Indignados continentali a doppia velocità

Indignados continentali a doppia velocità

Di fronte all’aggravarsi della crisi eco­no­mica, uno sguardo ai movi­menti di pro­te­sta che lot­tano con­tro l’austerità offre l’immagine di un’Europa a due velo­cità. Un’espressione abu­sata da eco­no­mi­sti e poli­to­logi, per par­lare dei diversi livelli di pro­dut­ti­vità eco­no­mica e inte­gra­zione poli­tica dei paesi euro­pei, ma che cat­tura bene la distanza tra paesi in cui i movi­menti di pro­te­sta hanno con­qui­stato il con­senso della mag­gio­ranza della popo­la­zione, e altri in cui con­ti­nuano a rin­ser­rarsi in uno spa­zio minoritario.

Da un lato ci sono Spa­gna e Gre­cia, che a par­tire dall’ondata del 2011, hanno assi­stito a una tra­iet­to­ria impres­sio­nante di mobi­li­ta­zioni cit­ta­dine, e in cui la forza dei movi­menti sta sof­fiando vento nelle vele dei par­titi di sini­stra, come il neo­nato Pode­mos in Spa­gna e la rima­neg­giata Syriza in Gre­cia, che adesso si gio­cano la pos­si­bi­lità di con­qui­stare il governo. Dall’altro lato ci sono una serie di paesi come Ita­lia, Ger­ma­nia, Fran­cia e Gran Bre­ta­gna, dove se le mani­fe­sta­zioni di pro­te­sta con­tro l’austerità non man­cano, sono ben lon­tane da con­qui­stare quell’appoggio mag­gio­ri­ta­rio, gua­da­gnato dagli Indignados in Spa­gna e dagli aga­nak­ti­sme­noi in Grecia.

La Spa­gna è fuor di dub­bio il paese guida nella clas­si­fica della pro­dut­ti­vità di movi­mento negli ultimi anni in Europa. A par­tire dalla nascita degli indi­gna­dos nel mag­gio 2011, il paese ha vis­suto un livello spa­smo­dico di mobi­li­ta­zioni di pro­te­sta. Dalle “maree cit­ta­dine” con­tro i tagli del governo alla cam­pa­gna con­tro gli sgom­beri abi­ta­tivi, fino a una fio­ri­tura di asso­cia­zioni, media alter­na­tivi e cam­pa­gne legali dal basso con­tro i poli­tici cor­rotti. È in que­sto con­te­sto di impres­sio­nante forza dei movi­menti sociali che biso­gna leg­gere la spet­ta­co­lare cre­scita di Pode­mos, ora primo par­tito secondo i son­daggi, come pure il dispie­garsi di ini­zia­tive muni­ci­pa­li­ste, come Gane­mos a Madrid, e Gua­nyem a Bar­cel­lona, liste civi­che par­te­ci­pa­tive, attra­verso cui i movi­menti pun­tano a con­qui­stare diret­ta­mente i governi locali, senza la media­zione di alcun partito.

La Gre­cia segue a ruota. Dopo le accam­pate degli aga­nak­ti­sme­noi («indi­gnati» in greco), il paese ha visto la nascita di varie ini­zia­tive di pro­te­sta con­tro i tagli alla spesa pub­blica, nuove forme di asso­cia­zio­ni­smo locale, cam­pa­gne di soli­da­rietà con i migranti e occu­pa­zioni di fab­bri­che. Il rap­porto del movi­mento con Syriza è più pro­ble­ma­tico di quello degli indi­gna­dos con Pode­mos, dato che Syriza è un par­tito più clas­sico e più buro­cra­tico. Ma anche in que­sto caso la ragione della cre­scita elet­to­rale del par­tito di Ale­xis Tsi­pras, dato come vin­cente in pro­ba­bili ele­zioni anti­ci­pate nel 2015, è il risul­tato del vasto con­senso che i movi­menti hanno saputo creare in un paese mas­sa­crato dalle poli­tica di austerità.

A larga distanza seguono tutti gli altri paesi euro­pei, in cui o i “movi­menti delle piazze” sono morti nella culla, come è suc­cesso in Ita­lia con la déba­cle del 15 otto­bre 2011, o hanno fatto appena capo­lino, come in Gran Bre­ta­gna dove il movi­mento Occupy è stato molto più debole rispetto ai cugini sta­tu­ni­tensi. Certo, segnali di atti­vità anche in que­sti paesi non man­cano. In Ita­lia la forza del movi­mento per la casa, la grande par­te­ci­pa­zione nella mani­fe­sta­zione della Cgil del 25 otto­bre e nello scio­pero sociale del 14 novem­bre offrono qual­che spe­ranza. In Ger­ma­nia, Bloc­kupy, un gruppo che ha lan­ciato diverse pro­te­ste con­tro la Banca cen­trale euro­pea, pro­mette di gua­stare la festa per l’inaugurazione della nuova sede della Bce a Fran­co­forte. In Gran Bre­ta­gna, la People’s Assem­bly negli ultimi anni ha ricom­po­sto il fronte della sini­stra con­tro l’austerità. In Fran­cia, già «paese clas­sico della lotta di classe» secondo Marx, testi­mone in anni recenti di impor­tanti mobi­li­ta­zioni come quella del 2006 con­tro il Cpe, i movi­menti con­tro la crisi eco­no­mica si sono dimo­strati sor­pren­den­te­mente deboli, anche se negli ultimi giorni una mobi­li­ta­zione sin­da­cale ha preso di mira i tagli al bilan­cio ordi­nati da un delu­dente Fran­cois Hollande.

Quello che con­ti­nua a man­care in que­sti paesi, anche in quelli in cui i movi­menti di pro­te­sta appa­iono rela­ti­va­mente più attivi, è quello spi­rito popo­lare, e in senso posi­tivo popu­li­sta, che ha per­messo ai movi­menti in Spa­gna e Gre­cia di con­qui­stare il con­senso della mag­gio­ranza della popo­la­zione e creare le basi per una con­qui­sta del potere sta­tale. Invece di inno­vare pra­ti­che e lin­guaggi per capi­ta­liz­zare sul dis­senso cre­scente di ampie fasce della popo­la­zione, in que­sti paesi ci si con­ti­nua ad aggrap­pare alla tra­di­zione, come se il 2011 non fosse mai suc­cesso. O si ricorre alle tat­ti­che della poli­tica anta­go­ni­sta in stile no-global o ci si affida al clas­sico cor­teo sin­da­cale. Pra­ti­che che mobi­li­tano diversi set­tori della sini­stra orga­niz­zata, auto­noma o isti­tu­zio­nale che essa sia, ma inca­paci di gua­da­gnare seguito nella massa dei disor­ga­niz­zati e dei non rap­pre­sen­tati, della classe media deca­duta, della classe lavo­ra­trice immi­se­rita, e dei nuovi poveri che costel­lano il pae­sag­gio della Grande Reces­sione, e rischiano di diven­tare base di con­senso per la destra.

Le ragioni per que­sta Europa di movi­mento a due velo­cità sono mol­te­plici. Spa­gna e Gre­cia, i paesi guida per i movi­menti anti-austerità, sono non a caso anche quelli in cui gli effetti sociali della crisi si sono fatti sen­tire in maniera più esplo­siva, con un quarto della popo­la­zione e metà dei gio­vani senza lavoro. Negli altri paesi, gli effetti della crisi si sono fatti avver­tire in maniera rela­ti­va­mente più lenta e mode­rata, o per­chè attu­titi da uno stato sociale piu gene­roso come in Fran­cia e Gran Bre­ta­gna, o per una con­giun­tura eco­no­mica migliore come in Ger­ma­nia, o per il modo in cui i risparmi delle fami­glie hanno tem­po­ra­nea­mente fatto da cusci­netto al disa­gio sociale, come in Italia.

Tut­ta­via il distacco tra Spa­gna e Gre­cia e tutto il resto ha anche a che fare con que­stioni poli­ti­che e cul­tu­rali. Come soste­nuto da Lorenzo Zam­poni, in Ita­lia è stata la pre­senza ingom­brante di gruppi orga­niz­zati ere­di­tati dall’era no-global uno dei fat­tori che ha osta­co­lato la nascita di un movi­mento stile indignados. Ma per pas­sare da un’attitudine difen­siva a un’ambizione mag­gio­ri­ta­ria, in Ita­lia come in altri paesi, è man­cata pure una risorsa che è stata invece alla base della nascita degli indignados in Spa­gna e degli aga­nak­ti­sme­noi in Gre­cia. È una cosa rias­sunta dalla ambi­va­lente parola spa­gnola «ilu­sion», spesso usata dagli atti­vi­sti ibe­rici per spie­gare lo spi­rito delle loro recenti mobi­li­ta­zioni, che signi­fica al tempo stesso «illu­sione» ed «entu­sia­smo» per le cose future. Quanto serve per scon­fig­gere la ras­se­gna­zione e inven­tare nuove forme di pro­te­sta all’altezza di tempi di emer­genza eco­no­mica e sociale.



Related Articles

Linke, eletta Katje Kipping ma su tutto il resto è rissa

Scelta solo la prima presidente. Scontro sul secondo nome. Gysi: «Se ci odiamo così tanto meglio una scissione»

Caso intercettazioni Vittima anche Brown

LONDRA — La polizia britannica ha scoperto che investigatori privati pagati da alcuni giornali hanno violato la casella di posta elettronica dell’ex primo ministro Gordon Brown quando era ministro delle Finanze.

La consorte dell’ex astro nascente del Pcc alla sbarra

Dovrà  essere un processo rapido e con una sentenza – l’imputata rischia la pena di morte – coerente con la versione che da settimane gli organi d’informazione ufficiali forniscono del «caso Bo Xilai», cioè del presunto omicidio di un uomo d’affari britannico che sarebbe stato avvelenato col cianuro dalla moglie dell’ex membro del Politburo del Partito comunista cinese (Pcc) con l’aiuto del maggiordomo di famiglia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment