Italia, cresce abbandono scolastico

Loading

NULL

Italia, abbandono scolastico al top

di Daniele Biella

Milano – In Italia il 22% dei ragazzi tra i 18 e 24 anni non va oltre la scuola media inferiore, a fronte di una media europea del 10%. E per l`istruzione, nel nostro paese si spende poco: il 4,7% del Pil, mezzo punto in meno dell`Europa.
E` partendo da questi dati che si è svolto oggi al Palazzo delle stelline a Milano il convegno “Non uno di meno: arginare la dispersione scolastica“, promosso dalla fondazione Unidea di Unicredito.
Per tutto il pomeriggio si è discusso sul fenomeno dell`abbandono scolastico portando alla luce anche tentativi positivi di reinserimento scolastico, quale la scuola popolare che, gestita dalla cooperativa sociale San Martino, da 5 anni è realtà a Gratosoglio, nella periferia sud milanese.
“La scuola popolare nasce da due luoghi e due incontri – dice Padre Eugenio Brambilla – sacerdote del luogo e ideatore della proposta formativa – l`oratorio, dove ho conosciuto i volti, le storie dei ragazzi che hanno abbandonato gli studi, e la scuola stessa, attraverso una preside lungimirante: la nostra realtà nasce nella scuola e con la scuola“.
L`incontro era moderato da Rita Querzè, giornalista del Corriere della Sera, e ha visto l`intervento introduttivo del segretario regionale di Unidea Francesca Gori di tre docenti universitari: Raffaele Mantegazza della Bicocca, che ha parlato di “socializzazione vera“ intesa come condivisione dei problemi come via per la loro risoluzione, Milena Santerini della Cattolica che chiede in riequilibrio delle disuguaglianze inserito nella formazione scolastica, Annalisa Pinter dell`università di Ferrara. Poi ha preso la parola il francese Daniel Frandji, che ha esposto un report del Centro studi Alan Savery di Lione riguardante il fenomeno della dispersione scolastica nella città di Marsiglia.
La parte relativa a dati e cifre in Lombardia in relazione con tutta la nazione è stata affidata a renato revetta dell`Ufficio scolastico regionale.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

«I comandanti hanno troppi poteri L’allarme con ritardo gravissimo»

Loading

«Schettino caduto nella scialuppa? Forse, ma doveva risalire»

Opere grandi e inutili da Stoccarda al Marocco

Loading

NO TAV DEL MONDO… Una lotta che unisce
Affollati i seminari in cui si fa rete contro i progetti imposti. Il caso Tgv Tangeri-Casablanca

Noam Chomsky. Che meraviglia se le macchine ci rubassero il lavoro

Loading

un mondo robotizzato è una possibilità di liberazione dal lavoro ripetitivo e alienante

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment