Opg, sei mesi alla chiusura: si teme la proroga, ma il ministero rassicura

ROMA – Mancano precisamente 6 mesi alla data prevista per la chiusura degli Opg, ma le speranze sfumano: la legge 9/2012, che prevedeva un preciso calendario dei lavori, rischia di rimanere lettera morta. Il decreto del ministero della Salute, contenente i requisiti delle nuove strutture destinate ai non dimissibili, doveva essere emanato nel marzo scorso, ma attualmente “è fermo in Conferenza stato regioni, con un ritardo ad oggi di 6 mesi. Nessun fondo è stato stanziato”: la denuncia arriva dalla senatrice Donatella Poretti, parlamentare Pd, che all’orizzonte vede profilarsi la peggiore delle ipotesi: “L’anno 2012 volge al termine e il rischio evidente è che i 158 milioni (previsti dalla legge per il 2012, ndr)  tornino nel bilancio pubblico e vengano destinati ad altri fini”. Al tempo stesso, “la scadenza sarebbe prorogata, il decreto Milleproroghe è lì che ci aspetta”, denuncia. “La conseguenza sarebbe devastante – osserva la Poretti – Un altro Governo e un altro Parlamento dovrebbe gestire quella proroga”. Per scongiurare questo rischio, la senatrice si dice disposta a considerare l’ipotesi più estrema: “la nomina di un commissario e la chiusura degli Opg con provvedimento giudiziario, come la stessa legge consente. Un’ipotesi che preferiremmo non percorrere – chiarisce – visto che lascerebbe aperti molti problemi, ma che è preferibile alla proroga”. Un’ipotesi di cui si è discusso anche nell’ultimo incontro della Commissione d’inchiesta sul Ssn, come ci conferma la segreteria dello stesso senatore Ignazio Marino. Nulla di ufficiale, però, per il momento, mentre si continua a sperare che sia la forza della legge, e non quella dei sigilli, a chiudere gli Opg.

E una rassicurazione in merito arriva dal ministero della Salute, che alla redazione di Redattore Sociale fa sapere: “il comma dell’articolo 6 del decreto Balduzzi provvede a velocizzare le modalità  con cui le Regioni potranno accedere alle risorse messo loro a disposizione dal decreto-legge n. 211 del 2011, convertito dalla legge n.9 del 2012, per le strutture interessate al definitivo superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari”. Il decreto è attualmente alla Camera e dovrebbe concludere il suo iter entro la fine di novembre. “Se andrà  in porto – fanno sapere fonti del ministero della Salute – si potrebbe ancora rientrare nei tempi previsti per la chiusura”. (cl)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

«Non ci faremo zittire»

In questa parte di Cgil che cerca di resistere a «un disegno preciso: l’annullamento dei diritti ad ampio raggio», la bomba di Brindisi viene affrontata di petto, come un vecchio nemico mai dissolto.

All’armi son faxisti!

Cari compagni. In questo difficile momento, mentre barcolliamo, pur senza retrocedere, davanti a un vile attacco faxista operato con antiche tecnologie dai commissari liquidatori del manifesto, è il momento della severa autocritica.

Reddito di inclusione o nuova Social card? Il Welfare universale è lontano

Ora anche il Bel Paese ha la sua legge nazionale di lotta alla povertà assoluta. Ma è insufficiente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment