Opg. Ex manicomi criminali chiusi nel 2015

Opg. Ex manicomi criminali chiusi nel 2015

Ancora un anno. L’esistenza degli ospedali psichiatrici giudiziari — sono 6 in tutta Italia — è stata prorogata alla fine di marzo 2015. Il Senato ha approvato ieri il decreto legge che rimanda la loro chiusura e la sostituzione con le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems): per quanto fosse una decisione presa da tempo, nulla o quasi era stato fatto e quindi, se davvero gli Opg fossero stati chiusi il primo aprile, gli internati non avrebbero avuto un posto dove andare.
La proroga per molti è l’ennesima sconfitta dello Stato e lo stesso presidente Napolitano aveva firmato «con rammarico», dopo averle definite «strutture indegne di un Paese appena civile». Ora, con 171 voti a favore, 31 astenuti e un solo contrario al Senato, il provvedimento passa alla Camera. Arricchendosi, però, di un emendamento che introduce una novità sostanziale: la reclusione in un Opg non potrà avere durata superiore alla pena che il malato-detenuto avrebbe scontato in carcere se fosse stato ritenuto imputabile.
«Finora poteva accadere che l’internamento fosse prorogato per un numero indefinito di volte, fino a tradursi in una sorta di pena perpetua», spiegano i senatori del Pd Luigi Manconi e Sergio Lo Giudice.
Deciso anche lo stop a nuovi ricoveri (oggi i reclusi sono circa mille) e, per gli autori di reati per cui sarebbe previsto l’ergastolo, la permanenza nell’Opg fino a quando il soggetto sarà ritenuto socialmente pericoloso.



Related Articles

Cara ministra, la scuola non può stare in stand-by

In questo periodo di crisi sanitaria, sociale ed economica è arrivato il momento di ripensare la scuola e di dare voce alla scuola dell’obbligo.

Giovanardi e Serpelloni, il duo antieuropeo

Il duo Giovanardi – Serpelloni ha impresso una svolta radi­cale, ideo­lo­gica e con­ser­va­trice, alla poli­tica ita­liana sul piano inter­na­zio­nale, a sca­pito dell’intesa con l’Europa

Prima di Natale i decreti sul lavoro due mensilità l’anno il tetto per i licenziamenti

Il 22 dicembre i primi provvedimenti. Verranno anche indicati i casi di reintegro per i licenziamenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment