Colombia, Le Farc liberano il generale Alzate

Il gene­rale colom­biano Ruben Dario Alzate è tor­nato a casa. Le Farc lo hanno libe­rato dome­nica, come ave­vano pro­messo, vicino al fiume Arquia, al nord di Quibdo. Era stato cat­tu­rato nella regione del Chocó (nel nor­dest del paese) il 16 novem­bre, insieme al sot­tuf­fi­ciale Jorge Rodri­guez e a Glo­ria Urrego, un’avvocata che coor­dina i pro­getti spe­ciali dell’esercito. Una zona di con­flitto, con­trol­lata dalla guer­ri­glia mar­xi­sta. Per­ché un gene­rale della sua espe­rienza e leva­tura si è adden­trato nella selva disar­mato e in abiti civili? La domanda, espressa pub­bli­ca­mente dal pre­si­dente colom­biano Manuel San­tos è rim­bal­zata subito sui media: anche per­ché, ancora prima che il governo desse noti­zia della cat­tura, l’ex pre­si­dente Alvaro Uribe, feroce avver­sa­rio del pro­cesso di pace in corso all’Avana, lo aveva già annun­ciato in twit­ter. Secondo quanto ha rac­con­tato alla stampa un altro sol­dato, sfug­gito alle Farc quel giorno, il gene­rale era stato messo in guar­dia dai suoi circa la peri­co­lo­sità della zona, ma aveva ordi­nato di pro­se­guire ugual­mente.
Eppure, Alzate ha un pedi­gree che non lascia dubbi sulla sua espe­rienza e sul suo orien­ta­mento, e 31 anni di atti­vità anti­guer­ri­glia. La Forza Titan dell’esercito, di cui è a capo, è stata più volte denun­ciata per vio­la­zioni dei diritti umani nei con­fronti di con­ta­dini e indi­geni del Choco; e così altri reparti che ha diretto, dopo aver com­ple­tato la for­ma­zione mili­tare negli Stati uniti. Ora, il gene­rale e i suoi accom­pa­gna­tori dovranno rispon­dere all’udienza pre­vi­sta al Senato e anche alla magi­stra­tura, che li ha invi­tati a pre­sen­tarsi davanti alla sezione spe­ciale “antiterrorismo”.

Nono­stante le con­di­zioni atmo­sfe­ri­che che hanno reso dif­fi­cili gli spo­sta­menti, dome­nica il gene­rale e gli altri pri­gio­nieri sono stati presi in con­se­gna dal per­so­nale della Croce rossa e da rap­pre­sen­tanti di due paesi garanti nelle trat­ta­tive, Nor­ve­gia e Cuba. Ha viag­giato nella regione anche Pastor Alape, uno dei lea­der guer­ri­glieri che par­te­cipa ai tavoli dell’Avana, anch’egli coman­dante del Fronte 34: «Il gene­rale – ha detto ad Ann­col – non andava in quella zona per por­tare scuole o miglio­rare le con­di­zioni degli afro­di­scen­denti o quelle degli indi­geni. Il suo com­pito era sem­pre quello di com­bat­tere e annien­tare le forze di guer­ri­glia nella regione. La Forza Tita­nic è un’unità di repres­sione alle dipen­denze della pre­si­denza. Ho sen­tito tante volte sopra la testa gli aerei da guerra inviati da Alzate per ordine di San­tos». Alape ha poi rispo­sto a una domanda circa l’accusa alle Farc di essere legate al nar­co­traf­fico: «E come mai cir­cola così tanta droga nel dipar­ti­mento del Choco quando tutti i punti stra­te­gici in cui la droga passa sono con­trol­lati dall’esercito?», ha ribattuto.

Quello sulle dro­ghe ille­cite e sulle col­ti­va­zioni ille­gali è stato uno dei punti più discussi nell’agenda di pace, che cerca di por­tare a solu­zione il cin­quan­ten­nale con­flitto armato (600.000 morti e quasi 4 milioni di sfol­lati).
Dopo due anni di discus­sioni e momenti tesi, la cat­tura del gene­rale ha rischiato di far fal­lire l’intero pro­cesso di pace. San­tos, infatti, ha subito deciso di sospen­dere le trat­ta­tive, bloc­cando il viag­gio di un altro gruppo di vit­time, pronto a recarsi al tavolo dell’Avana. Nel frat­tempo, la sini­stra colom­biana – che ha soste­nuto il neo­li­be­ri­sta San­tos per via del pro­cesso di pace – è scesa ripe­tu­ta­mente in piazza: per appog­giare la richie­sta di un ces­sate il fuoco bila­te­rale, sem­pre avan­zata dalle due guer­ri­glie di sini­stra, Farc e Eln. E tutti hanno cri­ti­cato la scelta di San­tos: una vio­la­zione delle regole del nego­ziato, indi­pen­dente dal fronte di guerra.
Ieri, i nego­zia­tori del governo sono ripar­titi per Cuba. Forti del loro gesto uni­la­te­rale di buona volontà, le Farc hanno fatto però sapere che occor­rerà ripar­tire su altre basi: per non rischiare un nuovo arre­sto gover­na­tivo in pre­senza di qual­che altro siluro.

Intanto, le orga­niz­za­zioni popo­lari discu­tono la loro pre­senza alle ammi­ni­stra­tive dell’anno pros­simo, senz’altro con­di­zio­nata dagli esiti delle trat­ta­tive. Giorni fa, l’ex sena­trice Pie­dad Cor­doba, una delle lea­der del movi­mento Mar­cia patriot­tica (pronto a pre­sen­tarsi alle ele­zioni) ha denun­ciato minacce e la pos­si­bi­lità di un atten­tato ai suoi danni e a quelli del coman­dante Alape. E ieri, il più peri­co­loso gruppo para­mi­li­tare colom­biano, Agui­las Negra, ha inviato minacce di morte a Repor­ters sans Fron­tiè­res, Tele­sur e Canal Capi­tal, la tv pub­blica di Bogotà: «Abbiamo la lista com­pleta dei servi del castro-madurismo tra­ve­stiti da gior­na­li­sti — hanno scritto — e quella dei difen­sori dei diritti umani, che fanno da cassa di riso­nanza a un pro­cesso di pace con cui il tra­di­tore San­tos sta con­se­gnando il paese al nar­co­traf­fico. Pre­sto arri­verà la loro ora, hanno un mese di tempo per sparire».



Related Articles

Quelle ultime foto di Osama “Sono atroci, incerti se diffonderle”

I dubbi della Casa Bianca: possono danneggiarci In Rete circolano molte immagini ma è difficile verificarne l’autenticità  Gli scatti riprendono il blitz ma anche il momento della sepoltura

Ankara chiama, la Nato frena

Turchia. Il governo chiede una riunione di emergenza dell’Alleanza ma Berlino esclude un intervento militare contro l’Isis e si dice «preoccupata» degli attacchi contro i kurdi

Missili russi in Abkazia

CAUCASO L’annuncio è stato preceduto da una visita del presidente Medvedev
Mosca: serviranno a «proteggere» la regione separatista. Allarme a Tblisi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment