Usa «riluttanti», costi e rischi agli alleati

Ecco, in sintesi, i punti fondamentali. 1) «Per generazioni, gli Stati uniti d’America hanno svolto un ruolo unico di ancora della sicurezza globale e difensore della libertà  umana». Obama si pone così nella continuità  di una politica che, solo negli ultimi cinquant’anni, ha visto gli Usa portare il mondo sull’orlo della catastrofe, fabbricando 70mila armi nucleari (in confronto alle 55mila dell’Urss); fare una serie di guerre (Vietnam, Golfo persico, Balcani, Afghanistan, Iraq, ecc.), colpi di stato e operazioni segrete (Iran, Guatemala, Indonesia, Cile, Nicaragua, ecc.). 2) «Non esiterò mai a usare la nostra forza militare rapidamente, decisamente e unilateralmente per difendere il nostro popolo, i nostri alleati e interessi fondamentali: per questo inseguiamo al Qaeda ovunque cerca di mettere piede, e continuiamo a combattere in Afghanistan». La guerra in Afghanistan viene così motivata, con altre parole, con lo stesso argomento usato dal presidente Bush sulla necessità  di una continua guerra per inseguire l’oscuro nemico terrorista che «si nasconde negli angoli bui della terra». 3) «Siamo naturalmente riluttanti a usare la forza, ma quando i nostri interessi e valori sono in gioco, abbiamo la responsabilità  di agire». Viene così motivato l’intervento in Libia, dove «per oltre quattro decenni il popolo è stato dominato da un tiranno, Muammar Gheddafi». Non si spiega, però, perché meno di due anni fa, il 21 aprile 2009, la segretaria di stato Hillary Clinton dichiarava ufficialmente: «Apprezziamo profondamente le relazioni fra Stati uniti e Libia, e desideriamo ardentemente svilupparle». La vicenda ricorda quella di vent’anni fa, quando Saddam Hussein, prima alleato degli Usa contro l’Iran di Khomeini, divenne improvvisamente un odiato tiranno contro cui gli Usa mossero guerra. E oggi, come allora, gli «interessi e valori» vengono messi in gioco quando entra in gioco il possesso del petrolio. 4) «Il ruolo dell’America sarà  limitato: non manderemo truppe terrestri in Libia». Gli Stati uniti hanno già  seguito questa via in Iraq, «ma il cambio di regime ha richiesto otto anni, migliaia di vite americane e irachene, e una spesa di quasi mille miliardi di dollari: è qualcosa che non possiamo permetterci di ripetere in Libia». La lezione irachena insegna dunque agli Usa a non impantanarsi, da soli o quasi, in una guerra di lunga durata, come fu quella del Vietnam. Da qui il passaggio conclusivo. 5) «Gli Stati uniti, essendo la nazione più potente del mondo, saranno chiamati spesso ad aiutare. Ma la leadership americana non è semplicemente andare da soli e caricare tutto il peso sulle nostre spalle. La vera leadership è lavorare con gli alleati, così che essi portino la loro parte di peso e paghino la loro parte dei costi». Questo, sottolinea Obama, «è il tipo di leadership che abbiamo dimostrato in Libia». Il passaggio di comando dagli Stati uniti alla Nato (sempre sotto comando Usa), che avviene ufficialmente oggi, implica che «il rischio e il costo dell’operazione saranno ridotti significativamente per i militari e contribuenti statunitensi». Aumenteranno invece significativamente per i militari e i contribuenti dei paesi alleati, Italia compresa. Spetterà  agli alleati inviare truppe terrestri in Libia, in una guerra logorante di tipo iracheno condotta sotto la leadership statunitense.


Related Articles

Guantánamo contado en inglés

Mohamedou Ould Slahi es el primer preso que narra desde la cárcel la odisea de tortura, humillación y kafkiana desesperanza que siguió al arresto en su país, Mauritania, y su transformación en el recluso número 760 de Guantánamo.

Bombe sul petrolio dello Stato Islamico la guerra di Usa e Russia al tesoro di Al Baghdadi

L’estrazione e la vendita dell’oro nero è l’elemento fondamentale per far funzionare il Califfato 40 mila barili al giorno fruttano ai jihadisti 500 milioni l’anno

Sardegna. L’industria bellica Rwm pronta al raddoppio

Sardegna. Lo stabilimento incriminato dal reportage del New York Times il 29 novembre ha messo sul tavolo 40 milioni di euro per ampliare l’impianto tra Iglesias e Domusnovas

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment