Job’s Death. Quattro operai soffocati dai veleni

Job’s Death. Quattro operai soffocati dai veleni

Loading

Irri­for­ma­bile « Job’s Death » nella peri­fe­ria del Pole­sine, il lembo più lon­tano e meno con­si­de­rato dell’ormai ex «mitico Nord Est». Il lavoro tutt’altro che sicuro ammazza dav­vero: quat­tro morti più un rico­ve­rato in gravi con­di­zioni e un vigile del fuoco ferito. È il bilan­cio della strage all’interno della Co.Im.Po. Srl in via Ame­rica 7 nella fra­zione Ca’ Emo.

Vite spez­zate da un mici­diale cock­tail chi­mico e dal man­cato rispetto delle norme di sal­va­guar­dia: davanti alla grande vasca all’aria aperta (30 metri per 40) dell’impianto di trat­ta­mento dei reflui ieri mat­tina intorno alle 10 c’erano gli ope­rai con l’uomo che aveva appena par­cheg­giato un’autocisterna. Tutti senza la maschera di pro­te­zione e, forse, abi­tuati a mano­vrare senza l’«incubo» del rispetto della legge 626. Così è stato ver­sato acido sol­fo­rico che ha rea­gito con l’ammoniaca, spri­gio­nando vapori letali. Uno è sve­nuto imme­dia­ta­mente. Gli altri lo hanno inu­til­mente soc­corso. Nem­meno chi è poi riu­scito ad allon­ta­narsi ha gua­da­gnato la sal­vezza: lo hanno tro­vato morto, come gli altri tre, ad un cen­ti­naio di metri di distanza dall’incidente sul lavoro.

Le vit­time sono dipen­denti della Co.Im.Po.: Nicolò Bel­lato, 28 anni, e Paolo Vale­sella, 53 anni, di Adria, con Marco Berti, 47 anni, di Cam­po­longo Mag­giore. Nello stesso paese del Vene­ziano abi­tava anche Giu­seppe Val­dan, 47 anni, l’autista esterno. Un quinto ope­raio qua­ran­tenne è stato rico­ve­rato all’ospedale di Adria in pro­gnosi riser­vata, men­tre l’altro ferito ha rice­vuto le cure del caso a Rovigo. Una tra­ge­dia che pie­tri­fica la cit­ta­dina di 20 mila abi­tanti e 37 fra­zioni, quasi sospesa a metà fra la laguna e Rovigo. Ma il pub­blico mini­stero Sabrina Duò nutre pochi dubbi dopo i sopral­luo­ghi, in vista dell’apertura della vera e pro­pria inchie­sta della Pro­cura della Repub­blica: «Risul­tano evi­denti anche ad una prima ana­lisi i pro­blemi di sicu­rezza all’interno della Co.Im.Po. Sem­bre­rebbe che qui qual­cosa non sia stato rispet­tato sotto il pro­filo del ciclo di pro­du­zione». E dal coman­dante dei vigili del fuoco arri­vano ulte­riori con­ferme. «C’è stata una errata mano­vra nel pro­cesso di lavo­ra­zione che l’azienda effet­tuava per trat­tare que­sto genere di reflui indu­striali. Ha com­por­tato la nube tos­sica di ani­dride sol­fo­rosa: nes­suna esplo­sione né altre con­se­guenze all’esterno dell’impianto» afferma Giro­lamo Ben­ti­vo­glio. L’Arpav (inter­ve­nuta sul posto con cara­bi­nieri, sani­tari e vigili del fuoco) ha atti­vato i con­trolli con le cen­tra­line mobili che hanno dato sostan­zial­mente esito nega­tivo per ciò che riguarda gli effetti nell’area cir­co­stante. Ha già pro­cla­mato il lutto cit­ta­dino Mas­simo «Bobo» Bar­bu­jani, il sin­daco soste­nuto da Forza Ita­lia, Ncd e Fra­telli d’Italia, che dovrà met­tere in conto nuove pole­mi­che con Michela Grotto (con­si­gliera comu­nale M5S) più che con il Pd.

La strage di Adria, ine­vi­ta­bil­mente, riporta sotto i riflet­tori il destino del Pole­sine stretto nella morsa sus­si­dia­ria delle lobby bipar­ti­san che sovrin­ten­dono al «ciclo» dello smal­ti­mento dei rifiuti indu­striali, gesti­scono i flussi dei finan­zia­menti di Bru­xel­les fin dall’epoca del cla­mo­roso crack Euro­bic (oltre 2 miliardi di lire di buco nel bilan­cio 2000) e spia­nano la strada alle grandi opere, ultima la Orte-Mestre natu­ral­mente in pro­ject finan­cing.

Ora la parola passa alla magi­stra­tura che ipo­tizza il reato di omi­ci­dio col­poso plu­rimo. La Pro­cura dovrà chia­rire, nei det­ta­gli e nelle respon­sa­bi­lità penali, ciò che è acca­duto nello spa­zio di lavoro fra la vasca e l’autocisterna. Già oggi sono in pro­gramma ulte­riori accer­ta­menti all’interno della Co.Im.Po. con il fasci­colo d’inchiesta che attende i rap­porti uffi­ciali di tutti. Poi un’ulteriore ele­mento di verità verrà dalle autop­sie, non solo per poter rico­struire defi­ni­ti­va­mente la dina­mica dell’incidente e le tracce dei com­po­nenti della «bomba chi­mica» inne­scata nel trat­ta­mento dei reflui. La Pro­cura in par­ti­co­lare mira ad accer­tare errori o omis­sioni durante le pro­ce­dure, ma soprat­tutto se dav­vero siano state seguite le pre­scri­zioni in mate­ria di sicu­rezza sul lavoro all’interno della Co.Im.Po. che si occupa del trat­ta­mento di rifiuti industriali.

La strage di Adria ha scosso Napo­li­tano: ha affi­dato al pre­fetto di Rovigo di espri­mere ai fami­liari delle quat­tro vit­time i sen­ti­menti di par­te­cipe cor­do­glio del pre­si­dente della Repub­blica. Per Cgil, Cisl e Uil di Rovigo è «un evento inac­cet­ta­bile, che ancora una volta lega il lavoro alla tra­gica attua­lità. Ricorda ancora una volta quanto la prio­rità del legi­sla­tore e del governo dovrebbe man­te­nersi vigile e costante più sul ver­sante delle tutele e delle regole di raf­for­za­mento del diritto del lavoro e non alla loro ridu­zione». Infine, il gover­na­tore leghi­sta Luca Zaia: «One­sta­mente debbo dire che non ci aspet­ta­vamo un inci­dente sul lavoro come que­sto, per­ché il Veneto è cono­sciuto ed apprez­zato come una regione sicura. Que­sta è tra le più deva­stanti tra­ge­die che il Veneto ha subìto».



Related Articles

Marchionne: “La sede della Fiat sarà  scelta cercando di far convivere testa e cuore”

Loading

Mercoledì all’assemblea dei soci il punto sugli stabilimenti italiani. Da novembre la Panda sarà  prodotta a Pomigliano. L’ad a Report tenta di rassicurare sul trasferimento in caso di fusione con Chrysler

Il sin­da­ca­li­smo sociale vince a Roma

Loading

Le lavoratrici e i lavoratori del centro di riabilitazione Ce.Fi. Ciampino hanno vinto. L’incontro con le camere del lavoro autonomo e precario (Clap). Storia della prima vertenza di un nuovo modo di fare sindacato

Il lato oscuro della rivoluzione digitale

Loading

Libri. Forza Lavoro. Il lato oscuro della rivoluzione digitale (DeriveApprodi) di Roberto Ciccarelli. Un capitolo di etica rivoluzionaria e spinoziana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment