Città e riduzione del danno in Europa

Città e riduzione del danno in Europa

Bilan­cio posi­tivo e nuove sfide per la ridu­zione del danno euro­pea (Rdd): nata a Mar­si­glia nel 2011, da ope­ra­tori, con­su­ma­tori e città, la rete euro­pea Eurohrn ha fatto il punto ad Amster­dam, il 2 e 3 otto­bre. Si è comin­ciato dal con­tri­buto dell’Olanda, che si è inter­ro­gata sul pro­prio plu­ri­de­cen­nale modello, offrendo una rifles­sione su alcune que­stioni cruciali.

Intanto la cen­tra­lità, nella Rdd di suc­cesso, del para­digma dell’apprendimento sociale, quel «con­su­ma­tori si diventa» gio­cato in pro­spet­tiva di un con­sumo più sicuro, auto­de­ter­mi­nato e cen­trato su com­pe­tenze indi­vi­duali e col­let­tive in grado di pro­teg­gere da rischi e danni; in seconda bat­tuta, l’attenzione a non incen­ti­vare, con scelte poli­ti­che e legi­sla­tive, pro­cessi di eti­chet­ta­mento dei con­su­ma­tori, come quelli rela­tivi alla cri­mi­na­liz­za­zione (ma anche alla pato­lo­giz­za­zione), il che con­sente di costruire un con­te­sto sociale incline alla nor­ma­liz­za­zione del con­sumo e a faci­li­tare la coe­sione sociale: per inten­derci, quella scelta che alla fine degli anni ’60 con­sentì la rinun­cia a san­zio­nare una quota impor­tante della gio­ventù olan­dese. Ma anche, su un altro piano, scelte di poli­tica sociale, in cui certi fat­tori «deter­mi­nanti» la qua­lità della vita dei con­su­ma­tori a rischio di esclu­sione gio­cano un ruolo inci­sivo, come e più di spe­ci­fi­che poli­ti­che «delle dro­ghe». L’Europa di Eurohrn, dalla Scan­di­na­via ai Bal­cani, dall’Italia all’Estonia, non è l’Olanda, ma que­ste «lezioni apprese» hanno risuo­nato con con­cre­tezza e forza nelle espe­rienze comuni. Una sfida con­di­visa è apparsa quella dei nuovi con­sumi e dei con­su­ma­tori del loi­sir: lo sce­na­rio è quello di una pro­du­zione mutante e «home made» di mole­cole, in un mer­cato fram­men­tato e vei­co­lato dal web, e dall’altro di con­su­ma­tori lon­ta­nis­simi dall’immagine del consumatore-tipo su cui la Rdd è andata costruen­dosi negli anni ’80 e ’90: i nuovi con­su­ma­tori si col­lo­cano agli anti­podi di ogni let­tura all’insegna del modello medico o di quello dell’esclusione sociale. Una distanza che è risuo­nata non solo tra gli ope­ra­tori alla ricerca di prassi rin­no­vate, ma anche nella neo-nata rete euro­pea dei con­su­ma­tori, Euron­pud (Euro­pean Net­work of Peo­ple who use Drugs) che ne ha fatto un ful­cro cri­tico. Tre temi spe­ci­fici nei lavori della rete.

Le stanze del con­sumo, ana­liz­zate in una aggior­nata tor­nata di ricer­che: 83 in tutta Europa, con un trend di clienti che non accenna a dimi­nuire, una dif­fe­ren­zia­zione nell’offerta che si ade­gua al mutare dei con­sumi e una con­qui­stata capa­cità di inte­ra­gire con i con­te­sti urbani. E una novità: una rete euro­pea delle stanze che offrirà esperti a chi vuole aprirne una (e l’Italia, si sa, potrebbe fruirne per supe­rare un ormai inso­ste­ni­bile gap). La lotta alle over­dose: studi di asses­se­ment sulle migliori prassi euro­pee, con le tante varia­bili che, insieme, dovreb­bero con­cor­rere all’efficacia degli inter­venti. Ruolo impor­tante è risul­tato quello dei con­su­ma­tori e delle loro com­pe­tenze, e qui l’Italia — per una volta… — può van­tare come miglior prassi la distri­bu­zione del far­maco sal­va­vita, il nalo­xone, nell’ambito degli inter­venti di bassa soglia e di peer support.

Infine, il lavoro della Rdd nei e con i con­te­sti urbani è stata posta come un trend neces­sa­rio del suo svi­luppo: le città con­ti­nuano ad essere attori e luo­ghi pri­vi­le­giati della Rdd che deve assu­mere sem­pre più la dimen­sione di una poli­tica inte­grata nelle poli­ti­che municipali.

Pro­prio aggan­cian­dosi a que­sta prio­rità, la rete ita­liana Itardd — che di EuroHRn è focal point nazio­nale — terrà il suo appun­ta­mento annuale 2014, il 14 e 15 novem­bre a Napoli, pro­prio sui con­te­sti urbani e i loro attori (www?.eurohrn?.eu )



Related Articles

Colombia, Le Farc liberano il generale Alzate

Bogotà. A Cuba riprendono le trattative di pace

Venezuela e Cuba stati-canaglia per gli Usa

Il governo venezuelano ha protestato «con forza» contro il rapporto annuale sullo «stato del terrorismo in ogni paese» reso noto dagli Stati uniti. L’informativa afferma che «per il quinto anno consecutivo», il Venezuela non ha «collaborato a sufficienza con gli sforzi antiterroristi» degli Usa, anzi ha «rafforzato le relazioni con l’Iran» e non ha compiuto «azioni» contro funzionari del governo e militari sospettati di aver avuto rapporti con le guerriglie colombiane delle Farc e dell’Eln.

Ti ricordi la Kater?

LA NAVE AFFONDATA DEGLI ALBANESI
Al processo per l’affondamento dell’imbarcazione carica di migranti nel ’97. La Kater I Rades fu speronata da una fregata militare italiana, su 140 persone se ne salvarono 34. Il 19 ottobre è prevista la sentenza d’appello. Chiesta la conferma della condanna solo per il comandante albanese

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment