Germania, più potere ai cittadini contro la Ue

BERLINO — La grosse Koalition che Angela Merkel e la Spd negoziano prepara una importante riforma istituzionale che può gravemente minacciare l’impegno europeo della Germania. I negoziatori di Cdu-Csu e socialdemocratici vogliono infatti introdurre l’istituto di referendum popolari a livello nazionale, e vincolanti per i legislatori: lo scopo è dare agli elettori l’ultima parola, al di sopra di governo e Parlamento, specie sulle decisioni relative all’allargamento dell’Unione europea, alla cessione di sovranità nazionale a Bruxelles e ai finanziamenti tedeschi alla Ue o a suoi singoli Stati membri in crisi.
In altre parole, l’euroscetticismo che molti commentatori e sondaggi vedono maggioritario nell’opinione pubblica tedesca, specie sui costi del salvataggio dell’euro e sulla perdita di sovranità, non potrebbe più essere tenuto a freno dal potere e dalla volontà dei leader politici di Berlino. Col rischio di battute d’arresto o passi indietro irreversibili per la costruzione dell’unione politica (e anche economico-finanziaria) europea.
La notizia è stata data con uno scoop cui l’autorevole quotidiano liberal di Monaco Sueddeutsche Zeitung ha dedicato l’apertura
della sua prima pagina. L’idea dell’introduzione di referendum nazionali e vincolanti è frutto dell’intesa tra due dei più importanti negoziatori al tavolo della trattativa sulla grosse Koalition.
Cioè il ministro dell’Interno uscente, Hans-Peter Friedrich, cristiano-sociale bavarese e spesso caratterizzatosi come falco ‘legge e ordine’, e il leader amministrativo del gruppo parlamentare socialdemocratico Thomas Oppermann, ritenuto il candidato più forte come futuro ministro della Giustizia.
I due si sono presto intesi: il limitatissimo ruolo dei referendum in Germania non è adeguato ai tempi, va rivisto e significativamente ampliato. E così hanno approntato una proposta di formulazione comune che sottoporranno al tavolo negoziale alla sua prossima seduta, che si terrà stamane al Willy-Brandt-Haus, la sede centrale della Spd. «La democrazia parlamentare ancorata al
Grundgesetz, la nostra Costituzione — dice la bozza — si è mostrata valida e funzionante per ben sei decenni». Ciò nonostante cresce nel popolo tedesco l’auspicio di una sua maggiore partecipazione, «per cui vogliamo dare ai cittadini la possibilità di influire sulle scelte politiche anche tra un’elezione politica e l’altra». Agli elettori verrebbe offerta la possibilità di rifiutare una legge votata dal Bundestag entro sei mesi, e soprattutto il popolo, ritengono Friedrich e Oppermann, dovrebbe avere più voce e venire consultato direttamente «su questioni di politica europea».


Related Articles

Gerusalemme/Territori occupati. Ahed Tamimi resta in prigione

I giudici hanno esteso almeno fino a lunedì la detenzione della 16enne palestinese arrestata a Nabi Saleh per aver schiaffeggiato due soldati israeliani

La Spagna al voto, molti gli indecisi ma la politica è già cambiata

Elezioni in Spagna. Podemos ha scardinato il duopolio di Pp e Psoe. Il 25% degli spagnoli è ancora in bilico. Resta il nodo delle future alleanze

L’altra gauche e Hollande «Vogliamo uscire con lui dall’incubo sarkoziano»

Sostegno al socialista per scongiurare la deriva lepenista della Francia
Ma senza «annacquare le differenze» sui temi del lavoro e dei diritti. Parlano il segretario Pcf Pierre Laurent, Ignacio Ramonet, lo storico Emmanuel Todd

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment