I sindacati europei rispondono uniti al «provocatore» Olli Rehn

L’ineffabile vicepresidente della Commissione europea non è nuovo a sortite del genere. Ma nonostante la delega agli affari economici che ne fa un uomo forte di Bruxelles, l’idea di comprimere ulteriormente gli stipendi è in aperta controtendenza con le analisi di centri studi ed economisti, non solo eterodossi.
Nel vecchio continente continuano a farsi sentire gli effetti deleteri della cieca austerity imposta dall’Ue. Eppure Rehn rilancia, consigliando al governo conservatore spagnolo una strategia di erosione salariale, e osservando che politiche analoghe hanno permesso all’Irlanda e alla Lettonia di superare efficacemente il periodo di crisi. Nonostante la proverbiale cautela, la Ces si sente punta sul vivo. Tanto da rispondere a Rehn con una lettera aperta, firmata dalla segretaria generale: «Aggrapparsi all’austerità e alla riduzione dei salari non è la risposta giusta – scrive Bernadette Sègol – quanto alla Lettonia e l’Irlanda, che hanno perduto rispettivamente il 20% ed il 15% della loro forza lavoro, possono difficilmente passare per esempi. L’unica lezione da imparare dalla Lettonia è che l’azione prioritaria è stata rilanciare la crescita».
L’uscita di Olli Rehn è una entrata a gamba tesa verso la Ces. Appena trenta giorni fa i sindacati europei avevano reso noti i risultati di un lavoro dell’Etui, il Centro di studio e ricerca della Confederazione. Dalla mappatura delle dinamiche salariali nell’Ue tra il 2000 e il 2012 erano emersi risultati che hanno sancito il drammatico impatto delle politiche di austerità sugli stipendi dei lavoratori europei. Più in dettaglio, in Italia i salari reali sono calati di circa lo 0,6% dal 2009 al 2012. Mentre gli effetti dell’austerity sono stati pagati ancor di più dai greci (buste paga decurtate del 4,9% in tre anni), dai lituani (-4%) e dagli ungheresi (-3,2%). «Sono 28,2 milioni le persone a rischio esclusione sociale e povertà nell’Ue», ha inoltre segnalato lo studio dell’Etui. Di fronte al quale Bernadette Sègol aveva osservato: «Tutte le tendenze mostrano che le politiche di austerità hanno provocato l’esplosione della disoccupazione. E questo rapporto dimostra che, nella maggior parte dei paesi in cui la disoccupazione è in aumento, i salari sono in calo».
Così la Ces aveva messo il dito nella piaga: «I salari sono il bersaglio principale delle misure di austerità in tutta Europa. Sono diventati lo strumento chiave o un meccanismo di aggiustamento con una politica di svalutazione interna. Ma questa tendenza non ha risolto i problemi di competitività, in particolare nei paesi soggetti a regimi di salvataggio finanziario. Al contrario, ha aggravato problemi esistenti, con effetti soprattutto sui più deboli».
Così, di fronte alla provocazione di Olli Rehn, Sègol rilancia a sua volta: «L’Europa deve rinviare l’applicazione del limite del 3% di deficit finché le economie nazionali non si saranno riprese, probabilmente fino al 2016-2017». Mentre la corsa verso il basso dei salari, «provocata dalla concorrenza salariale incoraggiata dalla Commissione», è una concausa della caduta, evidente, dei consumi. «Come avevamo previsto – chiude la segretaria generale dei sindacati europei – l’austerità non funziona. E noi siamo favorevoli a politiche che stimolano l’attività, accompagnate da salari e pensioni che sostengano i consumi».


Related Articles

Morti bianche, a Roma un operaio cade da impalcatura

Roma – Un operaio italiano di 49 anni e’ rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro, intorno alle 10 di questa mattina, in via Bollengo 30, zona La Storta. L’uomo (G.G. le sue iniziali) stava effettuando lavori di ristrutturazione edile in una villetta quando, per cause ancora da chiarire, e’ caduto da un’impalcatura posizionata a 4 metri dal suolo.

Bersani sbullona Marchionne

Lo sbullonamento de l’Unità  dalla bacheca alla Magneti Marelli fa sembrare il segretario del Pd Pierluigi Bersani il segretario della Fiom Maurizio Landini.

Tagli ai manager, mossa del Tesoro Da aprile scattano i primi risparmi

Per Matteo Renzi, nessun manager pubblico deve prendere un stipendio superiore a quello del presidente della Repubblica, cioè 239.181 euro lordi l’anno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment