La Toscana molla l’alta velocità

La Toscana molla l’alta velocità

Loading

Dall’assemblea della Rete dei comi­tati per la difesa del ter­ri­to­rio arriva una buona noti­zia: l’alta velo­cità smette di essere un tabù per la più impor­tante isti­tu­zione toscana: “Ho cam­biato idea — spiega Enrico Rossi – per­ché siamo di fronte a un enorme dato poli­tico: una massa impo­nente di denaro, si parla di 30 miliardi, è stato inve­stito su quella che chia­mano la ‘metro­po­li­tana d’Italia. Tra­scu­rando però tutte le altre realtà locali, e dimen­ti­cando la gran massa di per­sone che ogni giorno uti­liz­zano le linee regio­nali. Baste­rebbe un cen­te­simo di quanto è stato speso per la ‘metro­po­li­tana d’Italia’, e solo in Toscana si miglio­re­rebbe la vita di circa 250mila cit­ta­dini, rispar­miando tanti soldi. Su que­sto tema darò battaglia”.
La sor­presa è grossa. Anche se gli atti­vi­sti della Rete gui­data da Alberto Asor Rosa si erano già accorti del cam­bio di linea: “Le più recenti dichia­ra­zioni di Rossi – aveva osser­vato Tiziano Car­dosi, por­ta­voce del comi­tato fio­ren­tino con­tro il sot­toat­tra­ver­sa­mento Tav – sono abba­stanza con­di­vise fra di noi. Indi­riz­zare tutte le risorse su grandi opere come la Tav è sba­gliato, di fronte alla neces­sità di una ade­guata manu­ten­zione, e di un obbli­ga­to­rio miglio­ra­mento, della rete infra­strut­tu­rale esistente”.Parole sante. Ideal­mente sot­to­scritte dai milioni di pen­do­lari che fanno i conti con ritardi e disagi di ogni genere, denun­ciati da Legam­biente e da decine di comi­tati locali. Per quella scom­messa ad han­di­cap, per­duta, su una mobi­lità col­let­tiva meno inqui­nante e costosa, più civile ed “euro­pea”. Pro­spet­tiva che evi­den­te­mente atter­ri­sce i padroni del vapo­retto nazio­nale: “Si è lasciata a Rete fer­ro­via­ria ita­liana com­pleta mano libera — ricorda sul punto Rossi – senza con­si­de­rare in alcun conto l’interesse pubblico”.Non è stata solo l’alta velo­cità a tenere banco nell’annuale appun­ta­mento della Rete dei comi­tati per la difesa del ter­ri­to­rio. Nel con­fronto con una delle (pochis­sime) isti­tu­zioni aperte alla discus­sione, l’elaborazione degli atti­vi­sti si è tra­dotta in una “Piat­ta­forma toscana”, in cui tro­vano spa­zio le impat­tanti atti­vità estrat­tive sulle Apuane; i pro­blemi ener­ge­tici, in par­ti­co­lare la geo­ter­mia sull’Amiata; il cor­ri­doio auto­stra­dale tir­re­nico, e le poli­ti­che di governo del territorio.
Su quest’ultimo aspetto, gra­zie anche alla pre­senza di un’autorità (nazio­nale) in mate­ria come l’assessore Anna Mar­son, l’assemblea ha pro­mosso il Piano pae­sag­gi­stico e la nuova Legge urba­ni­stica già appro­vate dalla giunta toscana. Ma atten­zione, avverte Asor Rosa: “Sap­piamo che il pas­sag­gio in Con­si­glio regio­nale non sarà in discesa, anzi. Le resi­stenze poli­ti­che si sono già mani­fe­state, e sono forti. Ma la Rete è decisa a soste­nere la cen­tra­lità e l’urgenza di que­sti prov­ve­di­menti. Se saranno appro­vati senza stra­vol­gerne i prin­cipi ispi­ra­tori, potremo spe­rare che la Toscana esca dalla sta­gione degli eco­mo­stri e della deva­sta­zione del territorio”.Da parte sua, Enrico Rossi dà un ok di metodo (“que­sta assem­blea è un buon esem­pio di demo­cra­zia”), e poi segnala: “Non su tutto siamo d’accordo. Ma voi rap­pre­sen­tate istanze della società civile. Pro­te­ste legit­time”. Alle quali, sulla geo­ter­mia, arriva la pro­po­sta di un tavolo scien­ti­fico per rispon­dere alle que­stioni più con­tro­verse, dopo l’avvio di un piano di “media ental­pia” con emis­sioni ridotte e minore impatto sul pae­sag­gio. Quanto al con­sumo del suolo, il pre­si­dente toscano riba­di­sce: “Il ter­ri­to­rio agri­colo, e più in gene­rale quello ancora libero da costru­zioni, va man­te­nuto intonso”. Pec­cato che i comuni non la pen­sino così, almeno a giu­di­care da alcuni piani strut­tu­rali e rego­la­menti urba­ni­stici – ultimo caso Bagno a Ripoli, sulle col­line fio­ren­tine – che con­ti­nuano ad appro­vare lot­tiz­za­zioni pri­vate dei costrut­tori “di riferimento”.



Related Articles

Italia: una proposta di legge Rifiuti Zero per una società  più sostenibile

Loading

  Foto: Ciminnattiva.blogspot.it

Prima ancora di rivedere la tassa sui rifiuti (la tanto dibattuta in questi giorni Tares), dei rifiuti bisognerebbe cambiarne il metodo di gestione. Per questo il 27 marzo è stata depositata in Corte di Cassazione una proposta di Legge di Iniziativa Popolare denominata Rifiuti Zero che raccoglie la volontà  di cambiamento in materia di rifiuti di quasi 150 organizzazioni tra le quali la Rete Zero Waste Italy, l’Associazione Comuni Virtuosi, l’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze (ANPAS), ATTAC Italia e Re:Common oltre ad altre associazioni, reti, comitati, condotte e realtà  della società  civile di diciotto regioni diverse che insieme hanno costituito il primo nucleo titolare della proposta di legge.

Intifada dei coltelli, 150 morti in 3 mesi

Loading

Da ottobre una lunga scia di sangue: 128 palestinesi colpiti dalle forze di sicurezza, 20 le vittime israeliane

Una società europea del gas per abbassare i prezzi di Putin Mosca grida al complotto

Loading

Lo scoop del giornale russo “Kommersant” non è stato smentito da Bruxelles. Mentre la tedesca Basf revoca le concessioni sulla distribuzione alla Gazprom

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment