Jobs Act, via libera ai con­trolli a distanza

Jobs Act, via libera ai con­trolli a distanza

Loading

Il mini­stro del Lavoro Giu­liano Poletti ha cer­cato di ras­si­cu­rare: «Le nuove norme non vio­lano la pri­vacy dei lavo­ra­tori». Ma oppo­si­zione e sin­da­cati si dicono pre­oc­cu­pati. Ieri sono stati varati dal con­si­glio dei mini­stri gli ultimi quat­tro decreti attua­tivi del Jobs Act, e tra le misure appro­vate ci sono anche quelle sui con­trolli a distanza. Senza cor­ret­tivi: il governo non si è fatto influen­zare dalle cri­ti­che mosse dai sin­da­cati, né ha voluto rece­pire, come era invece sem­brato la set­ti­mana scorsa, gli emen­da­menti sug­ge­riti dalla Com­mis­sione Lavoro della Camera. E così, come in tante altre occa­sioni, è andato dritto per la sua strada.

In sostanza, le aziende potranno asse­gnare ai lavo­ra­tori stru­menti come pc, tablet e cel­lu­lari senza che sia neces­sa­rio un accordo sin­da­cale o una auto­riz­za­zione del mini­stero, richie­sto invece per instal­lare tele­ca­mere. Ma sarà sem­pre obbli­ga­to­rio infor­mare pre­ven­ti­va­mente e in maniera ade­guata gli stessi lavo­ra­tori sulle moda­lità d’uso degli stru­menti e di effet­tua­zione dei con­trolli, che devono comun­que sem­pre avve­nire nel rispetto delle norme sulla pri­vacy. In base a que­ste due con­di­zioni, le infor­ma­zioni rac­colte «sono uti­liz­za­bili a tutti i fini con­nessi al rap­porto di lavoro», quindi poten­zial­mente anche a fini disciplinari.

I decreti appro­vati ieri sono quindi quat­tro, e vanno a com­ple­tare la riforma che ha avuto il suo bat­te­simo il 16 dicem­bre 2014 (in tutto otto decreti): sono già stati intro­dotti il con­tratto a tutele cre­scenti (che manda il sof­fitta l’articolo 18, sosti­tuendo il rein­te­gro con un risar­ci­mento mone­ta­rio); la nuova inden­nità di disoc­cu­pa­zione (detta Naspi), affian­cata dalla Dis-Coll (per i col­la­bo­ra­tori) e dalla Asdi (per chi ha già esau­rito la Naspi); un allun­ga­mento dei con­gedi paren­tali e una stretta sui con­tratti coco­prò, ma senza però eli­mi­narli del tutto.
Con i decreti di ieri, si è rifor­mata la cassa inte­gra­zione: limi­tan­done la durata, sia per l’ordinaria che per la straor­di­na­ria, a 24 mesi in un quin­quen­nio mobile. Que­sto tetto può salire a 36 mesi con il ricorso esclu­sivo ai con­tratti di soli­da­rietà (24 mesi di soli­da­rietà e poi 12 di cig). Allo stesso tempo, gli ammor­tiz­za­tori sociali sono stati estesi alle pic­cole imprese oltre i 5 dipen­denti e cioè a 1,4 milioni di lavo­ra­tori prima esclusi.

Inol­tre, si è intro­dotto un mec­ca­ni­smo di «bonus-malus»: più le imprese faranno ricorso agli ammor­tiz­za­tori, più dovranno pagare al sistema pre­vi­den­ziale. Ancora, si è data una nuova rego­la­zione con­tro le cosid­dette «dimis­sioni in bianco» (quelle impo­ste ille­gal­mente al momento dell’assunzione, mediante la firma di un foglio che poi resta a dispo­si­zione dell’impresa): le dimis­sioni andranno fatte in via tele­ma­tica su appo­siti moduli resi dispo­ni­bili nel sito del mini­stero. Moduli che potranno essere tra­smessi dal lavo­ra­tore anche tra­mite i patro­nati, i sin­da­cati, gli enti bila­te­rali e le com­mis­sioni di cer­ti­fi­ca­zione. Quanto ai lavo­ra­tori disa­bili, le aziende potranno assu­merli mediante la richie­sta nomi­na­tiva, ma non effet­tuare l’assunzione diretta (potranno essere assunti cioè solo disa­bili inse­riti nelle appo­site liste). Infine, si è dato il via all’Anpal, l’Agenzia nazio­nale per le poli­ti­che attive del lavoro: ma sarà attiva solo da ini­zio 2016. Ed è stato varato l’Ispettorato nazio­nale del Lavoro, che dovrebbe uni­fi­care, sotto la regia del mini­stero del Lavoro, tutte le atti­vità ispet­tive, incluse quelle di Inps e Inail.

Toni di trionfo da parte del mini­stro Poletti, e dai ren­ziani. Secondo il tito­lare del Lavoro «il governo ha scelto di met­tere al cen­tro il con­tratto a tempo inde­ter­mi­nato a tutele cre­scenti», e «molte cen­ti­naia di migliaia di pre­cari ora hanno un con­tratto sta­bile». E sui con­trolli a distanza: «Abbiamo col­mato un vuoto non sugli impianti fissi ma sugli stru­menti in dota­zione ai lavo­ra­tori. Oggi abbiamo norme chiare e defi­nite nel rispetto della pri­vacy». Di avviso con­tra­rio le oppo­si­zioni: per Renato Bru­netta (Forza Ita­lia) «il Jobs Act non ha creato nes­sun posto, sono tra­sfor­ma­zioni di con­tratti a ter­mine». Per Arturo Scotto (Sel) «i lavo­ra­tori adesso potranno essere spiati». Per l’M5S si tratta di «un attacco che sva­luta il lavoro». E di «sva­lu­ta­zione» parla anche Ste­fano Fas­sina, ex Pd. Sui tele­con­trolli si è fatta una «scelta grave» per Cesare Damiano (Pd), pre­si­dente della Com­mis­sione Lavoro della Camera: «Non sarebbe la prima volta che viene disat­teso dal con­si­glio dei mini­stri un accordo inter­ve­nuto con il Par­la­mento». La Fiom, a comin­ciare è quella di Modena, lan­cia il «D-day» con­tro il Jobs Act: il 9 set­tem­bre le Rsu di 250 aziende metal­mec­ca­ni­che man­de­ranno in con­tem­po­ra­nea ai tito­lari una let­tera di dif­fida ad appli­care le nuove norme. La Uil nazio­nale teme che «sui con­trolli aumen­terà il con­ten­zioso», e quindi annun­cia che userà «la con­trat­ta­zione nazio­nale e di secondo livello per recu­pe­rare i diritti ridimensionati».



Related Articles

Fisco, la riforma slitta ancora Jobs Act sul tavolo del governo rebus licenziamenti collettivi

Loading

Renzi: “Non prendo impegni sul taglio delle tasse sulla casa”. Nel Pubblico impiego scatta il pensionamento obbligatorio

Il pugno di Erdogan sui media Retata di giornalisti «critici»

Loading

Gli arrestati collegati al teologo Gülen. Le critiche di Usa e Ue

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment