Per le spese militari l’austerity non esiste

Per le spese militari l’austerity non esiste

Loading

Le spese militari non conoscono austerità. All’interno del budget del ministero dello Sviluppo economico per il 2015, nel capitolo “Partecipazione al Patto atlantico e ai programmi europei aeronautici, navali, aerospaziali e di elettronica professionali”, sono stati stanziati 2 miliardi 800 milioni (200 milioni in più rispetto all’anno scorso) per i caccia Eurofighter e altri investimenti aeronautici (in totale 1,4 miliardi), per le fregate Fremm (778 milioni più 60 di mutui) e il programma di blindati Vbm.

Nonché 140 milioni per il programma pluriennale da 6 miliardi per le nuove navi della Marina. Le organizzazioni Sbilanciamoci e Rete Disarmo hanno calcolato una spesa complessiva, per quest’anno, di 23 miliardi e mezzo.

Dettaglio finale: il fondo per le missioni internazionali di pace, incrementato di 850 milioni (per 2015 e 2016), avrà un canale preferenziale. A differenza degli anni scorsi, infatti, i soldi arriveranno subito, senza bisogno dell’approvazione del Parlamento.



Related Articles

L’Europa per una «risposta forte» Ma attende prima il rapporto Onu

Loading

Obama insiste: «Non possiamo restare ciechi, è necessario agire» 

Casa, la battaglia contro il piano Lupi

Loading

Diritto all’abitare. Sindacati inquilini e movimenti mobilitati contro l’articolo 5 e il no alla proroga anti-sfratti. Il ministro delle Infrastrutture: «Faremo interventi a favore di 2 mila famiglie», ma l’emergenza sfratti riguarda almeno 50 mila

Ultima mossa Juncker alza il velo sul documento della discordia

Loading

La mossa del numero uno della Ue Juncker è stata letta da molti osservatori come un modo per parlare direttamente all’elettorato greco

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment