Cina, la tensione resta alta nel Guangdong

Loading

Le violenze erano scoppiate dopo che la polizia aveva maltrattato la venditrice ambulante Wang Lianmei, lavoratrice migrante incinta, che era caduta a terra mentre gli agenti la stavano allontanando dall’ingresso di un supermercato, dove stava vendendo la sua merce.

In seguito migliaia di persone – in gran parte lavoratori immigrati dalle province più povere del Paese – hanno dato l’assalto agli uffici governativi di Dadun, un sobborgo della città , incendiando almeno sei automobili della polizia.

Ieri l’agenzia Nuova Cina ha annunciato che 25 persone, considerate gli “istigatori” dei moti, sono state arrestate. Zengcheng, nella provincia del Guangdong, è uno dei centri dell’ industria esportatrice cinese che gode di un vantaggio competitivo sui mercati mondiali anche grazie al lavoro a basso costo dei migranti. “Siamo pieni di rabbia…sembra che qui la legge non esista e che i funzionari locali possano fare quello che vogliono”, ha dichiarato un immigrato che ha chiesto di non fare il suo nome.


Related Articles

Vertice Ue-Africa.“Evacuazioni di emergenza” dalla Libia per 3800 persone

Loading

Ue-Ua. Vertice di Abidjan: al centro il dramma dei migranti. Ci sarà una task force per i rimpatri. La debolezza della Ue di fronte alle domande della giovinezza africana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment