Fortezza Mondo. I dati 2023: «Record di migranti morti a livello globale»

Fortezza Mondo. I dati 2023: «Record di migranti morti a livello globale»

Loading

Almeno 8.565 le vittime delle frontiere nel 2023. ma tante scompaiono nel nulla. In 10 anni oltre 63mila decessi. Il Mediterraneo si conferma la rotta più letale

 

Ottomilacinquecentosessantacinque morti. Il numero più alto da quando, dopo i due grandi naufragi davanti e vicino Lampedusa dell’ottobre 2013, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) ha lanciato il progetto Missing Migrants per contare le vittime delle frontiere che circondano gli Stati nazione. O almeno per provare a farlo.

Perché, ammette lo stesso organismo delle Nazioni unite, tante persone scompaiono nel nulla e non sempre è possibile raccogliere i dati. Avviene in luoghi lontani come il parco nazionale del Darién, a Panama, o davanti alle nostre coste, nel Mediterraneo, dove alcuni naufragi restano «invisibili». Lo scorso anno è successo soprattutto lungo la rotta tunisina, come denunciato più volte dal portavoce Oim Flavio Di Giacomo, battuta dalle «bare galleggianti»: piccole e instabili imbarcazioni che è facile scompaiano nel nulla.

I numeri riferiti dall’organizzazione si basano sulle morti confermate e vanno dunque presi come una base di partenza: le persone che ogni anno perdono la vita perché viene loro negata la libertà di movimento sono molte, molte di più. In totale, comunque, il Missing Migrants Project ne ha contate più di 63mila in dieci anni. Nel 2023 sono state il 20% in più rispetto all’anno precedente, quando si erano fermate a quota 7.141. In questa macabra classifica si colloca in seconda posizione il 2016, con 8.084 vittime.

«Il drammatico aumento di morti documentato dal nostro progetto sottolinea l’importanza di impegnarsi maggiormente per garantire una migrazione sicura per tutti, in modo che tra dieci anni le persone non debbano rischiare di morire in cerca di una vita migliore», dichiara Ugochi Daniels, vice direttrice generale Oim.

Complessivamente più della metà dei decessi registrati è per annegamento, il 9% dipende da incidenti stradali e il 7% da violenza. Nel 2023 si sono contati 1.866 morti in Africa, soprattutto nel Sahara e nell’Oceano Atlantico in direzione dell’arcipelago spagnolo delle Canarie, e 2.138 in Asia.

Il Mediterraneo si conferma la rotta più letale: complessivamente sono state 3.129 le vittime. Praticamente come nel 2017 e meno soltanto del 2016 (5.136) e del 2017 (4.055), ovvero il biennio del grande esodo causato dalla guerra in Siria. Lo scorso anno l’80% dei migranti che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mare Nostrum sono morti lungo la rotta centrale, quella che da Tunisia, Libia e, in misura minore, Algeria punta verso le coste italiane. In totale sono stati 2.500.

La vera emergenza di cui il governo Meloni, al pari di quelli precedenti, non si è voluto occupare.

* Fonte/autore: Giansandro Merli, il manifesto

 

 

ph Missing Migrants Project by International Organization for Migration



Related Articles

Stati Uniti. Polizia violenta, proteste per l’omicidio di Tyre Nichols

Loading

A 32 anni dal caso Rodney King, 3 anni dopo le vaste proteste per la morte di George Floyd, prosegue il macabro stillicidio di vittime – prevalentemente di colore – cadute sotto i colpi di poliziotti violenti

“Il vostro governo ha usato un trucco ma l’Europa dovrebbe fare di più”

Loading

Parla Clemens Wergin, opinionista di Die Welt, il quotidiano più vicino alla Merkel. I trattati danno ragione a noi tedeschi. Roma punta a forzare la mano al resto dell’Unione per risolvere l’emergenza. Abbiamo applaudito tutti le rivoluzioni arabe Dovremmo essere più uniti ora che si tratta di pagarne le conseguenze

Il nome della cosa

Loading

Ed ecco che il papa Fran­ce­sco dà il nome alla cosa: respin­gere i pro­fu­ghi è guerra, e cac­ciare via da un Paese, da un porto, da una sponda i migranti abban­do­nati al mare, è vio­lenza omicida

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment