Dati ISTAT. L’aumento dell’occupazione è integralmente trainato dal precariato

Dati ISTAT. L’aumento dell’occupazione è integralmente trainato dal precariato

Il renzismo ha ormai rinunciato ai suoi orizzonti di gloria: voleva sconfiggere il precariato, ora è soddisfatto per l’aumento del lavoro qualunque sia. Due anni fa prometteva la rinascita dei contratti a tempo indeterminato

I trentaseimila occupati in più ad agosto, un mese in cui fioriscono i contratti stagionali, registrati dall’Istat ieri hanno fatto esplodere la curva renziana. Il governo, a cominciare dal presidente del Consiglio Gentiloni, ha vergato comunicati soddisfatti per il «ciclo favorevole» dell’occupazione. I dati che hanno portato Matteo Renzi a scrivere sul suo facebook che «i gufi anti-Jobs Act sono spariti» confermano invece una verità indicibile dalle parti di una maggioranza sotto stress da elezioni: la crescita dell’occupazione è trainata integralmente dai contratti a termine e precari (+1,6%), è dovuta all’occupazione femminile (+0,5%) e non modifica il gap di genere con quella maschile. Il nuovo precariato investe tutte le fasce d’età, tranne quella più colpita dalla crisi insieme ai giovani, i lavoratori tra i 35 e i 49 anni, sempre più in crisi nera. Nell’ultimo anno l’Istat ha registrato un aumento degli occupati pari a 417 mila, 350 mila sono a termine, 354 mila sono ultra-cinquantenni. È «l’effetto riforma Fornero», altro che Jobs Act.

Questa breve sventagliata di cifre basta per dimostrare che è fallito il progetto originario del Jobs Act: rendere subalterno il lavoro precario al «contratto a tutele crescenti» dove a crescere è solo la libertà di licenziare senza articolo 18. Oggi sono solo 66 mila i lavoratori, si fa per dire, «permanenti». L’occupazione prodotta nel frattempo – l’85% – è precaria, il prodotto di un’altra riforma del renzismo, ingiustamente dimenticata dai suoi corifei: quella dei contratti a termine che porta il nome del ministro del lavoro Poletti. Oggi il contratto di un dipendente precario può essere rinnovato più volte e contribuire all’aumento dell’occupazione e non dei posti di lavoro. Il dato che conferma la tendenza è quello del tasso di occupazione: il 58,2% ad agosto, con un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente.

L’entusiasmo per la crescita mensile di un decimale è la prova della modestia nella quale si muovono il Pd e il governo. Il renzismo ha ormai rinunciato ai suoi orizzonti di gloria: se il 7 marzo 2015, quando è entrato in vigore il Jobs Act, ambiva a aumentare i farlocchi contratti a tempo indeterminato, oggi mira a aumentare il lavoro, qualunque sia il lavoro. E, visto che in Italia il lavoro è quello precario, oggi è costretto a festeggiare un risultato che nega il sedicente obiettivo di partenza della sua «riforma» simbolo.

Per arrestare una tendenza che giungerà a sostituire l’occupazione «fissa» con quella precaria, occorrerebbe perlomeno cambiare la legge Poletti sui contratti precari, ha ricordato la segretaria confederale Cgil Tania Scacchetti. A sei mesi dalle elezioni questo obiettivo è remoto. Nell’immediato si potrebbe evitare di continuare sulla strada della decontribuzione che non diminuisce i contratti precari come dimostrano gli ultimi tre anni. Le imprese usano i lavoratori come scorte, gonfiando gli organici in base alla domanda nella logica post-fordista del «mordi e fuggi». Ma è proprio questo che il governo farà nell’ultima legge di bilancio della legislatura.

*** Cresce il lavoro ma è sempre più precario: boom di quello a chiamata. Il punto di vista dell’Inps

FONTE: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Debito, la Grecia in vendita

Con 152 voti a favore e 141 contrari, lo scorso 27 settembre il Parlamento greco ha approvato le nuove misure di austerità, proposte dal governo Tsipras per ottenere la nuova tranche di prestiti dalla Troika, finalizzata al pagamento del debito

Appalti, si cambia: Bologna scavalca il Jobs act e riattiva l’articolo 18

ui lavori pubblici via il requisito del massimo ribasso: “Un impegno che avevamo preso con Don Ciotti”. E sui contratti restano le tutele di prima. I sindacati applaudono

Unicredit, Rampl indagherà  sul caso Libia

Mandato al presidente per preparare la risposta a Bankitalia. Bossi: giusto cercare alleati.  La questione sarà  al vaglio del cda del 30 settembre. Oggi via al tavolo sui 4.700 esuberi 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment