Tagli agli armamenti: Il Pd: si prendano lì 5-6 mld per il sociale

Come accaduto per ogni provvedimento del governo Monti, il suo iter non sarà  semplice. La stessa maggioranza, a partire dal Pd chiede a gran voce di modificarne molte parti, a cominciare dai tagli a sanità  ed enti locali. Su un dato però governo e partiti concordano: come ribadito da Mario Monti, i saldi sono invariabili. Si potrà  dunque modificarla solo trovando uguali risorse. Una prima stima sulla entità  la fa il responsabile economia del Pd Stefano Fassina: «Per modificare i tagli insopportabili su sanità  ed enti locali servono tra i 5 e i 6 miliardi già  quest’anno». Una «prima idea» su come reperire i fondi necessari per rendere i tagli a sanità  ed enti locali «sopportabili» è quella di ridurre «drasticamente la spesa in armamenti». Fassina e la Fp Cgil (che sul tema ha lanciato una campagna) la pensano allo stesso modo: «Con un F35 in meno si tengono aperti un centinaio di asili nido». Se questa proposta va annoverata fra uno spostamento di comparto all’interno dei tagli di spesa pubblica, Fassina poi rilancia anche l’imposta sui grandi patrimoni: «Con la patrimoniale potremo alleggerire fortemente i tagli a sanità  ed enti locali e ripristinare un minimo di equità  nelle politiche del governo», spiega il responsabile Economia del Pd. Della stessa opinione è l’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano: «Dalla riforma delle pensioni a quella del lavoro abbiamo sempre dovuto correggere i testi del governo. Ora nella spending review il grosso del piatto è contro i lavoratori pubblici e lo Stato sociale con gli interventi su sanità  ed enti locali. È necessario un riequilibrio: la patrimoniale sarebbe un segnale importante», spiega il capogruppo Pd in commissione Lavoro alla Camera.
UDC E PDL DIFENDONO IL GOVERNO
Bisogna però fare i conti con gli altri partiti della maggioranza e la parola “patrimoniale” l’Udc non la vuole neanche nominare. «Non è la soluzione e poi avrebbe un gettito basso spiega Gian Luca Galletti, vicecapogruppo Udc alla Camera . Per noi il presupposto è mantenere i saldi invariati per evitare l’aumento dell’Iva ed aiutare le popolazioni terremotate dell’Emilia e ad allargare la platea degli esodati continua Galletti . Detto questo, chi critica il decreto ha un obbligo: fare proposte alternative. Se ci saranno presentate buone idee in Parlamento non vedo perché non dovremmo votarle. La struttura della spending review va mantenuta, ma su alcuni capitoli si può interventire. In settimana anche noi dell’Udc inizieremo a discutere, ma al momento i nostri rappresentanti negli enti locali sono tutti abbastanza tranquilli e non si lamentano eccessivamente dei tagli», conclude Galletti.
Dal Pdl la difesa della spending review diventa poi un modo per attaccare il neo-presidente di Confindustria Gior-gio Squinzi, reo di avere posizioni «troppo filo Cgil». Per Giuliano Cazzola, che negli anni settanta è stato anche segretario nazionale della Fiom Cgil, difende le scelte del governo: «Se si vuole tagliare la spesa pubblica non ci sono misure diverse da quelle, forse ancora timide, previste nella spending review. Tanto più che una quota dei risparmi realizzati andranno a risolvere, almeno in parte, il tormentone degli esodati. Non so dove Giorgio Squinzi intraveda la “macelleria sociale” di cui parla assieme a Susanna Camusso». Sulla stessa lunghezza d’onda del Pdl c’è ReteImprese, l’associazione che riunisce i piccoli imprenditori. «Non possiamo non condividere la manovra del governo tesa a ridurre la spesa pubblica è la posizione espressa in una nota . Siccome sarebbe di grave danno a tutta l’economia italiana qualsiasi altra nuova imposta, diretta o indiretta, quel che va fatto è una severa riduzione della spesa pubblica, divenuta negli anni un mostro in grado di divorare ogni creazione di ricchezza».
Ma il Pd non si limita a criticare i tagli a enti locali e sanità . Anche le norme sui dipendenti pubblici «non sono coerenti». «Se il governo, per i dipendenti pubblici da accompagnare alla pensione, prevede una deroga all’applicazione della riforma previdenziale targata Fornero sino al 2014, perché si chiede Cesare Damiano non estendere questa stessa norma ai lavoratori privati e autonomi, anzichè fare continui rattoppi che non risolvono il problema? Del resto aggiunge l’esponente Pd trattamenti pensionistici diversi tra lavoratori non sarebbero accettabili e sarebbero contraddittori».
E che la conversione del decreto sulla spending review rappresenti un passaggio parlamentare delicato per il Pd lo conferma le dichiarazioni del senatore Marco Follini:
«Era ovvio che la spending review non potesse essere una passeggiata su un letto di rose. Tuttavia la riduzione della spesa è un passaggio ineludibile e fa parte di una moderna cultura di governo. Il partito aggiunge dovrà  esercitare tutta la sua costruttività  nel passaggio parlamentare che abbiamo davanti. È anche da questa cruna dell’ago che passeranno i futuri destini politici del nostro Paese»


Related Articles

Si impicca con il cordoncino della tuta un nuovo suicidio nel carcere di Foggia

Si impicca con il cordoncino della tuta un nuovo suicidio nel carcere di Foggia

Si tratta del terzo caso in pochi mesi, dell’undicesimo in Italia dall’inizio dell’anno. L’uomo, 36 anni, da pochi giorni era stato trasferito in una cella singola dopo che aveva avuto problemi con gli altri detenuti

Manovra: impatto devastante sulla cooperazione internazionale e sull’assistenza in Italia

Aiuti alimentari della cooperazione italiana – Foto: MAE

La manovra economica avrà  un probabile “impatto devastante” sulla cooperazione allo sviluppo dei paesipiù poveri. Lo segnala il CINI, coordinamento italiano di network internazionali. “Il testo della manovra economica straordinaria in discussione al Senato è ancora in divenire, ma si possono già  fare alcune stime sull’impatto devastante che potrebbe avere per la cooperazione pubblica allo sviluppo” – dichiara Maria Egizia Petroccione, coordinatrice del CINI.

Cancro, chi è povero muore

Per la prima volta in Italia due farmaci oncologici sono stati messi in vendita solo a pagamento: chi vuole curarsi deve pagare più di mille euro a settimana. E’ una violazione della Costituzione, ma il governo fa finta di niente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment