Slovacchia, neonazista eletto governatore

Nell’Europa dei populismi anche la Slovacchia fa notizia. Dopo la scalata del «Front National» di Marine Le Pen in Francia e l’exploit del «Partito delle libertà» di Geert Walders in Olanda, ora ad allarmare l’Unione è Marian Kotleba. Il candidato neonazista ha vinto le elezioni regionali che si sono tenute sabato, diventando così governatore della regione di Banska Bystrica, nel centro del Paese. Marian Kotleba, presidente del «Partito nazionale solidarietà slovacca», è un militante di estrema destra, famoso soprattutto per i discorsi contro la minoranza rom (nel Paese i nomadi rappresentano il 9% dei 5,4 milioni di abitanti, ndr). Il suo partito era già stato messo fuori legge in passato per le forti connotazioni xenofobe, ma successivamente venne reintegrato. Kotleba ritiene che la Nato sia un’organizzazione terroristica, vorrebbe che la Slovacchia abbandonasse l’euro e ha più volte espresso apprezzamenti neanche troppo velati per il governo nazista instaurato nel Paese durante la seconda guerra mondiale. Sabato ha ottenuto il 55 per cento dei voti. Un successone. Ciononostante, in base ai risultati delle elezioni regionali diffusi ieri, il partito di sinistra «Direzione-Socialdemocrazia» che fa capo al primo ministro Roberto Fico ha vinto in sei regioni su otto, riconfermandosi il partito più forte della Slovacchia. Nella capitale Bratislava ha vinto invece il candidato dell’opposizione di centro-destra, Pavol Freso, che ha definito il successo del neonazista Kotleba «un enorme colpo alla democrazia». [E. ST. ]


Related Articles

Roma come Atene, l’Europa smarrita

C’è qualcosa di «epico» nei sostenitori dell’austerità. Parlare di ripresa economica è sicuramente fuori luogo, ma chiedere ulteriori sacrifici a un paese che ha iniziato un percorso di deflazione, la cosa peggiore che si possa immaginare durante una recessione economica, suona come una marcia funebre.

L’applauso a metà  dei mercati Resta il nodo dei finanziamenti

Apprezzamento per l’esito del vertice, la Bundesbank: “Non ancora decisa la nostra quota” Citigroup: “Misure disordinate” Le banche italiane si proteggono da un calo dei Btp

Taglio alle borse di studio, l’istruzione solo per pochi

SPAGNA Il decreto in vigore già quest’anno, con il parere contrario del Consiglio di stato
Chi non supera anno per anno tutti gli esami previsti dal piano di studi deve restituire l’assegno e non può rinnovare la richiesta In un sistema già segnato dalla piaga dell’abbandono: il 25% dei giovani tra 18 e 24 anni lascia prima della laurea

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment