ash lamenta tra l’altro la nascita di tanti muri dopo il crollo del Muro di Berlino: ecco, il primo è stato proprio il Muro di Sharon che taglia n due la terra palestinese. E poi ancora diviso da reticolati e check point, impedito nel lavoro e nella coltivazione, con la sua acqua e la sua terra rubate quotidianamente; e con la fine della continuità territoriale di uno Stato palestinese auspicato dalla pace di Oslo.

E questo per le centinaia e centinaia di insediamenti ebraici promossi dai governi israeliani che hanno mobilitato i coloni, legati politicamente ad una destra integralista religiosa che in Israele chi è sceso in piazza contro Netanyahu non esita a definire «fascista». Di quella pace sono rimaste solo le riprese televisive. E il tanto annunciato da Trump – e continuato da Biden -, patto di Abramo tra Israele e la «democratica» Arabia Saudita, ha come grave corollario il riconoscimento da parte Usa di tutta Gerusalemme, in parte occupata, come capitale d’Israele, passando sopra gli interessi dei palestinesi e dell’Anp.

Insomma un patto sulla Palestina ma senza i palestinesi. Così è cresciuta una protesta diffusa della società palestinese. Ma la tragedia non è finita: colonne di carri armati si muovono per assediarla verso Gaza, già senza cibo, luce e soccorsi, ma anche verso la Cisgiordania. Si muove la flotta Usa nel Mediterraneo. E si propone la pericolosa «protezione» dell’Iran.

Così il rischio evidente è che le gesta terroriste di Hamas alla fine un risultato l’avranno: seppellire definitivamente la questione palestinese, i diritti democratici e laici di un popolo intero – il popolo dei campi profughi del Medio Oriente – che, delegittimato nelle sue aspettative di vita e di pace, accetta pur subendola la leadership di Hamas, nato apposta per indebolire Al Fatah e nemico giurato della sinistra palestinese, ma che nel 2006 vinse le elezioni anche in Cisgiordania. Vorrebbe dire mettere una pietra tombale, così come tutto il mondo ha fatto finora. Eppure smemorato l’Occidente, compresa l’Ue che non ha fatto nulla per la pace, condanna ma non si ritiene responsabile.

* Fonte/autore: Tommaso Di Francesco, il manifesto



Related Articles

Gre­cia, rimandata anche «l’ultima speranza»

Loading

Ultime proposte greche, un passo avanti verso l’accordo sarà in settimana, al prossimo Eurogruppo straordinario, a ridosso della doppia scadenza del 30 giugno

Migranti, la nave Louise Michel di Banksy salva 200 migranti: «Abbiamo bisogno di aiuto»

Loading

Dopo aver salvato 200 profughi la Louise Michel viene soccorsa da una motovedetta della Guardia costiera italiana

Argentina. La marcia dei cayetanos contro il governo della fame di Macri

Loading

Anche il primate d’Argentina alla manifestazione sotto il Congresso di 150mila persone, lavoratori, disoccupati e membri delle cooperative dell’economia popolare che si mobilitano per chiedere un lavoro dignitoso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment