Troika: 4 anni di troppo

Troika: 4 anni di troppo

Loading

Era il 25 marzo 2010. Una data ano­nima e sco­no­sciuta ma che come spesso accade segna un evento capi­tale: la nascita della Troika. Cer­cando la sua ori­gine si arriva alla Dichia­ra­zione dei capi di stato e di governo dell’Eurozona di tale data per vedere pre­fi­gu­rare il dispo­si­tivo di potere con­si­stente nella con­ver­genza di Com­mis­sione euro­pea, Fondo mone­ta­rio inter­na­zio­nale e Banca cen­trale euro­pea. Troika per i nemici.

Il tema era la Gre­cia, la Dichia­ra­zione pro­met­teva di difen­dere la «sta­bi­lità finan­zia­ria e dell’euro» con­di­zio­nando i pre­stiti al paese elle­nico alle dichia­ra­zioni con­giunte delle sud­dette isti­tu­zioni. Le famose con­di­zio­na­lità di Banca mon­diale e Fondo mone­ta­rio (tagli alla spesa, pri­va­tiz­za­zioni, pre­ca­riato) risor­gono nel 2010 in europa. Nascita della Troika.

Dopo quat­tro anni i risul­tati sono disa­strosi. Ora­mai non riu­sciamo a star die­tro ai rap­porti, rela­zioni, studi sui danni inflitti dalle poli­ti­che di auste­rità. Dal Con­si­glio d’Europa alla Camera del lavoro di Vienna, dalla Cari­tas fino al par­la­mento euro­peo. Già, per­ché in seno a esso è stata appro­vata una inda­gine cono­sci­tiva che dovrebbe veri­fi­care: le basi legali, man­dato e strut­tura della Troika, il pro­cesso deci­sio­nale, la legit­ti­mità demo­cra­tica, la base scientifico-economica delle deci­sioni e le con­se­guenze di esse per i paesi sot­to­po­sti alla «cura»: Cipro, Por­to­gallo, Irlanda, Gre­cia. La rela­zione finale, appro­vata dalle com­mis­sioni a fine feb­braio, è stata favo­re­vol­mente sot­to­po­sta a voto dall’europarlamento il 13 marzo scorso.

Il testo appro­vato se non è una boc­cia­tura totale delle poli­ti­che di auste­rità degli ultimi anni, ci si avvi­cina abba­stanza. I para­grafi si arti­co­lano grosso modo secondo i punti sopra citati, dopo un rias­sunto della situa­zione eco­no­mica dei paesi inte­res­sati prima e dopo la cura. Nono­stante i vistosi limiti si fa pre­sente con chia­rezza che ine­gua­glianza e povertà in seguito alle poli­ti­che della Troika sono cre­sciute; che gli obiet­tivi nel lungo periodo non è detto siano stati rag­giunti (fidu­cia dei mer­cati e calo degli spread), che le azioni sono state prese in base a pre­vi­sioni errate. Cri­tica inol­tre la strut­tura della Troika, le cui com­po­nenti sono al tempo stesso isti­tu­zioni dell’Unione e man­da­tari degli stati mem­bri (un pos­si­bile con­flitto d’interessi, dato che gli inte­ressi degli Stati pos­sono diver­gere dalle norme comuni). Si cri­tica la scarsa tra­spa­renza verso i par­la­menti nazio­nali e il fatto che l’adesione alle con­di­zio­na­lità sia stata vis­suta dalle assem­blee di tali paesi come l’alternativa fra la rati­fica o la bancarotta.

Troi­ka­watch è cri­tica verso il rap­porto, che non mette in que­stione i sal­va­taggi ban­cari, sostan­zial­mente accet­tando lo sce­na­rio di fondo main­stream, né sot­to­li­neando che il sistema ban­ca­rio euro­peo è stato pre­ser­vato sulla pelle di pochi paesi. Da una parte il testo sconta la sua natura di stile burocratico-procedurale, volto a ricon­durre tutto nei mean­dri del diritto euro­peo, tra­la­sciando pudi­ca­mente gli aspetti più poli­tici o ine­renti alla nuda realtà sociale. Dall’altro è l’emanazione dello stesso assetto euro­cra­tico di cui rico­no­sce impli­ci­ta­mente la legit­ti­mità e la vigenza giu­ri­dica senza azzar­dare una visione cri­tica dei loro fon­da­menti. È comun­que inco­rag­giante che il fal­li­mento dell’austerità sia così evi­dente che sia dav­vero dif­fi­cile far finta di non vederlo — anche col fel­pato lin­guag­gio buro­cra­tico di Bru­xel­les — dopo ben quat­tro anni (com­piuti pochi giorni fa!) di con­di­zio­na­lità. Forse sono quat­tro anni di troppo, non solo per noi.

Buon com­pleanno, Troika.



Related Articles

Senza giusta pena Italia (ri)condannata

Loading

Per la seconda volta in pochi giorni la Corte europea per i diritti umani richiama il governo per aver violato le garanzie di un detenuto e per non aver punito adeguatamente i responsabili. Il caso risale al 2000, quando una trentina di detenuti di San Sebastiano, a Sassari, vennero picchiati come ritorsione per una protesta pacifica

Decapitato il “paladino”di Palmira Ecco l’ultimo orrore del Califfato

Loading

Ucciso l’archeologo Khaled Asaad per 40 anni responsabile delle antichità nella città finita nelle mani dei jihadisti Aveva nascosto statue e reperti preziosi

Canada: i nativi “non restano a guardare”, per il bene dei canadesi!

Loading

  Foto: Citynews.ca

Dopo le proteste dello scorso dicembre in Canada, lunedì 28 gennaio in tutto il Mondo si sono mobilitate migliaia di persone sotto lo slogan del movimento “Idle No More (Non Resteremo a Guardare) nato nel novembre 2012 da quattro donne della provincia di Saskatchewan per protestare contro gli effetti delle politiche canadesi.
Con il cosiddetto Bill C-45, il Governo Harper, ha di fatto tolto ai Nativi Canadesi la propria autonomia sancita dai trattati dell’Indian Act. Con questa legge il Canada indebolisce seriamente molte norme a tutela delle risorse naturali dei territori indigeni, con “un impatto pericoloso per l’ambiente e la società  di tutti i nativi” e non solo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment