Ciò che Moghe­rini non dice

Loading

L’Italia non abban­do­nerà l’Afghanistan con la fine dell’Isaf, ma con­ti­nuerà a occu­par­sene, man­te­nendo l’impegno preso: lo assi­cura il mini­stro degli esteri Moghe­rini sul mani­fe­sto (7 giu­gno).

Quale sia l’impegno lo chia­ri­sce l’aeronautica: in sei anni i cac­cia­bom­bar­dieri ita­liani hanno effet­tuato in Afgha­ni­stan 3.583 sortite, «tra­guardo mai egua­gliato da veli­voli da com­bat­ti­mento ita­liani in ope­ra­zioni fuori dai con­fini nazio­nali dal ter­mine del secondo con­flitto mondiale».

Nella loro ultima mis­sione, il 28 mag­gio, due cac­cia­bom­bar­dieri Amx hanno distrutto l’obiettivo indi­vi­duato da un drone Pre­da­tor e dalla Task Force Vic­tor (clas­si­fi­cata come «unità spe­ciale e semi­se­greta» dalla Rivi­sta Ita­liana Difesa). Men­tre gli eli­cot­teri Man­gu­sta dell’Esercito, schie­rati a Herat, hanno var­cato la soglia delle 10mila ore di volo.
L’impegno delle forze armate ita­liane in Afgha­ni­stan ha dun­que un nome, che la Moghe­rini si guarda bene dal pro­nun­ciare: guerra. Che non ter­mi­nerà con la fine dell’Isaf. «La nostra Joint Air Task Force – comu­nica l’aeronautica – con­ti­nuerà ad ope­rare in Afgha­ni­stan con aerei da tra­sporto tat­tico C-130 J e da guerra elet­tro­nica EC-27 della 46a Bri­gata aerea di Pisa e i veli­voli a pilo­tag­gio remoto Pre­da­tor B del 32° stormo di Amen­dola». In altre parole, la guerra con­ti­nuerà in forma coperta, con appo­site unità aeree e forze spe­ciali che avranno il com­pito anche di adde­strare quelle locali. Sem­pre sotto comando degli Stati uniti che, dopo 13 anni di guerra costati oltre 600 miliardi di dol­lari (solo come spesa mili­tare uffi­ciale), non sono riu­sciti a con­trol­lare il paese e cer­cano ora di farlo con la nuova stra­te­gia. A tale pro­po­sito il pre­si­dente sta­tu­ni­tense Obama ha chia­mato il 27 mag­gio il pre­mier Renzi, tra­smet­ten­do­gli di fatto gli ordini.

L’Italia con­ti­nuerà così a par­te­ci­pare a una guerra che pro­vo­cherà altre vit­time e tra­ge­die sociali, scom­pa­rendo però dalla vista. L’Afghanistan – situato al cro­ce­via tra Asia cen­trale e meri­dio­nale, occi­den­tale e orien­tale – è di pri­ma­ria impor­tanza geo­stra­te­gica rispetto a Rus­sia, Cina, Iran e Paki­stan, e alle riserve ener­ge­ti­che del Caspio e del Golfo.

E lo è ancora di più oggi che la stra­te­gia Usa/Nato sta por­tando a un nuovo con­fronto con la Rus­sia e, sullo sfondo, con la Cina. Restare in Afgha­ni­stan signi­fica non solo con­ti­nuare a par­te­ci­pare a quella guerra, ma essere legati a una stra­te­gia che pre­vede una sem­pre mag­giore pre­senza mili­tare occi­den­tale nella regione Asia/Pacifico. Secondo il rac­conto della Moghe­rini, l’asse por­tante dell’impegno ita­liano in Afgha­ni­stan sarà «il soste­gno alla società civile» nel qua­dro dell’Accordo di par­te­na­riato fir­mato a Roma nel 2012 da Monti e Kar­zai, appro­vato dalla Camera a schiac­ciante mag­gio­ranza e dal Senato all’unanimità. Esso pre­vede la con­ces­sione al governo afghano di un cre­dito age­vo­lato di 150 milioni di euro per la rea­liz­za­zione di «infra­strut­ture stra­te­gi­che» a Herat (men­tre L’Aquila e altre zone disa­strate non hanno i soldi per rico­struire) e altri finan­zia­menti, che vanno ad aggiun­gersi ai circa 5 miliardi di euro spesi finora per le ope­ra­zioni mili­tari. L’aiuto eco­no­mico di 4 miliardi di dol­lari annui, che i «dona­tori» (tra cui l’Italia) si sono impe­gnati a for­nire a Kabul, finirà in gran parte nelle tasche della casta domi­nante, come la fami­glia Kar­zai arric­chi­tasi con i miliardi della Nato, gli affari sot­to­banco e il traf­fico di droga.

La Moghe­rini annun­cia l’impegno del governo ad «aumen­tare le risorse e ren­derle sta­bili». Parte ser­virà a finan­ziare quelle Ong embed­ded che, come cro­ce­ros­sine, vanno a curare le ferite della guerra per darle un volto «umanitario».


Tags assigned to this article:
AfghanistanIsafKar­zaiMoghe­riniNato

Related Articles

Pensioni, il giorno dei rimborsi

Loading

Domani, con la rata di agosto, lo Stato restituirà parte dell’indicizzazione non versata tra 2012 e 2013 «Una tantum» fino a 900 euro lordi, a seconda del reddito. Prevista la tassazione separata

L’Europa si chiude cresce la voglia di confini solo i giovani dicono no

Loading

Osservatorio europeo. L’Italia è il paese più vecchio del continente: nel 2015 la popolazione è scesa di 100mila unità, nel 2013 sono partite 95mila persone, per lo più sotto i 30 anni

Raid israeliano a Jenin, uccisi tre palestinesi

Loading

Cisgiordania. Reparti israeliani hanno aperto il fuoco a Jenin sui giovani che protestavano per l’uccisione di Hamza Abu Hejla, un militante di Hamas. Le organizzazioni armate palestinesi minacciano una rappresaglia. Morbida la reazione dell’Anp di Abu Mazen

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment